• Dagospia

    APRITI CEO! - L'ATTIVISMO CRESCENTE DEGLI AMMINISTRATORI DELEGATI NEGLI STATI UNITI SU DIRITTI CIVILI E ALTRI TEMI DELICATI È UN AFFARE RISCHIOSO: QUESTI MANAGER SONO DEI PARACULI O SONO DAVVERO PRONTI A ROMPERE UN CODICE DI SILENZIO POLITICO IN CUI HANNO SGUAZZATO LE LORO AZIENDE FIN DAGLI INIZI DEL CAPITALISMO? COCA-COLA, THE NORTH FACE, WALMART: I CASI PIÙ ECLATANTI E LE REAZIONI DI CONSUMATORI E AZIONISTI...


     
    Guarda la fotogallery

    Articolo di "The Economist" dalla rassegna stampa di "Epr Comunicazione"

     

    martin luther king i have a dream marcia a washington martin luther king i have a dream marcia a washington

    Se sei un emblema dell'armonia americana come la Coca-Cola, giochi le tue politiche con attenzione, specialmente su questioni così divisive come la razza e il voto.

     

    L'azienda di soft-drinks - scrive The Economist - lo fece brillantemente nel 1964 quando l'élite di Atlanta, sede della Coca-Cola e di Martin Luther King, minacciò di snobbare il leader dei diritti civili al suo ritorno dalla vittoria del premio Nobel per la pace.

     

    Sconvolti dal potenziale imbarazzo, i dirigenti della Coca-Cola lavorarono tranquillamente dietro le quinte per convincere altri industriali a partecipare a una cena in onore di King.

     

    coca cola coca cola

    La Coca-Cola è intervenuta anche quest'anno, prima e dopo che Brian Kemp, governatore repubblicano della Georgia, ha firmato il 31 marzo una nuova legge che, secondo i critici, avrebbe svantaggiato gli elettori neri.

     

    Gli sforzi discreti dell'azienda per ammorbidire alcuni aspetti della legge prima del suo passaggio si sono ritorti due volte. In primo luogo, i gruppi per i diritti civili l'hanno accusata di pusillanimità.

     

    Quando il suo capo, James Quincey, si unì successivamente ad altre aziende originarie di Atlanta come la Delta Air Lines nell'esprimere il proprio disappunto per il risultato, i repubblicani bollarono la Coca Cola e gli altri come ipocriti "furbi".

     

    warren buffett warren buffett

    Il 14 aprile centinaia di aziende, tra cui giganti come Amazon e Google, e grandi uomini d'affari, tra cui Warren Buffett, hanno pubblicato una lettera che si oppone a "qualsiasi legislazione discriminatoria" che renda più difficile votare.

     

    Un firmatario di spicco, Kenneth Frazier della Merck, una casa farmaceutica, ha detto al New York Times che la lettera voleva essere apartitica. Nelle parole di William George della Harvard Business School, egli stesso un ex CEO, la soppressione degli elettori "mette a rischio la democrazia, e questo mette a rischio il capitalismo".

     

    google faebook apple amazon google faebook apple amazon

    Il fatto che così tanti marchi i e grandi consiglieri di amministrazione, tuttavia, sempre più spesso agitino il dito contro il Partito Repubblicano, tradizionalmente favorevole agli affari, dimostra che sono pronti a rompere un codice di silenzio politico che ha servito bene le aziende fin dagli albori del capitalismo americano. Perché? E che effetto avrà alla fine sui loro affari?

     

    America Inc è stata costruita sopra un'innovazione legale: la società a responsabilità limitata. In origine, tali strutture societarie avevano ancora bisogno di assicurarsi uno statuto governativo per operare, il che spesso implicava l'ungere molti palmi delle autorità.

     

    google apple facebook amazon google apple facebook amazon

    Una successione di sentenze del tribunale nella prima metà del XIX secolo ha permesso alle aziende di mettere la politica a distanza. In seguito avevano bisogno solo di ambizione e di investitori volenterosi. Il risultato fu l'ambiente commerciale più fecondo di tutti i tempi.

     

    All'inizio del XX secolo alcuni capi riscoprirono la politica, usando la ricchezza delle loro aziende per comprare amici nel governo. All'indomani della seconda guerra mondiale, la porta tra l'industria e la carica politica non era tanto girevole quanto spalancata. "Electric Charlie" Wilson, capo della General Electric, e "Engine Charlie" Wilson, capo della General Motors, lavorarono per diverse amministrazioni negli anni 40 e 50.

