Dagospia

MADRID BABILONIA – LA CAPITALE SPAGNOLA ATTIRA AMBASCIATORI CON “MARITO” AL SEGUITO – FINO A POCO TEMPO FA C’ERANO QUELLI DI STATI UNITI, FRANCIA ED ITALIA – E’ RIMASTO SOLO IL NOSTRO SANNINO, SPOSATO CON UN DIPLOMATICO CATALANO: “MI AIUTA A CONOSCERE LA SENSIBILITA’ DEL PAESE” 


 
Guarda la fotogallery

 

DAGONOTA

 

felipe sannino 1 felipe sannino 1

Con un leggiadro e “suave” articolo, El Mundo mette in luce una singolare coincidenza del pianeta diplomatico spagnolo. Vale a dire che, per una strano gioco astrale, fino a pochi mesi fa a Madrid c’erano tre ambasciatori di Paesi importanti come Stati Uniti, Francia ed Italia che avevano una caratteristica in comune. Avevano “un” consorte e non “una” consorte.

James Costos e compagno James Costos e compagno

 

L’articolo è talmente raffinato che evita di ricordare che nel mondo diplomatico hiberico il fenomeno aveva prodotto un nomignolo, “Madricon”. Circostanza che, comunque, non impediva a Mario Vargas Llosa e ad Isabel Preysler mi mancare ad una festa.

 

Chi ostentava senza pudori la propria omosessualità è stato l’ambasciatore di Barak Obama, James Costos; con tanto di feste con inviti selezionati. Dalla sua, però, il diplomatico aveva la conoscenza diretta e personale con Felipe e Letizia. E di fronte a ciò, i settimanali di gosspi moderarono i toni sulle “fiestas” sull’orgoglio gay, volute dal “compagno” Michael Smith. Ora i due passano l’estate a Mallorca.

Jerome Bonnafont e compagno Jerome Bonnafont e compagno

 

Un altro diplomatico che ha fatto scandalo a Madrid è stato Jerome Bonnafont, ambasciatore francese. Racconta El Mundo che dopo pochi giorni il Natale del 2014 l’ambasciata inviò inviti ad una ristretta cerchia di amici. Vennero convocati per celebrare il compleanno di Danny Lalrinson, il compagno che aveva sposato poche ore prima. I due adottarono in Spagna anche un bambino. E proprio il bimbo intonò “Happy birthday” ai genitori.

Sannino (al centro) con Mr. Calzedonia ed Irina Shayky Sannino (al centro) con Mr. Calzedonia ed Irina Shayky

 

 

Il più discreto di tutti è però l’unico diplomatico dei tre ancora a Madrid. Stefano Sannino organizza feste ed incontri nell’ambasciata italiana e traduce in salsa spagnola l’input della Farnesina di esportare un modello di diplomazia glamour e vanesia. Al quotidiano racconta di aver conosciuto suo marito, Santiago Mondragon, durante la sua permanenza a Bruxelles (vi approdò al seguito di Romano Prodi e rimase come alto dirigente della Commissione europea).

sannino e mondragon sannino e mondragon

 

La circostanza che Santiago sia catalano (e per di più diplomatico) – racconta Sannino – lo ha aiutato a conoscere meglio la Spagna: “mi trasmette la sensibilità del paese e mi aiuta a comprendere meglio la società in cui vivo e lavoro”. 

Guarda la fotogallery