• Dagospia

    O LA BORSA O LA CINA - I TECNICI DEL GOVERNO CONTE SONO GIÀ AL LAVORO PER VALUTARE DI ESERCITARE IL GOLDEN POWER QUALORA LA BORSA DI HONG KONG SI COMPRI QUELLA DI LONDRA, CHE CONTROLLA PIAZZA AFFARI - SOVRANISTI E BOCCONIANI UNITI CONTRO L’EVENTUALITÀ DI METTERE IL LISTINO IN MANO AI CINESI: LA NOTA DI CENTEMERO (LEGA) E IL TWEET DEL PROFESSOR CARLO ALBERTO CARNEVALE MAFFÈ


     
    Guarda la fotogallery

    1 – OFFERTA CINESE PER LA CITY, ITALIA VALUTA GOLDEN POWER

    hong kong exchanges and clearing limited 2 hong kong exchanges and clearing limited 2

    Andrea Montanari per www.milanofinanza.it

     

    L'offerta da quasi 30 miliardi di sterline presentata da Hong Kong Exchanges & Clearing sul London Stock Exchange, che potrebbe portare a una guerra globale dei listini, ha ripercussioni dirette e immediate sull'Italia. Perché Borsa Italiana rappresenta uno dei principali asset della società londinese - con il bilancio 2018 ha distribuito una cedola di 128 milioni - a partire innanzitutto da Mts.

     

    london stock exchange 4 london stock exchange 4

    La società controllata al 62,53% da Borsa e nel cui capitale figurano le principali banche americane ed europee quali Jp Morgan (7,5%), Intesa Sanpaolo  (5%) e Citigroup (3,96%9gestisce la piattaforma sulla quale si negoziano per quantitativi unitari all'ingrosso i titoli di Stato quotati e non quotati e altri tipi di strumenti obbligazionari di tanti paesi: un business che equivale a negoziazioni medie giornaliere di 100 miliardi di euro. Senza trascurare che lo scorso anno l'attività cumulativa (cash, repo, bondvision) ha toccato la soglia dei 30mila miliardi di euro negoziati.

    XI JINPING WINNIE THE POOH BY BADIUCAO XI JINPING WINNIE THE POOH BY BADIUCAO

     

    Si tratta quindi di un tesoro da tutelare e proteggere per l'importanza strategica che riveste e per i risultati che garantisce in termini operativi. Per tale ragione, alla luce dell'offerta arrivata dall'Estremo Oriente, il governo italiano e le istituzioni finanziarie hanno già iniziato a valutare quali opzioni possano essere usate per proteggere Mts.

     

    In tal senso, non è da escludere che l'esecutivo Pd-5Stelle possa ricorrere alla carta della golden power. Una leva, ovviamente, da azionare solo al momento della concretizzazione dell'operazione e della notifica dello medesimo deal. Ma, intanto, i tecnici del governo Conte stanno già analizzando le carte.

    conte xi jinping conte xi jinping

     

    Refinitiv 2 Refinitiv 2

    Partendo da un caposaldo: la disciplina introdotta nel 2017, la cosiddetta norma antiscorrerie che tutela gli asset strategici del Paese da acquisizioni, m&a e opa promosse da soggetti stranieri, e nata di fatto in seguito alla scalata di Vivendi  nel capitale di Telecom (e poi di Mediaset ). Come riferito, infatti, anche nei Quaderni guiridici di Consob (come quello del febbraio scorso) rientrano nel perimetro dell'esercizio della golden power anche le infrastrutture critiche o sensibili, tra cui immagazzinamento e gestione dati e infrastrutture finanziarie.

    london stock exchange london stock exchange

     

    In tal senso, quindi, si può considerare che Borsa Italiana e, soprattutto, Mts rientrino nel novero di asset da difendere grazie all'intervento forzoso dello Stato italiano.

     

     

    2 – PERCHÉ LA BORSA DI HONG KONG VUOLE PAPPARSI IL LONDON STOCK EXCHANGE

    Michelangelo Colombo per www.startmag.it

     

    borsa hong kong 1 borsa hong kong 1

    La borsa di Hong Kong lancia un’offerta di acquisto per il London Stock Exchange, la Borsa di Londra che controlla anche Piazza Affari, per quasi 32 miliardi di sterline (36 miliardi di euro) inclusi debito, contanti e azioni.

     

    LA NOTA DEL GRUPPO DI HONG KONG

    borsa hong kong borsa hong kong

    “Hong Kong Exchanges and Clearing Limited annuncia di aver fatto una proposta al consiglio di amministrazione del London Stock Exchange Group Plc per unire le due società”, ha annunciato in una nota la società cui fa capo il listino della ex colonia britannica.

