• Dagospia

    SAPEVATE CHE SI PUO' FARE GOL CON UNA CAPRA? – È IL "KOK BORU", IL GIOCO NAZIONALE DEL KIRGHIZISTAN CHE COMBINA ELEMENTI DI RUGBY, POLO E CALCIO, SOSTITUENDO LA PALLA CON UNA CARCASSA DI CAPRA SENZA TESTA DA 30 CHILI: DUE SQUADRE A CAVALLO SI SFIDANO PER PORTARE IL CADAVERE FINO ALLA "PORTA" AVVERSARIA - IL GIOCO, CHE E' MOLTO PERICOLOSO, HA ORIGINI ANTICHISSIME: E' NATO PER CASO TRA I PASTORI CHE...  - VIDEO


     
    Guarda la fotogallery

     

    DAGONEWS

     

    kok boru 7 kok boru 7

    Dall'esterno sembra puro caos. Uomini che gridano e tirano le redini. Cavalli che protestano sbattendo gli zoccoli per terra e alzando un’enorme quantità di polvere.  Ci si sfida per accaparrarsi una carcassa di capra senza testa, il premio da recuperare senza perdere l’equilibrio prima di fiondarsi verso la propria meta e segnare il punto per la proprio squadra, proprio con l’animale usato come una sorta di palla.

     

    kok boru 13 kok boru 13

    Questo è il Kok Boru, il gioco nazionale del Kirghizistan che combina elementi di rugby, polo e calcio, sostituendo la palla con una carcassa di capra senza testa. Migliaia di anni fa, quando il popolo del Kirghizistan era nomade, i lupi attaccavano e mangiavano il loro bestiame. Poiché il bestiame era la loro fonte di sostentamento, per sopravvivere non gli restava che andare a caccia di lupi, ucciderli e trovare un uso per le loro carcasse, appunto il “Kok Boru” (Blue Wolf). Iniziò come un gioco tra pastori ed è diventato uno dei tanti simboli culturali sia del Kirghizistan che del Kazakistan.

    kok boru 13 kok boru 13

     

    Oggi, la carcassa del lupo è stata sostituita da una carcassa di capra. Per giocare a Kok Boru ci vogliono 12 giocatori, un campo, oltre a due grandi box alle estremità che fungono da mete. Le regole del gioco sono abbastanza semplici (in teoria): portare la carcassa di capra nella porta per segnare punti per la squadra.

     

    kok boru 12 kok boru 12

    Il gioco parte con la carcassa di pecora collocata al centro del campo. Al fischio gli avversari galoppano verso la carcassa cercando di afferrarla senza cadere da cavallo. A quel punto bisogna galoppare fino in fondo al campo per “segnare”.

    Questo gioco non richiede solo forza e abilità incredibili, ma anche coraggio, dal momento che tutti i giocatori rischiano in continuazione di cadere da cavallo. È anche un gioco che richiede un immenso lavoro di squadra e, secondo il giocatore Tynchtyk, un'immensa concentrazione: «Quando si gioca, non bisogna pensare a nulla. Giocare e basta».

     

     

    kok boru 9 kok boru 9 kok boru 11 kok boru 11 kok boru 8 kok boru 8 kok boru 10 kok boru 10 kok boru 17 kok boru 17 kok boru 6 kok boru 6 kok boru 2 kok boru 2 kok boru 3 kok boru 3 kok boru 5 kok boru 5 kok boru 20 kok boru 20 kok boru 15 kok boru 15 kok boru 19 kok boru 19 kok boru 1 kok boru 1 kok boru 14 kok boru 14 kok boru kok boru

    Guarda la fotogallery


    Con Acea Energia puoi vincere la nuova Fiat 500 Passion Cabrio 100% elettrica. Partecipa al Concorso "Una vincita che farà ECO". Scopri di più!

    ultime notizie