Dagospia

FEMMINISTE CONTRO - NATALIA ASPESI: ‘SE MI CHIEDI UN MASSAGGIO IN ALBERGO E IO TE LO CONCEDO, POI NON MI POSSO STUPIRE SU COME VA A FINIRE. IL FEMMINISMO CON QUESTE STORIE NON FA UN PASSO AVANTI. NON C’È UN MOSTRO CONTRO UN ANGELO, CI SONO RAGAZZE CHE HANNO FRETTA DI ARRIVARE, LA STORIA SI RIPETE. WEINSTEIN ERA UN PRODUTTORE POTENTE COME POCHI E SPORCACCIONE COME MOLTISSIMI ALTRI. E LO SCANDALO È USCITO PERCHÉ…’


 
Guarda la fotogallery

 

Malcom Pagani per www.vanityfair.it

harvey weinstein fuori casa della figlia harvey weinstein fuori casa della figlia

 

Darryl Zanuck, il produttore di Elia Kazan, di Henry King e di Eva contro Eva «le voleva tutte biondo cenere» e ogni pomeriggio, né troppo presto, né troppo tardi, «riceveva in ufficio una ragazza diversa con la promessa di un contratto». Se Hollywood è stato sempre sinonimo di Babilonia, il divano del produttore, «meglio il sofà, come in quello straordinario libro di Ford e Selwyn uscito all’inizio dei ‘90», sostiene Natalia Aspesi, 88 anni da eretica sopravvissuta con un certo piglio ai roghi del pensiero debole, ha rappresentato il lasciapassare per attrici dal talento variabile.

 

Ava Gardner, ma anche Betty Grable, che con le sue gambe chilometriche passava dai set dal titolo profetico, Come sposare un milionario, a feste da cui usciva, ricordò poi, «alle prime luci del giorno, sentendomi come un osso intorno al quale cani rabbiosi avevano lottato tutta la notte».

 

harvey weinstein harvey weinstein

La storia, suggerisce Aspesi, «è vecchia come il mondo». E prima di Harvey Weinstein– e con ogni probabilità anche dopo di lui – continuerà. Dei latrati che rincorrendosi sul web, in un ribaltamento di ruoli tra presunte vittime e carnefici da prima pagina, abbaiano insulti verso le attrici che hanno denunciato le incontrollabili pulsioni del produttore statunitense, Aspesi non si cura: «Mi dispiace, ma non avendo tempo di frequentare la rete, devo fare delle scelte».

 

E cosa ha scelto?

«Ho scelto di non occuparmene».

 

Però avrà letto. Dopo un silenzio ultraventennale, accompagnato da un brusio di voci non verificate, il New York Times e il New Yorker, sul tema Weinstein, negli ultimi giorni si sono dati battaglia a colpi di inchieste.

brad pitt gwyneth paltrow brad pitt gwyneth paltrow

«Ho letto. Non tutto, ma quel che bastava. E le dico la verità: mi sembra una vicenda in cui le storie finiscono per assomigliarsi tutte tra loro».

 

E cosa raccontano queste storie?

«Un’insincerità di fondo. Sono un lamento tardivo. Un coro che non tiene conto della realtà dei fatti».

 

E qual è la realtà dei fatti?

«Che i produttori, almeno da quando ho memoria di vicende simili, hanno sempre agito così. E le ragazze, sul famoso sofà, si accomodavano consapevoli. Avevano fretta di arrivare. E ancor più fretta di loro avevano le madri legittime che su quel divano, senza scrupoli di sorta, gettavano felici le eredi in cerca di un ruolo, di un qualsiasi ruolo».

 

C’è stata qualche eccezione?

«Poche. Sa cosa diceva Sofia Loren?».

GWYNETH PALTROW HARVEY WEINSTEIN GWYNETH PALTROW HARVEY WEINSTEIN

 

Cosa diceva?

«Mi sono sposata per proteggermi, per non dover passare attraverso esperienze molto negative».

 

Cosa le dà fastidio leggendo a posteriori le ricostruzioni degli incontri di Weinstein con le attrici?

«La rappresentazione ecumenica, irrealistica, quasi angelicata di questi incontri. Il mostro da una parte, l’agnello sacrificale dall’altra. A quanto leggo, Weinstein non concedeva normali appuntamenti professionali, in ufficio, con una scrivania a dividere ambiti e intenzioni. Non parlava di sceneggiature. Chiedeva massaggi. E se tu chiedi un massaggio e io il massaggio te lo concedo, dopo è difficile stupirsi dell’evoluzione degli eventi».

 

NATALIA ASPESI NATALIA ASPESI

Che fa, Aspesi, giustifica?

«Non giustifico niente. Il femminismo è ancora una delle missioni più importanti per le donne di tutto il mondo, forse la più importante in assoluto. È qualcosa in cui ho creduto e credo ancora ciecamente. Ma non mi pare che con queste denunce possa fare un salto decisivo. Magari sbaglio, ma ho i miei dubbi».

 

Che altri dubbi le vengono leggendo le cronache degli ultimi giorni?

«Che sia una vendetta fratricida, per togliere di mezzo Weinstein. Era un produttore potente come pochi e sporcaccione come moltissimi altri. Che la storia, risaputa da decenni, sia venuta fuori con questa virulenza soltanto adesso, accompagnata da decine di testimonianze, non può essere casuale».

 

Cos’altro non è casuale?

«Il tempo che scorre. Alle 20 devo spedire un articolo per il mio giornale. La saluto, mi stia bene».

harvey weinstein harvey weinstein

Guarda la fotogallery