Dagospia

E ANCHE LA PADANIA SE LA SEMO LEVATA DALLE PALLE - SALVINI PREPARA LA SVOLTA DI PONTIDA: VIA ALLA LEGA SENZA IL NORD MA CON IL SUO NOME NEL SIMBOLO - LA SVOLTA “SOVRANISTA” E’ PREVISTA PER IL 17 SETTEMBRE 


 
Guarda la fotogallery

Marco Cremonesi per il “Corriere della Sera”

 

SALVINI E LA TSHIRT SULLA PADANIA SALVINI E LA TSHIRT SULLA PADANIA

L'annuncio shock potrebbe arrivare il 17 settembre. Proprio là dove meno ce lo si aspetta: a Pontida, la città del Giuramento, il sacrario della vecchia Lega. È lì che Matteo Salvini sancirà, salvo decisioni dell' ultim' ora, il nuovo corso del suo partito nazionale e non più padano soltanto. Una nuova forza politica credibile «da nord a sud» che si candida ad essere il perno del «nuovo soggetto politico», anche all' insegna del ricambio generazionale, della destra sovranista e populista italiana.

 

Capace di attrarre, oltre che i Fratelli d' Italia di Giorgia Meloni o i movimenti come quello di Raffaele Fitto e Stefano Parisi, anche forze fin qui distanti dalla politica. E, perché no, quella parte di Forza Italia che non apprezza il volersi tenere le mani libere di Silvio Berlusconi.

 

SALVINI A RADIO PADANIA LIBERA SALVINI A RADIO PADANIA LIBERA

Sul pratone della cittadina bergamasca in cui dal 1990 la Lega si riunisce per il suo appuntamento più identitario, Salvini porterà anche la sfida definitiva anche a chi nel suo partito mastica amaro per il nuovo corso nazionale. A breve il segretario federale potrebbe addirittura annunciare anche il nome della post-Lega. Al momento, la decisione definitiva non è ancora stata presa e per il passaggio formale occorrerà un nuovo congresso.

 

C' è chi continua a parlare di Lega dei popoli per sottolinearne la vocazione autonomistica. Ma il nome probabilmente non sarà quello. Di certo, c' è che si manterrà la parola Lega e si perderà la parola Nord. Altrettanto certo è che ci sarà il nome del segretario. Probabile anche la conservazione dei colori giallo e blu delle liste Noi con Salvini e probabilmente anche, in piccolo, l' Alberto da Giussano che resterà così la sola visibile testimonianza del passato.

SALVINI CON LA MAGLIETTA PRO PADANIA SALVINI CON LA MAGLIETTA PRO PADANIA

 

Salvini, in realtà, ancora sta ragionando sulla scelta dei tempi. All' inizio, l' intenzione era quella di dedicare Pontida al referendum per le autonomie proclamato per il 22 ottobre in Lombardia e Veneto. Anche perché altri non siano tentati di intestarsene l' eventuale a vittoria, come Salvini teme voglia fare Forza Italia.

 

Però, la cerchia stretta dei consiglieri di Salvini lo invita a fare il grande balzo. I tempi, infatti, stringono. Per i leghisti hanno preso grande rilevanza le elezioni regionali in Sicilia.

Se ci fosse l' accordo tra Silvio Berlusconi e Angelino Alfano (che i salviniani ancora non escludono affatto) la rottura tra Lega e Forza Italia sarebbe sancita. Invece, la possibilità che il centrodestra si riunisca intorno a Nello Musumeci rende il tema meno pressante. Però, entro il 28 settembre le liste vanno presentate.

 

salvini padania is not italy con guido podesta salvini padania is not italy con guido podesta

E la sfida siciliana è in cima ai pensieri di Salvini. La grande tentazione è quella di una lista con il suo nome. Numeri significativi in Sicilia chiuderebbero la bocca a chi in Forza Italia sostiene che Salvini sia credibile soltanto nella roccaforte padana. E sarebbero di valore inestimabile per ogni futuro discorso sulla premiership.

 

Però, c' è anche il rischio opposto, quello di bruciare la credibilità nazionale con un risultato modesto. Tra l' altro, la soglia di sbarramento in Sicilia è al 5%. E dunque, in Lega oggi ritengono più probabile la confluenza in un listone a sostegno di Musumeci.

 

salvini alla finalissima di miss padania insieme alla moglie, 2010 salvini alla finalissima di miss padania insieme alla moglie, 2010

In ogni caso, i tempi stringono anche perché, dentro e fuori la Lega, c' è chi ritiene che la costruzione della nuova destra si stia facendo attendere un po' troppo. Se il futuro partito di Salvini vuole essere l' aggregatore della nuova destra, si deve cominciare a mostrarne il progetto e la squadra. Come leader possibile, l' onere è sulle spalle di Salvini.

Guarda la fotogallery