IL SOPRACCIGLIO DI DESCALZI – DI FRONTE ALLE IPOTESI DI DEPISTAGGIO PER L’INCHIESTA SULLE TANGENTI ENI, L'AD S'APPELLA ALL'ORGOGLIO: “SOLO PENSARE AD IPOTESI DEL GENERE MI INDIGNO” – “HO FIDUCIA NELLA GIUSTIZIA, MA ANCHE DI CHI LAVORA CON ME DA 30 ANNI”

 


 
Guarda la fotogallery

 

descalzi descalzi

Da Il Messaggero

 

«Solo il pensare» possibile che come Eni «ci mettiamo lì, invece di lavorare, a fare depistaggi, è una cosa che mi fa assolutamente indignare». Lo ha detto l'amministratore delegato di Eni, Claudio Descalzi, parlando ai giornalisti a margine della conferenza petrolifera Egyps al Cairo, e rispondendo alle ipotesi emerse nell'ambito delle indagini dei pm di Roma e Messina.

PIATTAFORME ENI ADRIATICO PIATTAFORME ENI ADRIATICO

 

«Ho un'estrema fiducia nella giustizia ma ho anche un'estrema fiducia nella mia struttura, nelle persone che conosco da 30 anni» ha sottolineato Descalzi riferendosi a Eni e ai suoi manager. 

Massimo Mantovani Massimo Mantovani

 

Guarda la fotogallery
ultime notizie