• Dagospia

    IN AMERICA IL NATALE PORTA IN REGALO UNA MAREA DI NUOVI POVERI – L'AUMENTO DELL'INFLAZIONE STA METTENDO IN GINOCCHIO LE FAMIGLIE AMERICANE A BASSO REDDITO. MENTRE I BENESTANTI SPENDONO E SPANDONO SENZA PROBLEMI (BASTA VEDERE LE FILE NEI NEGOZI DI LUSSO O NEI RISTORANTI ALLA MODA) – IL “NEW YORK TIMES”: “I NUOVI POVERI D'AMERICA DEVONO AFFRONTARE COSTI SEMPRE PIÙ ELEVATI SE USANO CARTE DI CREDITO. MENTRE L'AMERICAN EXPRESS HA AGGIUNTO CLIENTI PER LE CARTE PLATINO E ORO A UN RITMO RECORD”


     
    Guarda la fotogallery

    Articolo del “New York Times” – dalla rassegna stampa estera di “Epr comunicazione”

     

    inflazione stati uniti inflazione stati uniti

    Anche se i politici riusciranno a ottenere un leggero rallentamento dell'economia, non sarà facile per tutti. Il mese di novembre è stato più affollato del previsto al Langham Hotel di Boston, dove i viaggiatori di lusso prenotano camere in suite lussuose e tengono riunioni in sale conferenze dorate. Il brunch del Ringraziamento al ristorante interno, dal costo di 135 dollari per adulto, ha registrato il tutto esaurito settimane fa. Scrive il NYT.

     

    Dall'altra parte della città, a Dorchester, la domanda è aumentata per un altro tipo di servizio di ristorazione. La Catholic Charities sta vedendo così tante famiglie alla sua dispensa gratuita che Beth Chambers, vicepresidente dei bisogni primari della Catholic Charities di Boston, ha dovuto chiudere presto alcuni giorni e dire ai clienti di tornare di prima mattina. Nel gelido sabato mattina prima del Giorno del Ringraziamento, gli avventori in attesa di tacchini gratuiti hanno iniziato ad affollare la strada alle 4:30 del mattino, più di quattro ore prima dell'apertura della dispensa.

     

    inflazione usa joe biden inflazione usa joe biden

    Il contrasto illustra un divario che si sta ripercuotendo sull'economia americana, in subbuglio, a quasi tre anni dall'inizio della pandemia. Molti consumatori benestanti sono ancora ricchi di risparmi e stanno bene finanziariamente, sostenendo i marchi di lusso e mantenendo alcuni rivenditori di fascia alta e compagnie di viaggio ottimisti per la stagione delle vacanze. Allo stesso tempo, i poveri d'America sono a corto di liquidità, faticano a tenere il passo con l'aumento dei prezzi e devono affrontare costi di prestito sempre più elevati se usano carte di credito o prestiti per far quadrare i conti.

     

    inflazione inflazione

    La situazione sottolinea una triste realtà dell'era pandemica. La Federal Reserve sta aumentando i tassi di interesse per rendere più costoso il prestito e temperare la domanda, nella speranza di raffreddare l'economia e riportare sotto controllo l'inflazione più rapida degli ultimi decenni. I banchieri centrali stanno cercando di gestire la situazione senza una recessione che lasci le famiglie senza lavoro. Ma il periodo di aggiustamento è già doloroso per molti americani, a riprova del fatto che, anche se la banca centrale riuscirà a mettere a segno il cosiddetto "atterraggio morbido", non sarà un'esperienza positiva per tutti.

     

    "Molte di queste famiglie stanno tornando alla maggiore fragilità che era la norma prima della pandemia", ha dichiarato Matthew Luzzetti, capo economista statunitense della Deutsche Bank. Molte famiglie operaie se la sono cavata bene nel 2020 e nel 2021. Sebbene abbiano perso rapidamente il lavoro all'inizio della pandemia, le assunzioni sono riprese rapidamente, la crescita dei salari è stata forte e i ripetuti assegni governativi hanno aiutato le famiglie ad accumulare risparmi.

     

    POVERI STATI UNITI POVERI STATI UNITI

    Ma dopo 18 mesi di rapida inflazione dei prezzi, in parte alimentata dalla domanda di stimoli, i poveri stanno esaurendo questi risparmi. Secondo le stime della Fed, a metà di quest'anno le famiglie americane disponevano ancora di circa 1,7 trilioni di dollari di risparmi in eccesso - risparmi extra accumulati durante la pandemia - ma circa 1,35 trilioni di dollari erano detenuti dalla metà superiore dei lavoratori e solo 350 miliardi di dollari dalla metà inferiore.

     

    Allo stesso tempo, i prezzi sono aumentati del 7,7% fino a ottobre, molto più velocemente del ritmo del 2% circa che era normale prima della pandemia. Poiché i risparmi si sono esauriti e beni di prima necessità come la riparazione dell'auto, il cibo e l'abitazione sono diventati nettamente più costosi, molte persone nei quartieri a basso reddito hanno iniziato a ricorrere alle carte di credito per sostenere le spese. Secondo una ricerca della Fed di New York, i saldi di questo gruppo sono ora superiori ai livelli del 2019. Alcuni faticano a tenere il passo.