     

    apple amazon facebook e google 633x360 apple amazon facebook e google 633x360

    Il periodo fino agli anni '60 fu un'epoca di quello che John Kenneth Galbraith chiamò "contropotere". Il grande business era in una mischia ben bilanciata con il grande governo e il grande lavoro. Alcuni CEO si comportavano come statisti industriali, offrendo posti di lavoro a vita ai lavoratori, costruendo villaggi e campi da golf, e presentandosi come guardiani della società.

     

    Questo equilibrio fu scosso nel 1970 da Milton Friedman, un campione dell'economia del laissez-faire, vincitore del premio Nobel. Egli sosteneva che l'unica responsabilità dei dirigenti era verso gli azionisti.

     

    ronald reagan ronald reagan

    Finché i mercati erano liberi e la concorrenza feroce, la massimizzazione del valore per gli azionisti avrebbe aiutato la società, assicurando prodotti migliori per i clienti e migliori condizioni per i lavoratori. Le aziende che fallivano su entrambi i fronti vedevano acquirenti e dipendenti passare ai rivali.

     

    Repubblicani come Ronald Reagan abbracciarono Friedman attraverso la riduzione del governo e la deregolamentazione dell'economia. Questo ha dato origine a imprese superstar e al culto della celebrità CEO negli anni '80 e '90.

     

    Anche così, gli uomini d'affari tennero a freno la lingua sulle questioni politiche. Invece, hanno riposto la loro fiducia nei lobbisti pagati e hanno usato gruppi industriali come la Business Roundtable per fare campagne a loro favore. Il lobbismo riguardava quasi esclusivamente questioni di diretta preoccupazione per i loro profitti, come le tasse, i regolamenti o le politiche di immigrazione che potrebbero influenzare i loro dipendenti. Si sono tenute attentamente fuori dal più ampio tumulto politico.

     

    Il denaro delle aziende continua a fluire nella politica. Ma negli ultimi anni è accompagnato da un flusso parallelo di attivismo dei CEO. Weber Shandwick, una società di pubbliche relazioni, fa risalire questo fenomeno al 2004, quando Marilyn Carlson Nelson, capo della Carlson Companies, un'azienda di viaggi, prese posizione contro il traffico sessuale.

     

    BLACK LIVES MATTER BLACK LIVES MATTER

    I suoi colleghi capi del settore viaggi pensavano che tali dichiarazioni avrebbero danneggiato l'immagine neutrale dell'industria. Invece, è stata trattata come un'eroina dai clienti. Gli amministratori delegati di altre industrie presero nota. Con cautela all'inizio e più vistosamente negli ultimi cinque anni o giù di lì, hanno iniziato a pesare su argomenti che vanno dai movimenti #MeToo e Black Lives Matter alle leggi sulla libertà religiosa, il controllo delle armi, i diritti dei gay e le leggi sui bagni per i transgender.

     

    Le azioni divisive di Trump, come il divieto temporaneo di visitatori da alcuni paesi musulmani, il ritiro dall'accordo di Parigi sul clima o la reazione alle proteste razziste di Charlottesville, hanno causato indignazione in tutta l'America corporativa (anche se ha lambito i suoi tagli fiscali).

     

    manifestanti black lives matter assaltano un ristorante a pittsburgh manifestanti black lives matter assaltano un ristorante a pittsburgh

    Il mandato di Trump ha anche coinciso con un periodo in cui la fiducia del pubblico nel governo era già in declino, mentre quella nel business stava aumentando. Nonostante l'immagine dell'America corporativa come ancella del capitalismo senza cuore, gli americani si fidano un po' di più delle imprese che del governo o delle ONG.

     

    Edelman, un'altra società di PR, trova che il 63% degli americani pensa che i CEO dovrebbero intervenire quando i governi non risolvono i problemi della società. Ascoltando l'appello, nell'agosto 2019 i membri della Business Roundtable, tra cui i boss di 150 blue chip dell'indice S&P 500, si sono impegnati a considerare non solo gli azionisti ma anche i lavoratori, i fornitori, i clienti, l'ambiente e altri "stakeholder" nelle decisioni aziendali.

