CONDANNATO A 18 ANNI DI CARCERE GENNARO DE TOMMASO, CONOSCIUTO COME “GENNY ‘A CAROGNA”, PER TRAFFICO INTERNAZIONALE DI DROGA - PER I GIUDICI, ERA A CAPO DI UN GRUPPO DI IMPORTATORI DI COCAINA DAL SUDAMERICA E CONTROLLAVA, DIRIGENDOLA IN PRIMA PERSONA, LA PARANZA DEI “MASTIFFS” DEL CENTRO DI NAPOLI - IL CAPO ULTRA’ DIVENNE FAMOSO IL 3 MAGGIO 2014, DURANTE LA FINALE DI COPPA ITALIA QUANDO…


 
Guarda la fotogallery

F.Pos. per il “Corriere del Mezzogiorno - Corriere della Sera”

 

genny a carogna veglia sui tifosi genny a carogna veglia sui tifosi

Gennaro De Tommaso, conosciuto con il soprannome di «Genny la carogna», è stato condannato a 18 anni di carcere per il reato di traffico internazionale di sostanze stupefacenti. Per la corte era a capo di un gruppo di importatori di cocaina dal Sudamerica e controllava, dirigendola in prima persona, la paranza dei «Mastiffs» del centro storico, che a piazza Bellini vendeva (e tutt' ora i componenti lo fanno) «bombette» a 50 euro.

 

La droga arrivava a Napoli in camion direttamente dalla Spagna e ad incastrarlo sono state le intercettazioni telefoniche. Il gup Claudio Marcopido ha accolto le richieste della Dda e inflitto, in totale, oltre un secolo e mezzo di carcere agli altri quindici imputati, tra i quali lo zio Gaetano (16 anni) e il factotum Giovanni Orabona (20 anni).

 

HAMSIK GENNY A CAROGNA HAMSIK GENNY A CAROGNA

Il narcos di Forcella «'a carogna» è salito alla ribalta delle cronache nazionali il 3 maggio del 2014, quando il Napoli vinse la Coppa Italia all' Olimpico di Roma contro la Fiorentina e nel pre partita fu ferito gravemente il tifoso partenopeo Ciro Esposito (poi morto dopo un mese) con un colpo di pistola esploso da un ultras della Roma, poi arrestato e condannato.

 

Quel giorno Gennaro De Tommaso salì sulla balaustra dello stadio Olimpico e con una maglietta nera che inneggiava alla scarcerazione di Antonio Speziale, il giovane catanese indagato per la morte del poliziotto Filippo Raciti, con il calcio d' inizio che tardava, dettò i tempi della trattativa tra forze dell' ordine, calciatori e responsabili della Federazione.

 

HAMSIK E GENNY A CAROGNA HAMSIK E GENNY A CAROGNA

Lui rappresentava in quel momento tutti i tifosi che erano in Curva e che a un suo cenno avrebbero scatenato la guerriglia dentro e fuori lo stadio. La partita iniziò con un' ora di ritardo e non ci furono scontri, ma da quel giorno De Tommaso diventò «leggenda» nel mondo ultras.

 

Fino poi al Daspo di 8 anni, all' arresto per associazione a delinquere, resistenza a pubblico ufficiale, all' indagine per traffico internazionale, quella per camorra e di recente anche per la detenzione di un telefono cellulare in carcere, nel padiglione Avellino del reparto di «alta sorveglianza» di Poggioreale, con il quale seguiva le partite del Napoli e chiamava a casa, come se fosse in villeggiatura.

GENNY A CAROGNA E HAMSIK GENNY A CAROGNA E HAMSIK

Guarda la fotogallery
ultime notizie