A CACCIA DI SOLDI – UN EX CHIRURGO RUSSO ABBANDONA LA PROFESSIONE PER PORTARE I TURISTI A CACCIA DI ELEFANTI, RINOCERONTI E LEONI – I TOUR DI LUSSO PARTONO DAI 5MILA DOLLARI E POSSONO ARRIVARE ANCHE A 550MILA PER UN SAFARI DI SETTE GIORNI PER UCCIDERE UN ESEMPLARE DI RINOCERONTE NERO – GLI ANIMALISTI LO MASSACRANO, MA LUI SE NE INFISCHIA E OGNI ANNO FATTURA CIFRE MILIONARIE


 
Guarda la fotogallery

DAGONEWS

 

george ragozin 9 george ragozin 9

Un ex chirurgo russo si è vantato di come abbia costruito un business da 1,3 milioni di euro all'anno offrendo ai turisti ricchi la possibilità di cacciare elefanti, rinoceronti e leoni per esibirli come trofei.

 

George Ragozin è conosciuto dai suoi clienti come il “russo pazzo”: ha abbandonato la sala operatoria per dedicarsi a un’attività che gli permettere di mettersi in tasca oltre 1,3 milioni di euro all’anno. La sua attività consiste nell’organizzare per i turisti ricchi tour che consentano loro di cacciare elefanti, rinoceronti e leoni.

george ragozin 8 george ragozin 8

 

I pacchetti comprendono la possibilità di cacciare l’animale da loro scelto oltre ad alloggio, cibo, birra e vino. Si parte da un pacchetto da 5mila dollari per un safari di dieci giorni che include la caccia allo gnu e alla zebra, ma si passa a 21.000 dollari per un leone maschio o femmina e a 34.000 dollari per una quindicina di giorni per uccidere dei leopardi

george ragozin 7 george ragozin 7

 

Più costosi (55mila dollari) il pacchetto per cinque giorni a caccia di rinoceronti bianchi e quello di 12 giorni a caccia di elefanti. Ma tra le follie offerte ai turisti c’è anche un viaggio di sette giorni per pedinare e uccidere un rinoceronte nero, specie in via di estinzione. Il costo? 550.000 dollari. I prezzi non comprendono il noleggio di aerei, armi da fuoco e munizioni, né la spedizione dei trofei.

 

george ragozin 6 george ragozin 6

Nonostante le cifre e l’idea folle, però, Ragozin assicura che i suoi viaggi sono tutti prenotati fino al 2020, mentre con orgoglio continua a postare immagini dei suoi turisti con le prede nello Zimbabwe, in Mozambico, in Burkina Faso e in Namibia. Lui assicura che i suoi viaggi sono tutti autorizzati e legali, ma c’è chi si chiede come sia possibile che si possano cacciare impunemente anche specie in via d’estinzione. «Le popolazioni di elefanti sono scese del 30% negli ultimi 10 anni.

george ragozin 4 george ragozin 4

 

Quindi perché è ancora permesso loro la caccia? Cento anni fa la popolazione di elefanti africani era di 10 milioni, oggi solo di 400.000». Ma sembrano questioni poco interessanti per Ragozin, che è finito nella bufera anche per aver postato delle foto delle sue figlie poco più che adolescenti con i loro trofei in bella vista: in Russia lo accusano di voler incoraggiare i giovani a imbracciare le armi.

 

george ragozin 3 george ragozin 3

Dal canto suo Ragozin risponde dicendo di avere “fedeli sostenitori” non solo tra i russi ma anche tra americani, tedeschi, spagnoli, slovacchi e sloveni, vantandosi di fatturare cifre importanti ogni anno. «Sono nato e cresciuto a Mosca - ha detto - Dopo la scuola ho continuato la mia tradizione di famiglia e sono entrato nel reparto chirurgico dell'Istituto Sechenov di Mosca.

 

george ragozin 14 george ragozin 14

Avevo davvero voglia di diventare un medico, ma ricevere un salario di 300 dollari era umiliante. Mi sono sposato e durante i miei anni da studente non riuscivo a dar da mangiare alla mia famiglia con un reddito del genere. Così ho trovato questo nuovo business. L’unica regola è rispettare le norme in vigore nei territori in cui si caccia. Per il resto, fatturo ogni anno 1,3 milioni di euro».

george ragozin 2 george ragozin 2 george ragozin 13 george ragozin 13 george ragozin 12 george ragozin 12

 

george ragozin 1 george ragozin 1 george ragozin 10 george ragozin 10

Guarda la fotogallery