Dagospia

ERDOGAN CANCELLA PURE CHOPIN – AI FUNERALI UFFICIALI VIETATA LA “MARCIA FUNEBRE”, TROPPO OCCIDENTALE – IMPOSTO UN CANTO OTTOMANO DI FINE SEICENTO. PER LA MINORANZA LAICA E' UN ULTERIORE PASSO VERSO L’ISLAMIZZAZIONE DEL PAESE


 
Guarda la fotogallery

 

Marco Ansaldo per la Repubblica

 

FUNERALI TURCHIA FUNERALI TURCHIA

I turchi vanno pazzi per marce, inni, canti patriottici all' ombra della loro bella bandiera rossa con la mezzaluna e la stella. Lo sapeva bene Mozart dedicandogli, in piena epoca ottomana, quella musica rimastagli addosso come un marchio indelebile che è La marcia turca. Ma se Wolfgang Amadeus resta nel cuore degli eredi dell' Impero e nei jingle che li accompagnano mentre fanno spesa al centro commerciale, l' amore per i classici ora non tocca più Chopin. Basta Marcia funebre durante le cerimonie in memoria dei soldati morti in battaglia. Addio alle note cadenzate del Grande polacco. Al loro posto, dal prossimo caduto, ci sarà la composizione di un celebre musicista ottomano suonata tra i versi del Corano.

funerali turchia 1 funerali turchia 1

 

Cambia l' approccio, in questa Turchia, anche sulla musica. E quella di Frédéric Chopin è adesso considerata come troppo occidentale per accompagnare i "martiri" caduti in battaglia, troppo straniera perché il suo ritmo forzato risuoni nell' ora in cui le bare coperte dal vessillo sono portate alla sepoltura. Il momento religioso dei funerali, in un Paese musulmano al 99 per cento, deve seguire i dettami della fede corrente, e non essere toccato da note giunte da altri mondi.

 

FUNERALI TURCHIA3 FUNERALI TURCHIA3

La decisione arriva dal ministero degli Interni di Ankara, competente sui militari per quanto riguarda i funerali, ed è stata presa alla fine di un lungo dibattito, anche pubblico. La discussione partì nel 2016, quando ai funerali di un giovane soldato morto nei pressi della città curda i Yuksekova la banda venne messa a tacere da un gruppo di amici del defunto che preferivano canti e versi sacri al posto di una rappresentazione musicale straniera.

 

TURCHIA FUNERALI BLINDATI TURCHIA FUNERALI BLINDATI

Accantonato Chopin, è così iniziata la disputa su quale tipo di musica fosse la più consona alle cerimonie. I nazionalisti prediligevano canti patriottici, ben vicini a raffigurare quel tremendo tributo di sangue che è tuttora, nel sud est dell' Anatolia, la guerra fra l' esercito turco e i guerriglieri curdi.

 

Di altro avviso i fautori del credo islamico, inclini a suoni più mediati ed eterei. La scelta finale è stata un compromesso, e i diversi enti e personalità intervenute, fra cui il Gran Mufti e il Direttore degli Affari religiosi, hanno optato per una composizione che coniugasse entrambe le esigenze: un canto di Mustafa Itri, musicista e poeta ottomano di fine Seicento, e il Segah Tekbir, musica di origine sufi.

 

erdogan erdogan

Il ministero ora mostra di non avere dubbi. La nuova cerimonia, che verrà applicata pure ai funerali di tutti i dipendenti, è «conforme all' etica dei martiri e al loro posto nel cuore della nostra nazione». Non solo, ma contribuisce a recuperare «le radici della nostra civiltà». La modifica appare del tutto in linea con la recente spinta del presidente Recep Tayyip Erdogan al recupero completo delle tradizioni ottomane.

 

marcia di protesta contro erdogan 6 marcia di protesta contro erdogan 6

In Turchia la passione per le sette note comincia già da piccoli, nelle scuole. Ogni mattina alle 8.30, in ogni istituto di ordine e grado della Repubblica, docenti, personale non insegnante e alunni sono tutti sull' attenti davanti alla bandiera e alla statua di Ataturk, padre della Turchia moderna, a cantare l' inno nazionale. E quante volte la tv inquadra, prima delle partite della Nazionale, i giocatori con la mano sul cuore e il loro pubblico che sventola con commozione il vessillo rosso.

 

Le polemiche, però, sono già partite. I laici che compongono l' altra metà del Paese dicono che con questo nuovo passo la Turchia prosegue il suo cammino verso l' islamizzazione. Ora è Chopin a farne le spese, mentre il canto ottomano seguito dalle parole del Corano diventa l' emblema del Paese che cambia.

Guarda la fotogallery