• Dagospia

    NELLA MENTE DEL SERIAL KILLER – LO SCIOCCANTE DOCUMENTARIO SU JOEL RIFKIN, CHE A NEW YORK, TRA GLI ANNI ’80 E ’90, UCCISE 17 PROSTITUTE, PRIMA DI FARLE A PEZZI E DISSEMINARE I RESTI – NELLE IMMAGINI È LO STESSO ASSASSINO A RACCONTARE I DETTAGLI RACCAPRICCIANTI: “UNA RAGAZZA L’HO COLPITA 30 VOLTE, MA NON ERA MORTA. SI È RIALZATA E L’HO STRANGOLATA. FARLE A PEZZI ERA UN LAVORO. ERA UTILE PER DISFARSI DEI CORPI. DOPO AVERLE UCCISE A VOLTE PROVAVO…” - VIDEO


     
    Guarda la fotogallery

     

    DAGONEWS

     

    joel rifkin 6 joel rifkin 6

    Joel Rifkin, il serial killer più prolifico di New York responsabile della morte di 17 donne, ha raccontato i dettagli dei suoi orribili omicidi nel nuovo speciale di Oxygen, “Rifkin on Rifkin: Private Confessions of a Serial Killer”.

     

    Il documentario fa parte della "Serial Killer Week" di Oxygen, che durerà fino a domenica. Rifkin ha ammesso di aver ucciso 17 donne, la maggior parte delle quali lavoratrici del sesso, tra il 1987 e il 1993. Alla fine è stato condannato per nove capi d'accusa per omicidio di secondo grado e condannato a 203 anni di prigione. Nel 1999, mentre scontava la pena all'Attica Correctional Facility nello stato di New York, Rifkin accettò di sedersi per un colloquio con Robert Mladinich, un detective della polizia in pensione che conosceva dagli anni college. Mladinich ha registrato la conversazione con Rifkin, che in seguito gli è servita per il suo libro del 2001.

    le vittime di joel rifkin 1 le vittime di joel rifkin 1

     

    Ora le immagini. «Devo averla picchiata 20, 30 volte finché le mie braccia non si sono stancate – ha detto Rifkin a Mladinich nella registrazione, riferendosi a una vittima – Ho perso il controllo».

     

    Con gran sorpresa di Rifkin, la vittima però era sopravvissuta al pestaggio e si era alzata: è stato a quel punto che l’ha strangolata “per il panico”.

    joel rifkin 8 joel rifkin 8

     

    Alla domanda su come si sentiva dopo l'omicidio, Rifkin ha risposto: «Ci sono state volte in cui ero molto ansioso. Ci sono stati momenti in cui sono diventato paranoico. Uh, ci sono stati momenti in cui è stato piacevole».

     

    Ricordando il suo incontro con Rifkin, Mladinich ha detto nel documentario che era "impassibile" riguardo ai raccapriccianti crimini che aveva commesso. Mladinich ha descritto il suo amico di una volta come completamente disconnesso "dalla realtà".

    robert mladinich robert mladinich

     

    Continuando a raccontare i raccapriccianti dettagli degli omicidi, Rifkin ha aggiunto: «Ho usato un coltello X-Acto come un bisturi. Ho messo le due braccia in un secchio, due gambe nella padella e la testa in un altro secchio. Infastidito? No. Era necessario. Lo consideravo un lavoro. Serve per rendere il corpo più piccolo in modo da potersene sbarazzare».

     

    Rifkin, allora un giardiniere disoccupato di 34 anni che viveva con sua madre e sua sorella a Long Island, è stato fermato dalla polizia il 28 giugno 1993, per aver guidato un camioncino senza targa.

    heidi balch heidi balch

    Rifkin ha tentato la fuga ed è stato inseguito dalla polizia fino a quando non ha perso il controllo del veicolo e si è schiantato contro un palo. Ha confessato 17 omicidi dopo che i poliziotti hanno scoperto il corpo in decomposizione di una donna avvolto in un telo blu nel retro del veicolo.

     

    L'ultima vittima di Rifkin è stata successivamente identificata come Tiffany Bresciani, un'aspirante attrice di 22 anni della Louisiana che lavorava come spogliarellista per pagarsi la droga.

    Rifkin ha detto alla polizia di aver caricato le prostitute, tutte minute e snelle, in giro per New York City, ha fatto sesso con loro, le ha uccise, ne ha smembrate alcune, poi ha abbandonato i loro corpi in città e nei sobborghi.

     

    omicidi di joel rifkin omicidi di joel rifkin

    Nella disordinata camera da letto di Rifkin a Long Island, la polizia ha trovato una scorta di oggetti femminili: reggiseni, mutandine, scarpe, un maglione. C'erano un orecchino, una spilla, la patente di guida e l'assistenza sociale di una donna, carte di credito. Sua madre, Jeanne Rifkin, e la sorella, Jan Rifkin, hanno detto di non sapere degli omicidi, alcuni dei quali erano stati commessi all'interno della casa che condividevano tutti a East Meadow.

     

    la madre e la sorella di rifkin la madre e la sorella di rifkin

    Nonostante le orribili rivelazioni su Rifkin, la sua famiglia gli è stata accanto, è andata a trovarlo in prigione, e ha assistito alla sua condanna, durante la quale ha chiesto scuse alle famiglie delle vittime. «Non è cattivo. Nemmeno io lo sono - disse all'epoca sua sorella a un giornalista del New York Post - Tutto quello che posso dire è che amo mio fratello».

     

    la casa di joel rifkin la casa di joel rifkin

    A oggi, due delle vittime di Rifkin non sono state identificate. Nel 2013, la testa di una donna scoperta su un campo da golf del New Jersey è stata identificata con l'aiuto del test del DNA come la prima vittima del serial killer, la venticinquenne Heidi Balch, che lui conosceva come "Susie". Le altre vittime sono: Julie Blackbird; Barbara Jacobs; Mary Ellen DeLuca; Yun Lee; Lorraine Orvieto; Mary Ann Holloman; Iris Sanchez; Anna Lopez; Violet O'Neill; Mary Catherine Williams; Jenny Sotto; Leah Evans e Lauren Marquez. Rifkin, che ora ha 62 anni, è attualmente detenuto al Clinton Correctional Facility di New York.

    joel rifkin 9 joel rifkin 9 rifkin on rifkin private confessions of a serial killer rifkin on rifkin private confessions of a serial killer joel rifkin 5 joel rifkin 5 jenny soto jenny soto joel rifkin joel rifkin joel rifkin 1 joel rifkin 1 rilevamenti nella casa di joel rifkin rilevamenti nella casa di joel rifkin joel rifkin 2 joel rifkin 2 joel rifkin 10 joel rifkin 10 joel rifkin 3 joel rifkin 3

    Guarda la fotogallery
    ultime notizie