     

    POVERI NEGLI STATI UNITI POVERI NEGLI STATI UNITI

    "Con il costo del cibo, l'esplosione del costo delle uova, le persone sono costrette a venire da noi di più", ha detto la signora Chambers della Catholic Charities, spiegando che altri prezzi in aumento, tra cui l'affitto, stanno intensificando la lotta. La sede prevedeva di distribuire 1.000 tacchini e 600 carte regalo per il cibo, oltre a sacchetti di crema di mais in scatola, salsa di mirtilli e altri prodotti per il Ringraziamento.

     

    Tina Obadiaru, 42 anni, era tra coloro che sabato hanno fatto la fila per ricevere un tacchino. Madre di sette figli, lavora a tempo pieno occupandosi dei residenti di una casa famiglia, ma questo non basta a far quadrare i conti per lei e la sua famiglia, soprattutto dopo che il mese scorso il suo affitto a Dorchester è salito a 2.500 dollari da 2.000. "Sarà davvero difficile", ha detto.

     

    INFLAZIONE USA INFLAZIONE USA

    Il peso sproporzionato che l'inflazione ha sui poveri è uno dei motivi per cui i funzionari della Fed stanno cercando di riportare rapidamente l'aumento dei prezzi sotto controllo. I banchieri centrali hanno alzato i tassi di interesse da quasi zero all'inizio di quest'anno a quasi il 4%, e hanno segnalato che ce ne saranno altri.

     

    Ma il processo di riduzione dell'inflazione rischia di danneggiare anche le persone a basso reddito. Le politiche della Fed funzionano in parte rendendo più costosi i prestiti per sostenere i consumi, il che provoca un calo della domanda e alla fine costringe i venditori a praticare prezzi più bassi. Gli aumenti dei tassi rallentano anche il mercato del lavoro, raffreddando la crescita dei salari e, forse, facendo perdere posti di lavoro.

     

    INFLAZIONE NEGLI USA INFLAZIONE NEGLI USA

    Ciò significa che la solidità del mercato del lavoro che ha sostenuto la classe operaia in questo periodo difficile - e che ha fatto crescere in particolare i salari nei lavori meno remunerativi, tra cui il tempo libero, l'ospitalità e i trasporti - potrebbe presto incrinarsi. In effetti, i funzionari della Fed stanno osservando un rallentamento della spesa e degli aumenti salariali come segno che le loro politiche stanno funzionando.

     

    "Se da un lato l'aumento dei tassi d'interesse, il rallentamento della crescita e le condizioni del mercato del lavoro più morbide faranno scendere l'inflazione, dall'altro porteranno un po' di dolore alle famiglie e alle imprese", ha dichiarato Jerome H. Powell, presidente della Fed, in occasione di una conferenza chiave della Fed ad agosto. "Questi sono gli sfortunati costi della riduzione dell'inflazione".

     

    supermercato usa supermercato usa

    I banchieri centrali ritengono che un po' di dolore oggi sia meglio di quello che accadrebbe se si lasciasse che l'inflazione continui incontrollata. Se le persone e le imprese cominciano ad aspettarsi rapidi aumenti dei prezzi e agiscono di conseguenza - chiedendo grandi aumenti, istituendo frequenti e consistenti aumenti dei prezzi - l'inflazione potrebbe radicarsi nell'economia. A quel punto, sarebbe necessaria una risposta politica più severa per fermarla, che potrebbe spingere la disoccupazione ancora più in alto.

     

    Ma le prove che si stanno accumulando in tutta l'economia sottolineano che il rallentamento che la Fed ha progettato, per quanto necessario, è probabilmente percepito in modo diverso dai vari gruppi di reddito.

     

    La spesa dei consumatori nel complesso è stata finora resistente alle mosse della Fed in materia di tassi. I dati sulle vendite al dettaglio hanno subito una notevole flessione all'inizio dell'anno, ma di recente sono tornati a salire. Le spese per i consumi personali non si espandono a rotta di collo, ma continuano a crescere.

     

    american express american express

    Tuttavia, sotto questi numeri aggregati, sembra essere in atto un cambiamento nascente che evidenzia il crescente divario di benessere economico tra ricchi e poveri. I dati sulle carte di credito di Bank of America suggeriscono che negli ultimi mesi le famiglie ad alto e medio reddito hanno sostituito quelle a basso reddito nel guidare la crescita dei consumi. Gli acquirenti più poveri hanno contribuito a un quinto della crescita della spesa discrezionale nel mese di ottobre, rispetto ai circa due quinti di un anno prima.

