• Dagospia

    DALLA RUSSIA CON ORRORE - TRE SORELLE RUSSE RISCHIANO 15 ANNI DI CARCERE PER AVER UCCISO IL PADRE, DOPO ANNI DI ABUSI SESSUALI E TORTURE: “LO ODIAVAMO E VOLEVAMO SCOMPARISSE PER SEMPRE”- IL LORO AGUZZINO ERA UN EROINOMANE LEGATO ALLA MAFIA RUSSA, NE CONTROLLAVA I MOVIMENTI CON UN SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA, LE VIOLENTAVA E  UMILIAVA IN VARI MODI. ANCHE FACENDOGLI MANGIARE PELI DI CANE RACCOLTI DAL...


     
    Guarda la fotogallery

    Silvia Morosi per corriere.it

     

    MIKHAIL KHACHATURYAN MIKHAIL KHACHATURYAN

     

    Rischiano una condanna fino a quindici anni di carcere le tre sorelle russe accusate di aver ucciso il padre. Kristina, Angelina e Maria Khachaturyan — all’epoca 19, 18 e 17 anni — si sarebbero vendicate dopo anni di abusi e violenze.

     

    Il corpo dell’uomo, Mikhail Khachaturyan (all’epoca 57 anni), venne ritrovato sulle scale di un condominio di Mosca con decine di coltellate al petto e al collo. Poche ore prima della sua morte, era tornato da una clinica psichiatrica e aveva torturato le sue figlie, minacciandole con un coltello. Per l’ennesima volta.

     

    MIKHAIL KHACHATURYAN MIKHAIL KHACHATURYAN

    Come ricorda la Cnn, da anni l’uomo, un eroinomane legato alla mafia russa, abusava di loro, ne controllava i movimenti con un sistema di videosorveglianza e impediva loro di andare a scuola.

     

    maria khachaturyan maria khachaturyan

    E ancora, le umiliava in vari modi anche facendogli mangiare peli di cane raccolti dal pavimento, come racconta il Daily Mail in un articolo del 2018. Kristina, la maggiore, al momento dell’arresto disse alla polizia: «Lo odiavamo e volevamo che sparisse o non averlo mai conosciuto». Una di loro raccontò anche di avere le prove di come il padre l’avesse costretta a compiere atti sessuali su di lui.

     

     

    «Le ragazze spinte alla disperazione»

    MIKHAIL KHACHATURYAN MIKHAIL KHACHATURYAN

    Nel processo, che si apre oggi (venerdì 31 luglio), le due sorelle maggiori, Krestina e Angelina, saranno processate insieme. Maria, che era minorenne al momento dell’omicidio, sarà processata separatamente. «Pensiamo che non avessero altra scelta. Il padre ha spinto le ragazze alla disperazione, tutta la loro vita è stata un inferno continuo.

     

    Non possono essere paragonate a persone sane, calme ed equilibrate ... [le] ragazze hanno sviluppato gravi malattie mentali, tra cui la sindrome da abuso e disturbo post traumatico da stress. Ciò è stato confermato da tutti gli esami nel caso», ha aggiunto uno dei legali delle sorelle, Aleksey Parshin.

     

    MIKHAIL KHACHATURYAN E LE TRE FIGLIE MIKHAIL KHACHATURYAN E LE TRE FIGLIE

     

    Attivisti in campo

    L’estate scorsa sono state incriminate con l’accusa di omicidio premeditato, scatenando le polemiche tra gli attivisti in Russia che lottano per approvare una legge per proteggere le vittime di abusi domestici (accantonata dal Parlamento nel 2016). A sostenere le giovani anche personalità che vanno dall’ex candidata alla presidenza Ksenia Sobchak al cantante di System of a Down, Serj Tankian.

     

    MIKHAIL KHACHATURYAN E UNA DELLE FIGLIE MIKHAIL KHACHATURYAN E UNA DELLE FIGLIE

    Adesso le giovani rischiano tra i 10 ai 15 anni di carcere. Gli avvocati difensori chiedono che le donne vengano trattate come vittime. «Vivevano una situazione traumatica da molto tempo» e temevano non solo per la loro incolumità fisica «ma anche per la loro vita», ha detto il legale Yaroslav Pakulin.

     

     

    maria khachaturyan 1 maria khachaturyan 1

     

    kristina khachaturyan 1 kristina khachaturyan 1 angelina khachaturyan angelina khachaturyan kristina khachaturyan 6 kristina khachaturyan 6 angelinakhachaturyan 5 angelinakhachaturyan 5 4eaf3c1000000578 6006415 image a 25 1532944070635 4eaf3c1000000578 6006415 image a 25 1532944070635 kristina khachaturyan kristina khachaturyan

    Guarda la fotogallery
    ultime notizie