VIA LA ZAVORRA! GENERALI VENDE LE ATTIVITA’ A PANAMA E COLOMBIA - GIA’ CEDUTE QUELLE IN GUATEMALA, OLANDA ED IRLANDA PER UN INCASSO DI 600 MILIONI DI EURO - MA NEL PIANO ORIGINARIO ERANO STATE PREVENTIVATE DISMISSIONI PER 1 MILIARDO - LE MANOVRE DEGLI AZIONISTI: CALTAGIRONE SALE AL 4% DEL LEONE DI TRIESTE E BENETTON DALL’1 AL 3%


 
Guarda la fotogallery

 

L.For. per la Stampa

 

IL CANTIERE DEL NUOVO CANALE DI PANAMA CUI LAVORANO SACYR E IMPREGILO IL CANTIERE DEL NUOVO CANALE DI PANAMA CUI LAVORANO SACYR E IMPREGILO

Generali fa un altro passo avanti nel piano di dismissioni. Il gruppo assicurativo triestino ha completato la cessione delle proprie attività a Panama e in Colombia. Queste operazioni, annunciate nel corso del secondo semestre del 2017, rientrano nell' ambito della strategia di razionalizzazione della presenza geografica e di miglioramento dell' efficienza operativa e dell' allocazione del capitale.

philippe donnet philippe donnet

 

Grazie a queste due operazioni Il Leone ha incassato circa 170 milioni di euro. Le attività di Panama sono state cedute a Assa Compania de Seguros mentre la partecipazione in Colombia è stata venduta al gruppo Talanx. Generali rimarrà comunque operativa in entrambi i Paesi tramite le sue Global Business Lines, ovvero Generali Employee Benefits, Generali Global Corporate & Commercial e Generali Global Health, nonché tramite le operazioni del gruppo Europ Assistance.

 

fratelli benetton fratelli benetton

Finora Generali ha ceduto, oltre a Colombia e Panama, le attività in Guatemala, Olanda (circa 143 milioni) e in Irlanda (286 milioni ancora da perfezionare), dove opera ancora la società Pan Europe. Da queste dismissioni ha incassato circa 600 milioni. Mancano all' appello ancora cessioni per 400 milioni, visto che il piano originario prevedeva un incasso di almeno un miliardo.

azzurra e francesco gaetano caltagirone azzurra e francesco gaetano caltagirone

 

Continuano intanto le grandi manovre dei soci sull' azionariato delle Generali. Dopo il blitz della famiglia Benetton che in poco tempo ha aumentato la sua quota nel Leone dall' 1% al 3%, ieri è toccato ancora a Francesco Gaetano Caltagirone. Il costruttore romano ha arrotondato la quota in Generali, da poco salita al 4% del capitale. Il 13 aprile ha comprato 110mila azioni al prezzo di 16,24 euro per azione. Il tutto corrisponde a circa lo 0,007% del capitale.

Guarda la fotogallery