A CHE PUNTO È LA NOTTE DI RENZI? - L’IDEA DI VINCERE IL CONGRESSO PD SI SCONTRA CON LA VOGLIA DI CREARE UN NUOVO MOVIMENTO. TUTTO DIPENDE DA COME MACRON - RITIENE ANCORA DI AVERE LA MAGGIORANZA DEL PARTITO; È CONVINTO CHE DELRIO DIFFICILMENTE ACCETTERÀ DI CANDIDARSI ALLE PRIMARIE. DA QUI ALLA FINE DELL’ESTATE DOVRÀ PENSARE AL NUOVO CANDIDATO: MINNITI IN CONTRAPPOSIZIONE A CALENDA…


 
Guarda la fotogallery

EMMANUEL MACRON MATTEO RENZI EMMANUEL MACRON MATTEO RENZI

DAGOREPORT

L’idea di Renzi di vincere il congresso PD si scontra con la voglia di creare un nuovo movimento. Tutto dipende da come Macron riuscirà a gestire la complessa faccenda europea, colpita dalle saette quotidiane di Trump.

 

Se Monsieur le President avrà successo, l’idea del nuovo movimento prenderà corpo.

MARCO MINNITI E MATTEO RENZI MARCO MINNITI E MATTEO RENZI

In caso contrario si concentrerà sulla battaglia congressuale che, nelle sue intenzioni, si dovrebbe, tenere a febbraio 2019.

 

Il plurisconfitto ex leader del PD ritiene ancora di avere la maggioranza del partito; è convinto che Delrio difficilmente accetterà di candidarsi alle primarie. Da qui alla fine dell’estate dovrà pensare al nuovo candidato. Attraverso sondaggi, sta pensando  al nome di Minniti in contrapposizione a quello di Calenda, mentre è convinto di recuperare quella che lui chiama “la compagnia di teatro”, che sta intorno a Paolo Gentiloni.  I renziani, per ora, sono “tiepidi”, non l’hanno abbandonato.

Renzi e Gentiloni Renzi e Gentiloni RENZI DELRIO RENZI DELRIO

Guarda la fotogallery
ultime notizie