     

    TRUMP TRUMP

    Il problema con questo tipo di difesa dei CEO è la mancanza di chiarezza sulle sue motivazioni e l'impatto sui problemi stessi, così come sulle aziende in nome delle quali viene intrapresa. Anche se molto di questo è probabilmente ben intenzionato, è infangato da sospetti di ipocrisia e ostentazione.

     

    Prima di Natale The North Face ha rifiutato un ordine da una compagnia petrolifera del Texas per 400 delle sue costose giacche da esterno perché non voleva che il suo marchio fosse associato ai combustibili fossili. Questo mese un gruppo dell'industria petrolifera in Colorado ha premiato l'azienda con uno "extraordinary customer award". Ha notato che molti dei suoi prodotti di abbigliamento sono fatti con prodotti del petrolio, comprese le sue giacche.

     

    trump trump

    In termini di impatto sulle questioni più scottanti, l'attivismo aziendale può ritorcersi contro se fa sì che la parte contro cui è diretto si impunti. I dirigenti sostengono di non avere altra scelta che affrontare le preoccupazioni della società perché nell'era dei social media i loro clienti, dipendenti e azionisti lo richiedono. La prova di tali affermazioni è mista.

     

    Inizia con i consumatori. Alcuni sondaggi mostrano che i sostenitori di ogni partito comprerebbero più beni da aziende che si inclinano a destra o a sinistra. Ma altre ricerche hanno trovato che i consumatori erano più propensi a ricordare un prodotto che avevano smesso di usare in segno di protesta per quello che aveva detto un amministratore delegato, piuttosto che uno che avevano iniziato a usare in segno di sostegno.

     

    walmart walmart

    Dopo una sparatoria in uno dei suoi superstore nel 2019 Walmart ha vietato alcune vendite di munizioni per armi. Uno studio successivo ha scoperto che l'affluenza nei negozi Walmart nei distretti repubblicani è diminuita più bruscamente come risultato di quanto sia aumentata in quelli democratici.

     

    Anche l'impatto sui dipendenti è inconcludente. Molte aziende tecnologiche nell'economia della conoscenza sono felici di fare mostra delle loro inclinazioni di sinistra, credendo che questo attirerà brillanti lavoratori millennial che tendono a condividere tali opinioni.

     

    walmart in louisiana walmart in louisiana

    Poi ci sono gli azionisti. I capi raramente li consultano prima di fare dichiarazioni politiche. Lucian Bebchuk della Harvard Law School ha scoperto che tra i firmatari del Business Roundtable's stakeholder pledge solo uno dei 48 per i quali erano disponibili dati aveva consultato il loro consiglio di amministrazione in anticipo. Questo suggerisce che molta della retorica pro-sociale è un servizio verbale.

     

    Gli investitori sembrano vederla così. I prezzi delle azioni delle aziende dell'S&P 500 i cui capi hanno firmato quella dichiarazione - che, se presa al valore nominale, significherebbe che gli azionisti dovrebbero condividere il bottino con altri stakeholder - hanno avuto una performance quasi identica a quella delle aziende i cui CEO non erano tra i firmatari.

     

    Questo implica che i mercati non hanno considerato la retorica di importanza materiale. Il fatto che alcuni dei più rumorosi sostenitori del capitalismo degli azionisti, come Salesforce, abbiano licenziato lavoratori durante la pandemia, nonostante i ricavi record, suggerisce che gli investitori potrebbero essere sulla strada giusta.

     

    s&p global 1 s&p global 1

    Col tempo, gli stessi azionisti potrebbero diventare più politici. L'aumento dei fondi d'investimento che considerano i fattori ambientali, sociali e di governance (ESG) suggerisce un appetito per certe forme di presa di posizione sociale nell'allocazione del capitale. Gli investitori ESG sono spesso disposti ad accettare rendimenti un po' più bassi per le obbligazioni societarie legate ad alcune metriche del bene.

     

    Dopo aver studiato dieci anni di proposte di interesse pubblico presso le aziende S&P 500, su tutto, dalla disuguaglianza economica al benessere degli animali, Roberto Tallarita, sempre della Harvard Law School, ha scoperto che praticamente nessuna di queste mozioni passa. Ma il loro sostegno è in aumento.

     

    Nel 2010 il 18% degli azionisti ha votato per loro, in media. Nel 2019 questo era salito al 28%. Un giorno la sala del consiglio potrebbe diventare politica. Nel frattempo, è probabile che il pontificare dei CEO diventi più rumoroso.

    Guarda la fotogallery
    ultime notizie