• Dagospia

    ERA ORA! I CINESI POTREBBERO REGISTRARE PER LA PRIMA VOLTA DA DECENNI UN CALO DEMOGRAFICO - PECHINO PERO' TIENE NASCOSTI I DATI SULL'ULTIMO CENSIMENTO: MENO PERSONE SIGNIFICANO MENO FORZA LAVORO E UNA FLESSIONE DEL PIL - L'INDIA POTREBBE SUPERARE PECHINO E DIVENTARE LA PRIMA NAZIONE AL MONDO PER POPOLAZIONE


     
    Guarda la fotogallery

    Dagotraduzione dal Daily Mail

     

    Popolazione Popolazione

    Per la prima volta da decenni, la Cina potrebbe registrare un calo demografico. Pechino non è riuscita infatti a invertire la rapida decrescita del tasso di natalità nonostante cinque anni fa abbia allentato la sua rigida politica di pianificazione familiare per consentire a tutti di aver almeno due figli.

     

    Secondo il Financial Times, l'ultimo censimento cinese, completato a dicembre, dovrebbe mostrare un calo della crescita nel 2020, ma il Partito Comunista tiene segreti i risultati. A questo punto l'India potrebbe superare la Cina e diventare il paese più popoloso al mondo con i suoi 1,4 miliardi di abitanti.

     

    Delhi rappresenta una minaccia per lo status della Cina come principale produttore mondiale di beni e ha messo un piede in avanti per stringere accordi commerciali con la Brexit britannica appena liberata. L'India, con una vivace democrazia basata sulla tradizione britannica, attrae sempre di più gli investitori preoccupati per l'oscura situazione dei diritti umani della Cina.

     

    Studenti Cinesi Studenti Cinesi

    Le Nazioni Unite prevedono che la popolazione indiana continuerà a crescere fino al 2050 poiché le persone sono in media molto più giovani che in Cina.

     

    Secondo il Financial Times l'Ufficio nazionale di statistica cinese avrebbe dovuto pubblicare il suo censimento all'inizio di aprile ma il dato è considerato sensibile e non verrà diffuso fino a quando i dipartimenti governativi non avranno un consenso unanime sui dati e sulle loro implicazioni. «Se la Cina confermasse un tale calo, sarebbe un grosso problema», ha detto Zhiwei Zhang, capo economista di Pinpoint Asset Management con sede a Shenzhen.

     

    Nel 2016, la Cina ha abbandonato la politica del figlio unico decennale nella speranza di aumentare il numero di bambini. All'epoca, aveva anche fissato l'obiettivo di aumentare la sua popolazione dagli 1,34 miliardi del 2010 a circa 1,42 miliardi entro il 2020. Ma il tasso di natalità ha continuato a diminuire. Ciò è in parte dovuto al fatto che le coppie urbane, in particolare quelle nate dopo il 1990, apprezzano di più essere indipendenti e fare carriera che crescere una famiglia.

     

    India Nord India Nord

    «Le nostre proiezioni, con i dati pre-censimento, suggerivano già che la forza lavoro sarebbe diminuita dello 0,5% ogni anno entro il 2030, con un impatto simile sul Pil», ha scritto Capital Economics in una nota mercoledì. «Una crescita più lenta renderebbe economicamente più difficile inseguire gli Stati Uniti. E potrebbe esserci un impatto intangibile anche sulla posizione globale della Cina».

    Guarda la fotogallery


    Con Acea Energia puoi vincere la nuova Fiat 500 Passion Cabrio 100% elettrica. Partecipa al Concorso "Una vincita che farà ECO". Scopri di più!

    ultime notizie