Dagospia

E CRUCIANI MANGIO’ LA NUTRIA! - IL CONDUTTORE DE “LA ZANZARA” SI E’ FATTO PREPARARE UN PIATTO CON LA CARNE DEL RODITORE - L’ORGANIZZATORE DELLE SAGRE A BASE DI NUTRIA: “C’È MOLTO PREGIUDIZIO PERCHÉ SEMBRA UN TOPO MA È UN CASTORINO. DOPO LA GUERRA ERA STATA IMPORTATA PER SFAMARE IL POPOLO. IO L’HO FATTA IN TUTTI I MODI. E’ CARNE BIANCA DOLCIASTRA”


 
Guarda la fotogallery

Stefano Beccacece per https://www.radiomusik.it

 

GIUSEPPE CRUCIANI MANGIA LA NUTRIA GIUSEPPE CRUCIANI MANGIA LA NUTRIA

Ieri sera il conduttore de “La Zanzara” Giuseppe Cruciani ha raggiunto il proprio scopo: mangiare la nutria. Tutto. dopo aver letto, lo scorso 2 maggio, la dichiarazione di Michel Marchi, sindaco di Gerre ‘De Caprioli, provincia di Cremona,  che vorrebbe la nutria non vietata, ma servita regolarmente nei ristoranti nelle sagre.

 

GIUSEPPE CRUCIANI MANGIA LA NUTRIA GIUSEPPE CRUCIANI MANGIA LA NUTRIA

Queste le parole del sindaco: “Le nutrie devastano gli argini, che sono le difese idrauliche del Comune.  Ci sono dei cacciatori autorizzati. Invece di ammassarle in fosse comuni, si potrebbero mettere nei frigoriferi. L’ho mangiata in una casa privata perché non può essere cucinata in un esercizio pubblico in quanto c’è una norma sulla trattatività  della carne. La nutria non è un topo e a differenza del topo, si nutre solo di erba. E’ come un coniglio, ma dalla carne più scura”.

 

GIUSEPPE CRUCIANI MANGIA LA NUTRIA GIUSEPPE CRUCIANI MANGIA LA NUTRIA

Il giorno dopo, la trasmissione ha chiamato Cristian Gai, trevigiano i Pieve di Soligo che organizza saltuariamente cene a base di nutria dette “Quei dea nutria”. Queste le parole di Gai: “La prima volta eravamo in quattro, poi siamo diventati cinquanta. C’è molto pregiudizio perché sembra un topo ma è un castorino. Dopo la guerra era stata importata per sfamare il popolo. Io l’ho fatta in tutti i modi. E’ carne bianca dolciastra”.

GIUSEPPE CRUCIANI MANGIA LA NUTRIA GIUSEPPE CRUCIANI MANGIA LA NUTRIA

 

La nutria è stata cucinata da “Giovanni della provincia di Cremona, ma non dico dove, se no gli rompono i co**oni”. Insomma, questo è il salto di qualità dopo il coniglio. Nel vieo in questione, viene descritto il procedimento di di cottura, e il conduttore ha anche detto: “Se volete venire alla sede del Sole 24 Ore e noi distribuiremo un piatto di nutria”.

 

Guarda la fotogallery