LA FINE DEI BITCOIN È VI-CINA? – I RICERCATORI AMERICANI LANCIANO L’ALLARME: PECHINO HA SIA I MEZZI CHE LE MOTIVAZIONI PER DISTRUGGERE LA RETE SU CUI SI MINANO LE CRIPTOVALUTE – MA PERCHÉ (E COME) LO DOVREBBE FARE? IL 74% DELL’HASHRATE, LA POTENZA DI ELABORAZIONE DEL NETWORK, ARRIVA DALLA CINA, IL GOVERNO VORREBBE AVERE PIÙ CONTROLLO SULLA BLOCKCHAIN E…


 
Guarda la fotogallery

DAGONEWS

Da “Mashable”

 

btc china btc china

La Cina può distruggere i bitcoin? È la provocazione, ma manco tanto, lanciata da un paper dei ricercatori di Princeton e della Florida International University. La Cina, si legge nell’articolo, ha sia i mezzi che le motivazioni per lanciare alcuni attacchi devastanti alle criptovalute, e in un certo senso sta già influenzando la rete della moneta virtuale.

 

XI JINPING XI JINPING

La Cina e i bitcoin

Il network su cui si “mina” la criptovaluta (creato nel 2008 dal misterioso Satoshi Nakamoto) impiega un enorme quantità di server per processare e portare a termine le transazioni seguendo la “catena dei blocchi” (la famosa blockchain). Per creare bitcoin serve insomma molta energia. E  indovinate da dove viene? Del totale dell’hash rate, ovvero la potenza di elaborazione della rete bitocin, il 74% arriva dalla Cina. Questo in teoria permette ai miners cinesi di unirsi e di muovere un attacco a più della metà della catena blockchain, causando la distruzione dell’intero network  (anche se Mashable, che analizza il paper, non spiega come potrebbe succedere).

 

BITCOIN MANIA BITCOIN MANIA

Non solo, perché il “Great Firewall” e il “Great Cannon” –  i nomi con cui si descrivono gli strumenti che il dragone usa per filtrare e censurare il traffico internet del Paese (bloccando i big stranieri e favorendo le aziende locali conniventi con il partito comunista) – possono già essere usati per influenzare la rete dei bitcoin.

 

Dal “Great Firewall” infatti, per un certo periodo di tempo, è arrivato l’ordine di creare “blocchi vuoti”, che rallenterebbero però l’intero sistema a catena dei bitcoin. (Questo perché un blocco vuoto non contiene alcuna transazione, e quindi non crea criptovaluta ma ingolfa il sistema rallentando la crescita di valore della moneta”).

bitcoin 2 bitcoin 2

 

La Cina ha però anche altre armi a disposizione per influenzare e, se volesse, distruggere il sistema dei bitcoin. Potrebbe per esempio rendere pubbliche le transazioni. Sembrerebbe semplice, ma perché dovrebbe farlo?

 

CINA BITCOIN CINA BITCOIN

Si tratta di una questione ideologica: la tecnologia distributiva che costituisce il substrato teorico di blockchain e bitcoin è esattamente l’opposto della filosofia del governo centralizzato. Oppure potrebbe anche soltanto voler incrementare il controllo su di un’entità che per il momento sfugge all’occhio vigile del governo. Nonché un modo subdolo per attaccare le economie straniere.

 

Bitcoin China Bitcoin China

Insomma, i bitcoin potrebbero essere, più che una bolla, una fregatura. Finora ci avevano raccontato che uno dei vantaggi principali delle criptovalute era il fatto di non avere un’entità centrale a governarle, ma è ridicolo, se poi ce n’è una che può distruggerle.

bitcoin 1 bitcoin 1 la blockchain la blockchain bitcoin4 bitcoin4 bitcoin 2 bitcoin 2 bitcoin3 bitcoin3 bitcoin e ripple bitcoin e ripple

Guarda la fotogallery
ultime notizie