• Dagospia

    ORMAI BUFFON È PIÙ INTERESSANTE QUANDO PARLA CHE QUANDO GIOCA - IL PORTIERE, CHE NON SI RASSEGNA A SMETTERE MANCO A 44 ANNI, SGANCIA QUALCHE BOMBA IN UN'INTERVISTA A "FRANCE FOOTBALL": "DETESTO IL POLITICAMENTE CORRETTO. DEVI SEMPRE DIRE LE STESSE COSE PER NON SEMBRARE SCORTESE, ANCHE QUANDO TI CHIEDONO DEGLI ALTRI GIOCATORI. LA JUVE È AL CENTRO DI TANTI SCANDALI PERCHÉ FA PIÙ RUMORE. QUANDO HO VISTO I GIORNALISTI INSEGUIRE I SOCIAL, HO PENSATO CHE ERAVAMO FREGATI. IL PALLONE D’ORO NON HA UNA LOGICA, PENSATE CHE NON L'HA VINTO INIESTA…"


     
    Guarda la fotogallery

    Da www.ilnapolista.it

     

    buffon al parma 4 buffon al parma 4

    Gianluigi Buffon intervistato da France Football. Prendiamo qualche domanda dal penultimo numero del mensile.

     

    Dopo il colpo di testa di Zidane a Materazzi durante la finale dei Mondiali del 2006, cosa ha detto all’arbitro Horacio Elizondo?

    Niente! Quando ho visto quel che era successo, l’ho segnalato con grida e grandi gesti al guardalinee, in modo molto spontaneo. In quel momento mi aspettavo tutto tranne quello che è successo, è stato davvero sorprendente.

     

    buffon buffon

    Per noi, è stata una grande chance vista la piega che stava prendendo la partita. “Zizou” era in forma incredibile e poteva cambiare il match. È una partita che abbiamo giocato nel miglior modo possibile, la Francia era molto forte, probabilmente la più forte, bastava vedere il loro cammino. Solo una squadra con la nostra mentalità poteva vincere.

     

    Cosa odi di più del mondo del calcio?

    I luoghi comuni. Questo vale per la vita in generale. Mi fa impazzire. Credo negli individui e nella differenza basata sui meriti. Odio anche il politicamente corretto… anche se probabilmente ne faccio uso anche io.

     

    gigi buffon al parma 6 gigi buffon al parma 6

    Lo faccio per non mancare di rispetto agli altri. Anche le cose vere possono essere spiacevoli, causare danni a qualcun altro e, dal momento che è tutto pubblico, lo crea davanti agli occhi del mondo, e non è bello. Mi succede soprattutto quando mi viene chiesto di giudicare altri giocatori, mi infastidisce. Devi sempre dire le stesse cose per non sembrare scortese.

     

    buffon canta l inno d italia buffon canta l inno d italia

    Perché la Juventus è coinvolta in tanti scandali?

    Ha sempre una spada di Damocle sopra la testa. Tra i suoi sostenitori e i suoi avversari, è al centro dell’attenzione in tutta Italia. Quello che succede alla Juve fa sempre rumore. È stata accusata di molte cose, è stata spesso punita, e più o meno per cose che anche altri club hanno commesso.

    BUFFON BUFFON

     

    E lo dico senza mettermi a difendere la Vecchia Signora. Quando questo accade alla Juventus, tutti gli altri si proteggono dietro di lei perché sanno che è lei che scatena il clamore più forte.

     

    d'amico buffon d'amico buffon

    Ilaria D’Amico, la tua compagna, è giornalista sportiva. Questo ha cambiato il modo di guardare alla professione?

    No, l’ho conosciuta quando avevo già molta esperienza del giornalismo, avevo già un’idea. Capisco che fate un lavoro complicato, che dovete ottenere le notizie buone, ho un grande rispetto per questo.

     

    buffon buffon

    Tuttavia, a volte vi manca completamente l’obiettività, siete troppo condizionati da fattori esterni. Alcuni anni fa ho visto, ad esempio, che un giornalista ha iniziato a cambiare opinione in base a ciò che ha letto sui social network. Si erano invertiti i ruoli, ho pensato che eravamo fregati.

     

    Sei arrabbiato per non aver mai vinto il Pallone d’Oro?

    Non c’è sempre una logica. Nel 2003, sono stato votato come il miglior giocatore della Champions League (la Juventus era stata battuta in finale dal Milan ai rigori), una rarità per un portiere, e non sono finito nemmeno nella top 5 del Pallone d’Oro (ha vinto Nedved davanti a Thierry Henry, Paolo Maldini, Andrey Shevchenko e Zinedine Zidane. Buffon arrivò nono).

     

    gigi buffon al parma 2 gigi buffon al parma 2

    I giornalisti non se ne sono accorti? Non hanno avuto coraggio? Non mi interessa perché, alla fine, non mi interessano certi premi, però mi piace la meritocrazia, perché è sport, e spesso non la trovo. Inoltre, per me, la più grande ingiustizia intorno al Pallone d’Oro è stata quella subita da Iniesta, che era forte come Maradona, Messi o Ronaldo.

    Guarda la fotogallery


    ultime notizie