• Dagospia

    ARRESTATI DUE VETERINARI IN PROVINCIA DI CREMONA ACCUSATI DI AVER CHIUSO UN OCCHIO DI FRONTE A IRREGOLARITÀ IN STABILIMENTI DI MACELLAZIONE E DI LAVORAZIONE DI PRODOTTI LATTIERO CASEARI - TRA I CASI PIÙ RILEVANTI ANCHE LA MANCATA SEGNALAZIONE DELLA POSITIVITÀ ALLA LISTERIA IN CARNI LAVORATE IN UN IMPORTANTE STABILIMENTO DI MACELLAZIONE…


     
    Guarda la fotogallery

    listeria listeria

    (ANSA) - Due persone sono state arrestate dai carabinieri del Nas di Cremona i quali hanno eseguito anche dieci perquisizioni in aziende private e uffici nell'ambito dell'operazione 'Officium', incentrata su casi di corruzione per 'chiudere un occhio' di fronte a irregolarità in stabilimenti di macellazione e di lavorazione di prodotti lattiero caseari. Tra i casi più rilevanti anche la mancata segnalazione della positività alla listeria riscontrata in carni lavorate in un importante stabilimento di macellazione del Cremasco. Gli arrestati sono padre e figlio, entrambi veterinari.

     

    listeria listeria

    Gli arrestati, padre e figlio, sono rispettivamente direttore di un Distretto veterinario e veterinario libero professionista, consulente di numerose aziende sottoposte al controllo del padre. L'inchiesta è nata dalla denuncia di una veterinaria pubblico ufficiale che aveva segnalato le irregolarità ed era stata minacciata dal titolare di un'azienda. Il direttore, secondo l'accusa, informato dal figlio, assicurava "copertura totale" ai privati omettendo di prendere provvedimenti.

    Guarda la fotogallery


    ultime notizie