• Dagospia

    TIM DELLE MIE BRAME - GLI EMISSARI DI KKR HANNO LASCIATO ROMA DOPO GLI INCONTRI ISTITUZIONALI CON VITTORIO COLAO E ALESSANDRO RIVERA. INCONTRI NEI QUALI HANNO CONFERMATO L’INTENZIONE, AL DI LÀ DELLE DECISIONI DEL CDA TIM DI DOMANI, DI IRROBUSTIRE L’OFFERTA E DI PRESENTARE UN PIANO INDUSTRIALE CHE PREVEDE UNO SCORPORO: DA UNA PARTE TIM SERVIZI E DALL’ALTRA TIM RETE CON GLI ASSET STRATEGICI SOTTO CONTROLLO DEL GOVERNO. DOPO L’EVENTUALE SEMAFORO VERDE DA PARTE DELLO STATO, PARTIRÀ L’OPA - TERZO ALLARME PROFITTI


     
    Guarda la fotogallery

    kkr kkr

    DAGONEWS

    Gli emissari del fondo americano KKR hanno lasciato Roma dopo gli incontri istituzionali con il ministro per l'innovazione tecnologica e la transizione digitale Vittorio Colao e il direttore generale del Tesoro Alessandro Rivera.

     

    henry kravis henry kravis

    Incontri nei quali hanno confermato l’intenzione, al di là delle decisioni del Cda Tim di domani, di irrobustire l’offerta e di presentare un piano industriale che prevede uno scorporo: da una parte Tim Servizi e dall’altra Tim Rete con gli asset strategici sotto controllo del governo. Dopo l’eventuale semaforo verde da parte dello Stato, partirà l’Opa.

     

    L'ACCORDO CON DAZN PESA SUI RICAVI TIM IL GRUPPO LANCIA IL TERZO ALLARME SUI CONTI

    S. Ric. per “La Stampa”

     

    pietro labriola pietro labriola

    Alle prese con l'offerta del fondo americano Kkr, Tim si trova costretta a lanciare il terzo «profit warning» in pochi mesi. Con una nota in tarda serata, il gruppo che dopo l'addio di Luigi Gubitosi è nelle mani del dg Pietro Labriola ha informato i mercati che le previsioni per il 2021 non saranno raggiunte.

     

    vittorio colao a cernobbio 2 vittorio colao a cernobbio 2

    In particolare il margine lordo (ebitda) organico del business domestico scenderà del 13-15% rispetto al 2020, ed è in peggioramento anche rispetto all'ultima comunicazione di ottobre. L'ex monopolista paga il calo di ricavi della telefonia fissa, in parte «connessi - spiega l'azienda - all'andamento dell'accordo con Dazn per la distribuzione della serie A».

     

    ALESSANDRO RIVERA ALESSANDRO RIVERA

    Tim fa sapere che «eventuali accantonamenti non ricorrenti saranno determinati sulla base degli esiti della rinegoziazione in corso dell'accordo con Dazn e saranno valutati in sede di bilancio 2021». Grazie alla crescita degli affari in Brasile l'Ebitda consolidato organico del gruppo supererà comunque i 5,4 miliardi di euro.

     

    Nella nota Tim spiega che «l'andamento dei ricavi organici di gruppo è confermato in calo e l'indebitamento finanziario netto consolidato rettificato è atteso a circa 17,6 miliardi di euro dopo il pagamento di licenze per 435 milioni di euro, di cui 140 milioni di euro a seguito dell'aggiudicazione delle frequenze 5G in Brasile». Il piano 2022-2024 verrà sottoposto all'approvazione del Cda, che terrà conto del consolidamento degli asset di telefonia mobile di Oi in Brasile e delle azioni di riorganizzazione aziendale.

    Guarda la fotogallery


    ultime notizie