• Dagospia

    L’AFA VI STA SQUAGLIANDO? NON SBAGLIATE DIETA - LE ALTE TEMPERATURE FANNO CALARE L’APPETITO ED È FACILE COMMETTERE ERRORI ALIMENTARI - VA BENE REINTEGRARE I LIQUIDI, MA BISOGNA GARANTIRSI I GIUSTI NUTRIENTI. EVITARE GELATI, BIRRA E THE FREDDO, SÌ ALLA PASTA FREDDA - DALLA COLAZIONE ALLA CENA, ECCO I “TRUCCHI”


     
    Guarda la fotogallery

    Roberta Salvadori per www.corriere.it

     

    Gelato e birra per rinfrescarsi... non va!

    birra birra

    Riempirsi lo stomaco di bibite, gelati, birra, tè freddo, mangiare troppo poco perché l’appetito se ne va, non è una bella strategia per combattere il caldo e si rischiano di accumulare calorie su calorie, da zucchero e alcool, proprio quando si tende a muoversi di meno per via dell’afa. Di conseguenza l’eccesso calorico può tramutarsi in grasso corporeo. In realtà è vero che l’organismo ha particolarmente bisogno di liquidi (bene bere 1,2 -2 litri d’acqua al dì) e di sali per reintegrare quelli dispersi col sudore, ma ha anche bisogno di mangiare cibi (digeribili), per introdurre i principi nutritivi necessari. Ecco qualche «trucco», per combattere il caldo a tavola, senza eccedere con le calorie e non soffrire la fame.

     

    Colazione

    sedano sedano

    Appena svegli un paio di bicchieri di acqua fresca avviano l’idratazione mattutina. A colazione bene una tazza grande di yogurt magro, bianco. Le calorie sono poche (circa 70 per tazzona) e si potrebbe anche addolcirlo con un cucchiaino di miele. È ricco di proteine (6-7g per la dose indicata) ma non di lattosio. La muscolatura (e non solo) ne ha bisogno.

     

    Pranzo

    L’ideale è un passato tiepido di verdure miste (una miniera di sali minerali). In Francia li servono con una fetta di pane: un’ottima idea per un piatto più ricco di carboidrati complessi.

     

    PASTA FREDDA PASTA FREDDA

    Cena

    Sì alla pasta, meglio tiepida o fredda, condita con pomodoro fresco, basilico, uova a fettine, pezzetti di peperone arrosto, tonno, olio evo.

     

    E la frutta?

    Un bel piatto di frutta mista (ricca di acqua, sali, vitamine), fino a tre volte alla settimana può sostituire un pranzo, soprattutto al mare e integrare anche colazione e cena. Ma non esagerare perché la frutta può favorire la fermentazione intestinale e fare gonfiare la pancia. Meglio mangiarla intera piuttosto che spremuta, perché è ricca di fibre utili per l’intestino. Dai succhi le fibre vengono eliminate.

     

    cetriolo 5 cetriolo 5

    Le verdure sempre

    Tutta e a tutte le ore perché apporta molta acqua, vitamine, sali e un nonnulla di calorie. Può integrare pasti e fuoripasto. Un cetriolo fresco o un pomodoro possono ingannare l’appetito e calmare la sete.

     

    Bibite

    Bene il frullato freddo di anguria ma anche il limone al seltz: è una via di mezzo fra il gelato e la bibita, disseta con poche calorie. Per farlo in casa: sorbetto di gelato (poco) in un bicchiere, acqua gasata e fettine di limone non trattato.

    frullatore frullatore

    Guarda la fotogallery
    ultime notizie