VERSTAPPEN O "VERSBATTEN"? DA CAMPIONE DEL FUTURO STA DIVENTANDO UN PERICOLO IN PISTA - DOPO L' INCIDENTE CON VETTEL NEL GP DI CINA ANCHE LA RED BULL HA PERSO LA PAZIENZA – C’E’ CHI LO PARAGONA A MANSELL E CHI A MONTOYA MA LA RETE E’ MENO CLEMENTE: SOMIGLIA A MALDONADO, PILOTA DI CUI SI E’ PERSO IL CONTO DEGLI INCIDENTI- VIDEO


 
Guarda la fotogallery

Stefano Mancini per la Stampa

 

verstappen verstappen

A 17 anni Max Verstappen era il futuro: l' ultimo minorenne della Formula 1 (adesso per correre bisogna essere maggiorenni) nell' opinione dei suoi scopritori sarebbe diventato uno dei più grandi di sempre della Formula 1.

 

Tre anni e parecchi incidenti dopo, i suoi estimatori cominciano a chiedersi se il talento e il coraggio senza il ragionamento servano a qualcosa. L' inizio del 2018 per il pilota olandese è stato un susseguirsi di incidenti, contro le barriere e soprattutto contro gli avversari.

 

Ha toccato Hamilton in Bahrein, rovinando la propria gara, e centrato Vettel a Shanghai, facendo il male di entrambi.

 

Da campione del futuro, insomma, sta diventando un pericolo. Averlo dietro in gara non significa soltanto il rischio di essere attaccati, ma soprattutto quello di essere buttati fuori.

 

vettel verstappen vettel verstappen

La Fia in Cina lo ha sanzionato con 10 secondi di penalità, retrocedendolo così dal quarto al quinto posto. «Siamo convinti che d' ora in poi farà più attenzione: gli abbiamo tolto altri due punti dalla superlicenza, se ne perde altri sette scatta la squalifica», spiega il direttore delle corse Charlie Whiting. Irruento come Marquez Hamilton ci ha fatto pace e Vettel l' ha perdonato, ma questo non cambia la situazione. Siamo di fronte a un campione che sta maturando o a un talento sopravvalutato?

 

verstappen vettel verstappen vettel

È più Mansell, che tra un incidente e l' altro vinse un Mondiale e fece sorpassi da urlo, o Montoya, sbarcato in F1 dall' America e rimasto famoso per avere tamponato Schumacher a Montecarlo in regime di safety car? La prima ipotesi è la più probabile, perché Verstappen di numeri da videoteca ne ha già una collezione. Adesso ha bisogno di una sterzata brusca. Il popolo degli appassionati sul web non perdona: nella migliore delle ipotesi lo paragona a Marc Marquez per l' incidente con Valentino Rossi, nella peggiore a Pastor Maldonado, pilota a cui online era stato dedicato un contatore degli incidenti.

 

MONTOYA MONTOYA

La Red Bull ha sempre coccolato e protetto il suo gioiello, almeno finché faceva danni solo ai rivali. Ora che il ragazzo ha buttato via un risultato storico (domenica a Shanghai c' era davvero aria di doppietta con Ricciardo) qualche discussione, se non proprio una lavata di capo, c' è stata. Il suo mentore (e consigliere della Red Bull) Helmut Marko ha perso la pazienza: «Max avrebbe vinto la gara senza quell' incidente». Secondo il team principal Christian Horner «Ricciardo da un paio d' anni è nel pieno della sua maturità, mentre Verstappen ha ancora un grande margine di crescita».

 

MALDONADO MALDONADO

Le scuse a Sebastian Persino l' interessato si è accorto di avere superato il limite.

Finora aveva risposto con un' alzata di spalle alle critiche e agli insulti. Stavolta, invece, è andato a scusarsi personalmente con Vettel, che gli ha spiegato con calma come stavano le cose: «Eri più veloce, quindi avresti potuto superarmi con calma. Saremmo saliti entrambi sul podio». Hamilton l' ha messa sullo scherzo: «Lo ringrazio, ha fatto perdere punti a Vettel senza toglierne a me». Ma è l' ultima volta che usano le buone maniere.

 

mansell mansell VERSTAPPEN 3 VERSTAPPEN 3 Verstappen Verstappen VERSTAPPEN VERSTAPPEN MAX VERSTAPPEN MAX VERSTAPPEN VERSTAPPEN 4 VERSTAPPEN 4 VERSTAPPEN VERSTAPPEN JOS E MAX VERSTAPPEN JOS E MAX VERSTAPPEN

Guarda la fotogallery