Dagospia

IL RICHIAMO DEL FORESTALE - LE ELEZIONI SI AVVICINANO E CROCETTA, SULL’ESEMPIO DI RENZI, SGANCIA 80 EURO IN PIU’ AI 22 MILA (SIC!) FORESTALI SICILIANI - IL GOVERNATORE HA PIAZZATO GLI UOMINI DEL SUO MOVIMENTO AI VERTICI DI ENTI E AZIENDE REGIONALI


 
Guarda la fotogallery

crocetta renzi crocetta renzi

Antonio Fraschilla per “la Repubblica”

 

La Regione Siciliana trasformata come un grande comitato elettorale in vista del voto di novembre. Il governatore Rosario Crocetta e la sua giunta non si stanno risparmiando in nulla: in arrivo l' aumento di 80 euro al mese per i 22 mila forestali dell' Isola, che da soli sono quanti i forestali del resto del Paese.

 

CROCETTA RENZI ALFANO CROCETTA RENZI ALFANO

E, ancora, il governatore per rafforzare il suo movimento che presenterà una lista al voto, il Megafono, sta nominando tutti i suoi fedelissimi alla guida di enti e spa regionali, facendo indignare anche l' alleato Leoluca Orlando. Incarichi e contributi con vista sulle urne: come quelli dell' assessore al Turismo Anthony Barbagallo che su 103 sagre e concertini finanziati da lui direttamente, ha pensato bene di sostenere cinquanta eventi in provincia di Catania. Guarda caso il suo collegio elettorale. «Una Regione trattata come una vacca da mungere», dice il candidato governatore della sinistra Claudio Fava, mentre Forza Italia, che in passato nell' Isola non ha fatto certo di meglio, annuncia un esposto in procura per «voto di scambio».

FORESTALI FORESTALI

 

Crocetta e la sua giunta non sono intenzionati a fermarsi. Ieri con i sindacati è stata siglata l' intesa per dare ai 22 mila operai forestali, che costano già 250 milioni di euro all' anno e come numero e spese non hanno pari nel resto del Paese, un aumento di circa 80 euro ciascuno al mese. Una brutta copia degli 80 euro di renziana memoria.

 

CROCETTA CROCETTA

Costo dell' operazione? «Ancora da quantificare», dicono dall' amministrazione, mentre i sindacati esultano per un accordo che non erano riusciti a strappare nemmeno ai tempi dei governi "generosi" di Salvatore Cuffaro e Raffaele Lombardo: «È un fatto storico - dicono Cgil, Cisl e Uil siciliane - perché si sblocca una situazione ferma da sedici anni, riallineando i salari con quelli dei forestali del resto del Paese».

 

Una decisione "storica" che, guarda caso, arriva a meno di due mesi dalle elezioni regionali il tutto senza la riforma, questa sì necessaria, che avrebbe finalmente dato compiti precisi a questa enorme platea che si occupa della manutenzione di boschi e campi che mai come in questa estate sono andati in fiamme.

Ma a Palazzo d' Orleans, sede del governo, non si bada a spese.

 

forestali 1 forestali 1

E nemmeno al rispetto di un minimo di meritocrazia. Sì, perché il governatore Crocetta in questi giorni ha nominano almeno una ventina di esponenti del suo movimento, il Megafono, in enti e spa regionali: nell' ultima giunta ha scelto i presidenti degli importanti Istituti autonomi case popolari dell' Isola, piazzando solo attivisti del Megafono.

 

Lo stesso ha fatto nei cda degli aeroporti di Comiso e Trapani, e nelle spa controllate che danno lavoro a migliaia di persone, dal 118 che conta 2.300 soccorritori alla Società di servizi regionale che da sola eroga quasi 2 mila buste paga. «Trovo queste nomine inopportune, non è così che si fa la campagna elettorale», sbotta il sindaco di Palermo Leoluca Orlando che si trova Crocetta alleato nel sostenere la candidatura a prossimo governatore del rettore di Palermo, Fabrizio Micari.

LEOLUCA ORLANDO LEOLUCA ORLANDO

 

Ma che dire allora dell' assessore al Turismo, il dem Anthony Barbagallo, che ha speso negli ultimi mesi circa 500 mila euro per finanziare direttamente, senza alcun bando, alcune manifestazioni: la metà delle quali nel suo collegio elettorale, la provincia di Catania. Eventi che dovrebbero incrementare il turismo. Qualche esempio? Si va dalla sagra delle nespole in un paesino sull' Etna alla festa di Sant' Antonio a Pedara. Eventi di grande richiamo, non c' è dubbio.

Guarda la fotogallery