PER CHIUDERE GOOGLE+ CI VOLEVA UN BUG – UNA FALLA NEL FALLIMENTARE SOCIAL NETWORK CON CUI “BIG G” VOLEVA INSIDIARE FACEBOOK HA MESSO A RISCHIO I DATI DI MEZZO MILIONE DI UTENTI – MOUNTAIN VIEW INVECE CHE AVVERTIRLI HA TACIUTO PER PAURA DI UN INTERVENTO DEL GOVERNO AMERICANO E ORA PENSA DI CHIUDERE IL SERVIZIO (ERA ORA)


 
Guarda la fotogallery

 

google google

(ANSA) - Google ha scoperto un problema software nel social network Google+ in marzo. Un problema che, potenzialmente, ha esposto i dati di mezzo milione di utenti. Ma Mountain View non ha comunicato al pubblico l'incidente fino a oggi. Una decisione che, secondo quanto riporta il Wall Street Journal, e' stata legata ai timori di danni alla reputazione e soprattutto al rischio di attirare l'attenzione delle autorità di regolamentazione cosi' come accaduto a Facebook.

eric schmidt eric schmidt

 

Pochi minuti dopo le rivelazioni del Wall Street Journal sull'errore software, Google ha pubblicato sul suo blog una nota in cui annuncia la chiusura di Google+ per i consumatori e introduce nuovi strumenti di privacy per limitare gli sviluppatori e il loro uso di informazioni. L'annuncio non allenta le immediate critiche che hanno travolto Google e la sua scelta di fare silenzio sull'incidente, scoperto tramite un'indagine interna nel servizio Google+, il social network con il quale Mountain View sperava di sfidare Facebook. L'errore riscontrato ha consentito agli sviluppatori esterni alla societa' di vedere le informazioni sui profili di mezzo milione di utenti.

 

sundar pichai sundar pichai

Fra queste nomi, indirizzi email e occupazione. Il problema software ha interessato un lungo arco temporale: dal 20015 a quest'anno, quando e' stato scoperto. Il che vuol dire che ha consentito a 448 app di vedere le informazioni. Le critiche a Google sono immediate, il suo silenzio ha riportato alla memoria il caso di Facebook e Cambridge Analytica, che ha sollevato l'attenzione delle autorita' di tutto il mondo e spinto le richieste per regole piu' stringenti in Europa e negli Stati Uniti.

 

Google si difende spiegando che la decisione di non comunicare l'incidente e' legata alla natura del problema e alla sua entita' limitata. Il problema e' stato scoperto e risolto prima dell'entrata in vigore delle nuove norme Ue sulla protezione dei dati.

 

 

 

google chrome google chrome Google app Google app eric schmidt eric schmidt google brin page google brin page sergey brin larry page sergey brin larry page Google Google

 

Guarda la fotogallery
ultime notizie