“RICICLAGGIO PER FINANZIARE IL LATINA CALCIO”, ARRESTATE 13 PERSONE - IN CARCERE ANCHE PASQUALE MAIETTA, EX DEPUTATO DI FRATELLI D’ITALIA, GIÀ PRESIDENTE DEL CLUB, RITENUTO L’IDEATORE DI UNA TRUFFA TRIBUTARIA DEL VALORE DI 200 MILIONI


 
Guarda la fotogallery

maietta maietta

Marco Cusumano e Giovanni Del Giaccio per il Messaggero

 

L' OPERAZIONE LATINA La squadra di calcio che sfiora la serie A, i tifosi in visibilio, il riscatto di un territorio nato dalla palude e arrivato alla soglia del sogno. Tutto finito con un fallimento - un anno fa circa - e la retrocessione. Inevitabile, perché era tutto finto e frutto di raggiri.

 

Studiati e messi in atto da Pasquale Maietta, 47 anni, commercialista, socio prima e presidente poi dell' Us Latina calcio, deputato nella scorsa legislatura di Fratelli d' Italia. Il suo studio era il fulcro di cooperative nate e scomparse, società scatola, prestanome da trovare. Ne era stato chiesto l' arresto in occasione dell' operazione Olimpia che aveva riguardato il Comune - nel quale dopo essere stato eletto con record di preferenze era anche diventato assessore - e la gestione degli impianti sportivi piegata ai voleri del Latina.

 

maietta maietta

La Camera rinviò in un paio di occasioni, poi l' ordinanza fu annullata. Quella e l' operazione Starter - a novembre 2016 - sono state il preludio delle misure eseguite ieri. A Maietta l' arresto è stato notificato in una clinica romana, è convalescente dopo un incidente in giardino, ma appena dimesso andrà in carcere.

 

LE ACCUSE L' ex deputato e altre dodici persone sono accusate, a vario titolo, di associazione a delinquere finalizzata al riciclaggio aggravato dalla transnazionalità, al trasferimento fraudolento di valori, alla bancarotta e ad altri reati tributari e societari. Sette i soggetti destinatari di ordinanze di custodia cautelare in carcere. Tra loro Paola Cavicchi, 57 anni, imprenditrice nel settore degli autotrasporti, anche lei ex presidente del Latina calcio, e il figlio Fabrizio Colletti, 36 anni, avvocato. Carcere anche per Fabio Allegretti, 47 anni, imprenditore romano nel settore dei trasporti. Sei persone sono ai domiciliari, per una c' è l' obbligo di firma.

 

pasquale maietta_latina_calcio pasquale maietta_latina_calcio

L' operazione è stata condotta dalla Polizia di Stato e dalla Guardia di Finanza. «Una perfetta sinergia» - ha sottolineato il procuratore capo di Latina, Andrea De Gasperis. Due filoni di indagine - uno partito dalle coop di trasporti e uno dalle società in svizzera - si sono incastrati perfettamente come in un puzzle. Un' evasione fiscale di circa 200 milioni di euro.

 

Attraverso una rete di fiduciari e prestanome, erano state costituite società fittizie in Svizzera e a Latina, che servivano per movimentare ingenti capitali usati per arricchimento personale e per il finanziamento occulto della società di calcio I ricavi derivanti dall' evasione fiscale di cooperative che si occupavano di trasporto finivano nei conti di società anonime svizzere con sede a Lugano, presso una fiduciaria che si occupava di gestione patrimoni.

 

Il denaro tornava poi in Italia attraverso bonifici a favore di società speculari a quelle svizzere, intestate a prestanome, che si occupavano di gestione di beni immobili ed erano partecipate da quelle estere.

 

Nella stessa operazione è stato effettuato un sequestro per equivalente a carico di alcuni indagati per 40 milioni di euro. Sotto sequestro anche 20 abitazioni, di cui due ville, 19 immobili commerciali, magazzini e autorimesse, 3 terreni, 8 veicoli, 7 società, per un valore complessivo di 25 milioni di euro.

 

maietta maietta

IL SUICIDIO L' inchiesta era già iniziata quando - a dicembre 2015 - si è ucciso l' avvocato Paolo Censi. L' operazione non riguarda quella morte ancora avvolta nel mistero, ma agli atti ci sono i biglietti trovati nel suo studio, in cui si evince che era a conoscenza delle indagini in corso sulle società svizzere e quelle italiane. A segnalare a Maietta e i suoi sodali che c' erano accertamenti in corso, due finanzieri infedeli, arrestati da tempo. Il sogno del calcio che conta era già finito.

 

 

Guarda la fotogallery
ultime notizie