     

    "Questo è probabilmente dovuto al fatto che le fasce di reddito più basse sono quelle che hanno subito l'impatto più negativo dell'impennata dei prezzi e che hanno anche subito il maggior prelievo di risparmi bancari", hanno scritto gli economisti del Bank of America Institute in una nota del 10 novembre.

     

    JEROME POWELL JEROME POWELL

    Anche se i poveri dovessero risentire dell'aumento dei prezzi e dei tassi d'interesse e si tirassero indietro, gli economisti hanno osservato che il perdurare della salute economica tra i consumatori più ricchi potrebbe mantenere forte la domanda nei settori in cui le persone più ricche tendono a spendere i loro soldi, tra cui i servizi come i viaggi e gli hotel.

     

    Al Langham, un hotel appena ristrutturato in un edificio centenario che originariamente fungeva da Federal Reserve Bank di Boston, non c'è molto che faccia pensare a un imminente rallentamento della spesa.

     

    Al "The Fed", il bar dell'hotel che prende il nome dall'eredità dell'edificio, i baristi sono impegnati tutte le sere della settimana a preparare cocktail con nomi come "Trust Fund Baby" e "Apple Butter Me Up" (entrambi da 16 dollari). Quando gli ospiti tornano dallo shopping nella vicina Newbury Street, ha detto l'amministratore delegato dell'hotel, Michele Grosso, hanno le braccia piene di borse. A suo avviso, il fatto che il brunch del Ringraziamento sia andato esaurito così velocemente è emblematico di una domanda continua. "Se la gente si fosse tirata indietro, saremmo ancora in promozione", ha detto a proposito del pasto a tre portate in stile familiare. "Invece abbiamo una lista d'attesa".

     

    JEROME POWELL JEROME POWELL

    Il divario nei consumi che si sta verificando a Boston è evidente anche a livello nazionale, e riecheggia nelle telefonate di presentazione dei risultati aziendali. L'American Express, ad esempio, ha aggiunto clienti per le carte platino e oro a un ritmo record negli Stati Uniti lo scorso trimestre, registrando una "grande richiesta" di prodotti premium a pagamento. "Oggi non vediamo cambiamenti nei comportamenti di spesa dei nostri clienti", ha dichiarato Stephen J. Squeri, amministratore delegato della società, agli investitori durante una telefonata di presentazione dei risultati il mese scorso.

     

    Le aziende che si occupano di consumatori a basso reddito, tuttavia, stanno registrando un netto calo. "Quest'anno molti consumatori si sono affidati ai prestiti o ai risparmi per gestire il proprio budget settimanale", ha dichiarato Brian Cornell, amministratore delegato di Target, in una conferenza stampa del 16 novembre. "Ma per molti consumatori queste opzioni iniziano a scarseggiare. Di conseguenza, i nostri clienti mostrano una crescente sensibilità al prezzo, diventando più attenti e reattivi alle promozioni e più esitanti ad acquistare a prezzo pieno".

     

    ORO NELLA FEDERAL RESERVE BANK DI NEW YORK ORO NELLA FEDERAL RESERVE BANK DI NEW YORK

    La spaccatura rende difficile indovinare cosa accadrà in seguito alla spesa e all'inflazione. Alcuni economisti ritengono che il ritorno della sensibilità ai prezzi tra i consumatori a basso reddito sarà sufficiente ad aiutare i costi complessivi a moderarsi, aprendo la strada a un notevole rallentamento nel 2023.

     

    "Ci saranno più attività promozionali e le aziende inizieranno a competere per le quote di mercato", ha dichiarato Julia Coronado, fondatrice di MacroPolicy Perspectives. Ma altri avvertono che, anche se i poveri sono in difficoltà, ciò potrebbe non essere sufficiente a far scendere significativamente la spesa e i prezzi.

     

    Molte famiglie hanno ripagato i saldi delle carte di credito durante la pandemia e ora la situazione si sta invertendo, nonostante gli alti tassi delle carte di credito. Il prestito potrebbe aiutare alcune famiglie a sostenere i consumi per un po', soprattutto se abbinato a un forte aumento dell'occupazione e al recente calo dei prezzi del gas, ha dichiarato Neil Dutta, responsabile dell'economia statunitense di Renaissance Macro.

     

    joe biden g20 joe biden g20

    Mentre il mondo attende di vedere se la Fed riuscirà a rallentare l'economia abbastanza da controllare l'inflazione senza costringere il Paese a una vera e propria recessione, coloro che si rivolgono alla Catholic Charities di Boston illustrano perché la posta in gioco è così alta. Sebbene molti abbiano un lavoro, sono stati colpiti da mesi di rapidi aumenti dei prezzi e ora devono affrontare un futuro incerto.

     

    "Prima della pandemia, pensavamo in casse", ha detto la signora Chambers, riferendosi alla quantità di cibo necessaria per soddisfare il bisogno locale. "Ora pensiamo solo in pallet".

    jerome powell jerome powell JEROME POWELL JEROME POWELL

    Guarda la fotogallery


    ultime notizie