AMERICAN DIBBA - ''AFRICANI IN AFRICA'': DI BATTISTA FA UNA PAUSA DAL SUO SCATTARE IMPERDIBILI FOTO DA TURISTA DELLA DOMENICA E FA UN VIDEO DALLA CALIFORNIA: ''DI MAIO E TONINELLI SONO AMICI MIEI, DEVONO ANDARE AVANTI COSÌ, QUESTO NON È RAZZISMO. I FLUSSI MIGRATORI SONO UNA DEPORTAZIONE PER RUBARCI IL LAVORO''. E MENO MALE CHE ERA IL CHE GUEVARA DE ROMA NORD…


 
Guarda la fotogallery

 

 

Ignazio Mangrano per la Verità

 

 

le imperdibili cartoline di alessandro di battista dalla california 5 le imperdibili cartoline di alessandro di battista dalla california 5

A gettare acqua sul fuoco delle polemiche interne ai 5 stelle scaturite dalla prima, vera, frizione internazionale, ci pensa dall' America il più «incendiario» dei grillini, Alessandro Di Battista.

 

Emigrato temporaneamente negli States, per coltivare le sue ambizioni di videomaker e narratore, colui che è considerato la punta di diamante dell' opposizione interna al Movimento - rispetto all' ala governista incarnata da Luigi Di Maio-, si è schierato compattamente e apertamente con la linea dura dell' esecutivo sull' emergenza immigrazione. «Sono in accordo con Toninelli (Danilo, ministro delle Infrastrutture da cui dipende la Guardia costiera, ndr)? Sì, lo sono.

le imperdibili cartoline di alessandro di battista dalla california 4 le imperdibili cartoline di alessandro di battista dalla california 4

 

E lo sono anche con Luigi Di Maio. Credo che questa, fermo restando che nessuno non ha salvato le vite in mare, sia l' unica strada per mettere l' Europa davanti alle sue responsabilità. E questo non è razzismo, avanti tutta quindi. Razzista è chi ha bombardato la Libia e ci stava Giorgio Napolitano quando è successo», ha detto l' ex deputato nel corso di una diretta Facebook realizzata in un ristorante di San Francisco.

 

Di Battista ha poi continuato attaccando il presidente francese Emmanuel Macron che aveva da poco accusato di cinismo l' Italia per non aver fatto attraccare la nave Aquarius in un suo porto: «Per me non c' è nulla di razzista, altrimenti pubblicamente mi dovete tutti dire che Macron è un razzista perché ha chiuso quei porti lì, e voglio capire per quale motivo persone che sentono intimamente di essere di sinistra non battono ciglio quando ci sono casi di corruzione internazionale in Nigeria, quando si è bombardata la Libia o quando questi esponenti della nuova sinistra europeista mondiale come Macron chiudono le frontiere».

le imperdibili cartoline di alessandro di battista dalla california 3 le imperdibili cartoline di alessandro di battista dalla california 3

 

Poi c' è spazio anche per un giudizio piuttosto netto sui flussi migratori in atto dal continente africano verso l' Europa: «Io ci ho lavorato in Africa, in Congo. Per me il futuro degli africani è in Africa. Perché nessuno può essere costretto ad andarsene come voi cervelli in fuga o come un ragazzo congolese». E ancora: «Le motivazioni per cui scappano? Ci sono responsabilità dell' Occidente, di multinazionali, di politici. Pensiamo veramente che l' esodo sia giusto? Questa non è una deportazione di sistema che consente l' abbassamento salariale in Italia perché alcuni lavori li fanno questi disgraziati? È razzista questo discorso?».

una foto che nessuno ha mai fatto alessandro di battista guarda alcatraz una foto che nessuno ha mai fatto alessandro di battista guarda alcatraz sahra e alessandro di battista a san francisco fa le foto ai piccioni sahra e alessandro di battista a san francisco fa le foto ai piccioni le imperdibili cartoline di alessandro di battista dalla california 1 le imperdibili cartoline di alessandro di battista dalla california 1 sahra e alessandro di battista nell avventurosa san francisco sahra e alessandro di battista nell avventurosa san francisco alessandro di battista sahra e il figlio andrea alessandro di battista sahra e il figlio andrea le imperdibili cartoline di alessandro di battista dalla california 2 le imperdibili cartoline di alessandro di battista dalla california 2

Guarda la fotogallery
ultime notizie