AMORE, POESIA E CAZZOTTI - LE LETTERE DI SYLVIA PLATH CHE ACCUSANO IL MARITO TED HUGHES: “MI PICCHIAVA ANCHE QUANDO ERO INCINTA E VOLEVA UCCIDERMI” – LA VEDOVA DEL POETA INGLESE: "ACCUSE ASSURDE E SCONCERTANTI. NON HANNO SENSO"


 
Guarda la fotogallery

HUGHES PLATH HUGHES PLATH

Paola De Carolis per il Corriere della Sera

 

Amore e gelosia, poesia e suicidio: alla tragica storia di un' unione letteraria che a più di mezzo secolo dalla sua conclusione continua a far discutere si aggiunge una nuova incognita. Il matrimonio tra Ted Hughes e Sylvia Plath fu un connubio di passione e creatività, di gioia e di dolore, non privo di violenza.

 

Hughes non può smentire (si è spento nel 1998). Plath non può confermare (si suicidò nel 1963 mentre i due figli piccoli dormivano nella stanza accanto), ma le accuse esistono e non si cancellano: furono messe nero su bianco dall' autrice di La campana di vetro in alcune lettere inviate alla psichiatra statunitense dalla quale era stata a lungo in cura.

SYLVIA PLATH SYLVIA PLATH

 

Hughes, scrive Plath, la picchiava, anche quando era incinta. La poeta perse il secondo bambino due giorni dopo essere stata colpita dal marito. Alla fine della relazione, sottolinea Plath, Hughes la odiava. Le gridò che l' avrebbe voluta morta. Le parole esatte non si conoscono. Le lettere, viste dal Guardian, sono oggetto di una causa legale tra un librario del Massachusetts, Ken Lopez, e lo Smith College, dove Plath studiò e insegnò.

 

HUGHES PLATH 2 HUGHES PLATH 2

L' università sostiene che facciano parte degli incartamenti della professoressa Ruth Barnhouse, la psichiatra di Plath, che le lasciò ai loro archivi.

 

Il tragitto che ha portato alla luce la corrispondenza è lungo e tortuoso. Le lettere risalgono al periodo tra il 1960 e il 1963, anni in cui Plath scrisse quella che è la sua raccolta più famosa, Ariel, ma che furono segnati dalla separazione da Hughes e dal ritorno della depressione della quale aveva sofferto in passato. Del suo stato mentale si sa poco. I suoi diari vennero requisiti da Hughes, che distrusse l' ultimo volume «per proteggere i figli». La professoressa Barn-house, a sua volta, rivelò l' esistenza delle lettere e il loro contenuto solo a Harriet Rosenstein, critica letteraria, studiosa di storia e letteratura femminista che la intervistò per una biografia su Plath.

 

SYLVIA PLATH SYLVIA PLATH

Gliele regalò. La biografia non venne mai terminata. La collezione che Lopez ha messo in vendita per 875.000 dollari raccoglie tutti gli appunti di Rosenstein, incluse le lettere di Plath.

 

Per Carol Hughes, che sposò Ted nel 1970 e rimase al suo fianco sino alla fine, le accuse sono «assurde e sconcertanti». «La corrispondenza privata tra un paziente e il suo psichiatra - ha detto in un comunicato - è confidenziale e, in questo caso, fu scritta da una donna che provava grande dolore emotivo per via della fine del suo matrimonio».

 

«Chi conosceva Ted - ha aggiunto - sa che non hanno senso». Hughes, apprezzato e sostenuto da Seamus Heaney e T.S. Eliot, è considerato tra i maggiori poeti britannici del ventesimo secolo, ma fu profondamente segnato dal suicidio di Plath.

 

PLATH 1 PLATH 1

Negli anni successivi alla sua scomparsa fu accusato di essere responsabile della depressione e dell' atto estremo della moglie, che aveva lasciato per l' amante Assia Wevill (morta suicida come Plath). Lui stesso si torturò sino alla fine, come dimostra la collezione Lettere di compleanno , poesie struggenti scritte su e per Plath: l' ultima, la più personale, venne pubblicata solo dopo la sua morte.

 

TED HUGHES TED HUGHES SYLVIA PLATH 1 SYLVIA PLATH 1 SYLVIA PLATH TED HUGHES SYLVIA PLATH TED HUGHES Silvia Plath Silvia Plath Silvia Plath Silvia Plath la poetessa Sylvia Plath la poetessa Sylvia Plath TED HUGHES TED HUGHES TED HUGHES TED HUGHES PLATH HUGHES PLATH HUGHES

Guarda la fotogallery
ultime notizie