• Dagospia

    IL SANTO BABY BOSS DEL PIZZO - I CARABINIERI SMANTELLANO IL MEMORIALE ERETTO IN ONORE DI EMANUELE SIBILLO, IL BABY BOSS NAPOLETANO UCCISO A 19 ANNI – I PARENTI DEL GIOVANE AVEVANO TRASFORMATO UN’EDICOLA VOTIVA IN ONORE DELLA MADONNA IN UN ALTARE DOVE VI ERA POSTA L’URNA CON LE CENERI E IL BUSTO DEL RAGAZZO - ERA DIVENTATO IL LUOGO DOVE I COMMERCIANTI CHE SI RIFIUTAVANO DI PAGARE LE TANGENTI VENIVANO CONVOCATI O CONDOTTI DI FORZA, COSTRETTI A INGINOCCHIARSI E MINACCIATI…


     
    Guarda la fotogallery

    Fulvio Bufi per il "Corriere della Sera"

    EMANUELE SIBILLO 2 EMANUELE SIBILLO 2

     

    Nella città dove a due minorenni uccisi mentre tentavano altrettante rapine sono stati dedicati murales che cancellare non è stato facile, la memoria di chi da giovanissimo era già diventato un boss andava onorata con qualcosa di più.

     

    E infatti per celebrare la breve esistenza terrena di Emanuele Sibillo, ucciso a 19 anni in una guerra tra bande di camorra del centro storico, parenti e fedelissimi non si erano fatti remore di spostare, dal cortile del palazzo dove lui viveva, una immagine della Madonna e trasformare l'edicola votiva che la ospitava in un sepolcro dove l' urna con le ceneri del boss consentiva di celebrarne quotidianamente il culto.

    FORZE DELL ORDINE SMONTANO MEMORIALE SIBILLO FORZE DELL ORDINE SMONTANO MEMORIALE SIBILLO

     

    E non solo: c' erano anche un busto che di Sibillo riproduceva le sembianze e altri oggetti che gli erano appartenuti o ne testimoniavano il ruolo svolto nei vicoli di Forcella o della Maddalena o tra i decumani.

     

    E cioè in quella meravigliosa parte di Napoli - quella della Cappella di San Severo, di San Gregorio Armeno, della ruota degli esposti all' Annunziata - che negli anni scorsi il più potente cartello della camorra, l' Alleanza di Secondigliano, consegnò a un manipolo di giovanissimi criminali, trasformandoli da guardaspalle armati a clan satellite delegato a cacciare dal centro della città le famiglie fedeli ai Mazzarella, i rivali dell' Alleanza.

    BUSTO EMANUELE SIBILLO 2 BUSTO EMANUELE SIBILLO 2

     

    Da ieri mattina il piccolo mausoleo dedicato a Emanuele Sibillo non esiste più. I carabinieri del comando provinciale, d' intesa con la Procura distrettuale antimafia lo hanno smantellato, tra le proteste dei parenti, consegnando l'urna con le ceneri ai familiari del giovane boss e sequestrando tutto il resto.

     

    Un' azione non soltanto simbolica ma di reale contrasto alle attività criminali che nel quartiere continuano regolarmente nonostante la faida sia finita da tempo (per ordine degli stessi che la ispirarono e che decisero di scaricare le armi quando le troppe sparatorie cominciarono a pregiudicare gli affari) e nonostante numerosi appartenenti al clan siano stati arrestati e si trovino in carcere con condanne pesantissime.

    cappella i ricordo di emanuele sibillo cappella i ricordo di emanuele sibillo

     

    Il crimine continua con lo spaccio, il controllo di ogni attività svolta sul territorio e con le estorsioni. E l' edicola votiva dedicata a Sibillo era diventata anche il luogo dove i commercianti che si rifiutavano di pagare le tangenti venivano convocati o condotti di forza, costretti a inginocchiarsi e minacciati. In una sorta di «sacro giuramento» che per il solo fatto di essere pronunciato davanti a quella che era a tutti gli effetti la tomba di Sibillo, assumeva un potere intimidatorio capace di annullare ogni resistenza.

    BUSTO EMANUELE SIBILLO 3 BUSTO EMANUELE SIBILLO 3 CARABINIERI SMONTANO ALTARE SIBILLO CARABINIERI SMONTANO ALTARE SIBILLO EMANUELE SIBILLO EMANUELE SIBILLO FORZE DELL ORDINE SMONTANO MEMORIALE A SIBILLO 2 FORZE DELL ORDINE SMONTANO MEMORIALE A SIBILLO 2 Emanuele Sibillo Emanuele Sibillo FORZE DELL ORDINE SMONTANO MEMORIALE SIBILLO FORZE DELL ORDINE SMONTANO MEMORIALE SIBILLO emanuele sibillo emanuele sibillo

    Guarda la fotogallery


    Con Acea Energia puoi vincere la nuova Fiat 500 Passion Cabrio 100% elettrica. Partecipa al Concorso "Una vincita che farà ECO". Scopri di più!

    ultime notizie