Dagospia

ALITAGLIA: GUBITOSI FA FUORI I DIRIGENTI VOLUTI DA ETHIAD, 15/20 RISCHIANO IL POSTO. VERRANNO SOSTITUITI DA MANAGER ITALIANI – BUONE NOTIZIE PER I VIAGGIATORI: LA COMPAGNIA ABBASSERA’ I BIGLIETTI. ED I RICAVI TORNANO A SALIRE

 


 
Guarda la fotogallery

 

Umberto Mancini per Il Messaggero

 

ALITALIA ALITALIA

«Care colleghe, cari colleghi, dovete essere il vento sotto le ali di Alitalia». Ad un mese dalla gestione straordinaria, il commissario Luigi Gubitosi scrive ai dipendenti. Lo fa per rassicurare, illustrare i progressi fatti, infondere fiducia e dare la scossa. Nella mail ci sono notizie positive ma anche l’annuncio, nero su bianco, del taglio del 25% dei dirigenti entro il mese. Si tratta di quasi tutta la vecchia prima linea targata EthIad, circa 15-20 manager su 60, che verrà sostituita con italiani.

COMMISSARI ALITALIA GUBIOSI PALEARI LAGHI COMMISSARI ALITALIA GUBIOSI PALEARI LAGHI

 

Quanto ai numeri, maggio «un mese tra i più turbolenti nella storia di Alitalia» si è chiuso con un fatturato in crescita «a quota 250 milioni di euro contro i 240 dello scorso anno». Quasi un miracolo visto tutto ciò che è accaduto. Gubitosi, che parla anche a nome dei colleghi Enrico Laghi e Stefano Paleari, ricorda che la priorità è stabilizzare i ricavi. «Per questo abbiamo spiegato che l’operatività continuava, che non si intendeva cancellare voli».

 

Insomma, la missione continua. Bisogna convincere i viaggiatori che il futuro è tutto da scrivere e che la compagnia non è spacciata. «Per questo – spiega – ho partecipato al convegno Fiavet dove ho ribadito questi concetti agli operatori del settore e la stessa cosa ho fatto al vertice Iata a Cancun». Il messaggio sembra essere passato e le prenotazioni, nota il commissario, dopo aver subito una brusca caduta nella prima parte del mese, hanno ripreso a crescere.

 

IL PIANO

ALITALIA ETHIAD ALITALIA ETHIAD

Poi prova a scaldare i cuori, elencando le iniziative in cantiere, ovvero le nuove destinazioni (Maldive, Delhi, Los Angeles, San Paolo) «per attrarre viaggiatori e tour operator». Spiega Gubitosi che, insieme ad una politica aggressiva sul fronte dei biglietti, continuerà la campagna pubblicitaria su radio e carta stampata. Una campagna low cost, pagata interamente con biglietti.

 

maldive maldive

Nella mail si specifica poi che sì è già iniziato a progettare la Summer Season 2018. La scure sui costi, dopo il carburante, si concentrerà sul «leasing, i contratti esterni di manutenzione, l’It e il catering». L’obiettivo è risparmiare circa 200-250 milioni entro la fine dell’anno. Ma nel mirino, come detto, ci sono i dirigenti. «Circa il 25% dei quali – osserva Gubitosi – è stato o sarà avvicendato entro giugno, in un’ottica di discontinuità con il passato».

 

Il cfo Duncan Naysmith sta abbandonando il suo ufficio. Altri lo seguiranno nei prossimi giorni. Appello infine a non fare scioperi e quindi regali alla concorrenza. Sempre sul fronte del personale, ieri i sindacati hanno chiesto che il contratto venga prorogato fino a ottobre.

Piloti Alitalia Piloti Alitalia

 

Definita quindi la Cigs a rotazione per il personale navigante da luglio ad ottobre: 3,5 giorni per i comandanti di 777; 4,5 giorni per i piloti di 777; 3 giorni per i comandanti di 330; 4 per i piloti 330; 2 giorni per i comandanti 320; 0.8 giorni per i piloti 320; da 3 a 1,8 giorni per i capo cabina a seconda delle fasce e 1,5 giorni per gli assistenti di volo. Alitalia ha anche chiesto la protezione dalla legge fallimentare Usa per il riconoscimento dell’amministrazione straordinaria. 

Guarda la fotogallery