     

    CHE COSA HA DETTO IL CAPO AZIENDA LI

    hong kong exchanges and clearing limited hong kong exchanges and clearing limited

    “Riunire le Borse di Hong Kong e Londra ridisegnerà l’assetto dei mercati dei capitali per i decenni a venire”, ha dichiarato in una nota l’amministratore delegato dell’Hong Kong Exchange, Charles Li, presentando l’offerta per Londra: “Entrambe le aziende hanno grandi marchi, forza finanziaria e comprovata esperienza di crescita”.

     

    GLI OBIETTIVI DI HONG KONG

    Laura Cha, presidente del gruppo di Hong Kong, la manager dietro al progetto di acquisizione, ha detto, secondo quando riporta Marketwatch (Wsj), che la combinazione dei due listini “darebbe vita al maggior centro finanziario in Asia ed Europa”.

     

    LA PRINCIPALE CONDIZIONE

    Una delle condizioni che ha posto Hong Kong all’operazione è che il gruppo con sede a Londra è la cancellazione dell’accordo di Lse per acquisire Refinitiv, un’operazione annunciata in estate che vede Londra impegnata in un’acquisizione da 27 miliardi di dollari per rilevare il gruppo specializzato nell’elaborazione di dati in campo finanziario da Blackstone e Thomson Reuters.

     

    Refinitiv 3 Refinitiv 3

    Dopo un iniziale silenzio, la borsa di Londra ha risposto che prenderà in considerazione l’offerta fatta dai cinesi definendo la proposta “non richiesta, preliminare e altamente condizionante”. Il gruppo Lse ha poi aggiunto che intende restare impegnato nel progetto di acquisizione di Refinitiv Holding.

     

    DOSSIER REFINITIV

    Infatti agli inizi di agosto il London Stock Exchange ha siglato un accordo con alcuni fondi affiliati a Blackstone e Thomson Reuters per acquistare Refinitiv, provider di dati finanziari e gestore di piattaforme di trading. L’operazione, fatta con uno scambio azionario, valuta la società (debito incluso) circa 27 miliardi di dollari. Ai soci di Refinitiv andranno titoli pari al 37% del capitale dell’Lse e meno del 30% dei diritti di voto. L’operazione richiede l’approvazione degli azionisti a novembre, come ha ricordato oggi il gruppo Lse, e delle autorità di regolamentazione e dovrebbe essere finalizzata nella seconda metà del 2020.

     

    london stock exchange 2 london stock exchange 2

    I TERMINI DELL’OFFERTA

    Hong Kong Exchanges and Clearing offre 20,45 sterline per azione della Borsa di Londra e 2.495 nuove azioni del suo gruppo, valorizzando la Borsa di Londra 83,61 sterline per azione.

     

    I CALCOLI PER GLI AZIONISTI

    Per i 354.471.415 titoli del gruppo di mercato, ciò rappresenta 29,6 miliardi di sterline e 31,6 miliardi di sterline, inclusi debito e altre rettifiche.

    Refinitiv 1 Refinitiv 1

     

    IL RUOLO DI LME

    Hong Kong Exchange afferma di aver avuto un ruolo di primo piano nel rafforzare la posizione competitiva del distretto finanziario di Londra attraverso l’acquisizione della piattaforma di scambio dei metalli London Metal Exchange (LME) nel 2012.

     

    IL PROSSIMO PASSO

    Se andasse in porto la mossa annunciata, si tratterebbe della seconda acquisizione all’estero della borsa cinese dopo aver rilevato il London Metal Exchange nel 2012 per entrare nel settore delle materie prime. Attraverso la formula dello Stock Connect, Hong Kong è collegata ai maggiori listini della Cina continentale, Shanghai e Shenzhen, permettendo in questo modo agli investitori interni ed esteri di scambiare titoli su 3 mercati.

    Refinitiv Refinitiv

     

    LO SCENARIO

    La Borsa di Hong Kong afferma che tale fusione creerebbe un gruppo con “una base globale, attività diversificate, idealmente posizionate per sfruttare il mutevole panorama macroeconomico globale, collegando i mercati occidentali con i mercati finanziari orientali emergenti, soprattutto in Cina”.

     

    IL TWEET DEL PROF. CARNEVALE MAFFE’

     

     

     

    LA NOTA DI CENTEMERO (LEGA)

    centemero centemero

    Commenta Giulio Centemero, deputato della Lega, esponente di rilievo del movimento capitanato da Matteo Salvini: “Borsa Italiana, le cui infrastrutture di mercato rappresentano un asset strategico per il nostro Paese, sono a rischio di diventare di proprietà di un attore economico extracomunitario? Quali possono essere i rischi legati alle piattaforme che gestiscono il nostro debito pubblico? Per questo presenterò un’interpellanza al Presidente del Consiglio e al ministro dell’economia  per capire le intenzioni del Governo e chiedergli di riferire in Aula alla Camera”.

    refinitiv refinitiv borsa di londra borsa di londra borsa hong kong 2 borsa hong kong 2 refinitiv refinitiv refinitiv refinitiv borsa hong kong 1 borsa hong kong 1 london stock exchange 5 london stock exchange 5

    Guarda la fotogallery
    ultime notizie