BEGGIO FOR EVER! IL MONDO DEL MOTOCICLISMO PIANGE LO STORICO PRESIDENTE APRILIA IVANO BEGGIO, SCOMPARSO A 73 ANNI DOPO UNA LUNGA MALATTIA - TRASFORMO’ L’AZIENDA DI BICI DEL PADRE IN UNA BIG DELLE 2 RUOTE – FU IL PAPA’ DELLO "SCARABEO" - SCOPRI’ BIAGGI E ROSSI: "NON ERA NESSUNO. L’HO LANCIATO IO" – VIDEO


 
Guarda la fotogallery

Da corriere.it

 

ivano beggio ivano beggio

È morto a 73 anni Ivano Beggio, storico patron dell’Aprila e simbolo del motociclismo italiano nel mondo, sia per le corse che per il made in Italy. Fu lui infatti a lanciare tra gli altri campioni delle due ruote come Valentino Rossi e Max Biaggi (e Locatelli, Melandri e Poggiali), ma fu sempre lui a trasformare una piccola azienda locale ereditata dal padre in un colosso dell’industria.

 

 

Tutto nasce dall’impresa del padre Alberto, che gestiva una fabbrica artigianale di biciclette a Noale. A 27 anni, rimasto orfano, aveva assunto la guida di Aprilia, a Noale (Venezia), orientandola sempre più verso la produzione di mezzi sportivi e aggiudicandosi nel 1977 il titolo italiano 125 e 250 centimetri cubici con Ivan Alborghetti. Il 26 giugno 1987, per la prima volta, una Aprilia si aggiudicò una gara di campionato mondiale e nel 1989 Aprilia vinse il primo titolo europeo di velocità. Nel 1992 arrivarono i primi due titoli iridati nel Trial e nel mondiale velocità classe 125. 

ivano beggio ivano beggio

 

L’azienda intanto cresce e nel 1980 comincia la produzione in serie di moto di piccola cilindrata mente Beggio crea un gruppo di progettisti per lanciare modelli che diventeranno vere e proprie icone della mobilità cittadina: su tutti lo scarabeo nel 2001 e poi nel 2002 la prima due ruote due tempi con marmitta catalitica. Era nato a Rio San Martino di Scorze', nel veneziano, e aveva affiancato da giovanissimo il padre nella piccola officina di costruzione di biciclette.

 

ivano beggio ivano beggio

L’Aprilia di Beggio acquisisce nel 2000 Moto Guzzi mentre cresce sempre di più la competitività nelle corse: Beggio lancia campioni e leggende del motomondiale come Valentino Rossi e Max Biaggi. Si devono all’Aprilia anche le carriere vincenti di altri piloti come Locatelli, Melandri e Poggiali. Sotto il profilo associativo, Ivano Beggio fu presidente di Confindustria Venezia per alcuni anni a partire dal 1991. L'imprenditore, che abitava ad Asolo, lascia la moglie, Tina, e il figlio Gianluca.

ivano beggio ivano beggio

 

Guarda la fotogallery
ultime notizie