• Dagospia

    DOPO LO SCIOGLIMENTO DEI GHIACCI, NUOVO DRAMMA PER L’ANTARTIDE: ARRIVA CAROLA RACKETE - “LA CAPITANA” È SALITA A BORDO DI UNA NAVE GREENPEACE ED È ANDATA NEL POSTO PIÙ FREDDO DELLA TERRA - A FARE COSA? LO DICE IL SUO AVVOCATO: “NON VOLEVA STARE AL FRESCO, VOLEVA ARIA FRESCA. PENSO SIA UNA SCELTA DI VITA, DI INTERESSE E DI IMPEGNO…”


     
    Guarda la fotogallery

    Lu.Spa. per “Libero quotidiano”

     

    carola rackete carola rackete

    La Rackete risale a bordo. Ma, almeno per il momento, non torna nel Mediterraneo a prendere altri migranti. Forse si è un po' stufata. O forse, come suggerisce il suo legale, voleva solamente «un po' d' aria fresca». Fatto sta che la comandante è andata lontanissimo, addirittura in Antartide.

     

    «Carola», racconta l' avvocato Alessandro Gamberini, «è in Antartide con la nave di GreenPeace. È contenta della sentenza della Cassazione, ci ha ringraziato per il nostro lavoro difensivo. Quando saranno depositate le motivazioni cercheremo di utilizzarle difendendoci davanti alla Procura di Agrigento».

     

    Già, ma la domanda resta: cosa ci è andata a fare nel posto più freddo e inospitale della Terra? Spiega ancora il legale, intervenuto ai microfoni della trasmissione "L' Italia s' è desta", condotta dal direttore Gianluca Fabi, Matteo Torrioli e Daniel Moretti su Radio Cusano Campus: «Per fare una battuta non voleva stare al fresco, voleva aria fresca. Penso sia una scelta di vita, di interesse e di impegno. Chi la conosce sa bene che non ha avuto particolari problemi nella vicenda della Sea Watch, sarei rimasto più traumatizzato io».

     

    CAROLA RACKETE CAROLA RACKETE

    Gamberini si sofferma poi anche sulle vicende giudiziarie della sua assistita: «Dal punto di vista formale i procedimenti ancora aperti contro Carola sono due: favoreggiamento dell' immigrazione clandestina, destinato nella mia valutazione a chiudersi in tempi brevi, e resistenza a pubblico ufficiale».

     

    carola rackete carola rackete

    «La versione di Carola su questa vicenda», aggiunge, «è che lei stava entrando in porto molto lentamente, non aveva una telecamera laterale per vedere cosa le accadeva di lato, quando stava ormeggiando si è affacciata per verificare se poteva fare la manovra in sicurezza e quando si è accorta che c' era il naviglio della Guardia di Finanza, ha bloccato la manovra. Ma le navi hanno un moto inerziale quindi quel piccolo tocco fu inevitabile».

    MEME SU CAROLA RACKETE MEME SU CAROLA RACKETE

    E la querela nei confronti di Salvini? «Credo che a breve ci sarà il rinvio a giudizio. Dopo i post di Salvini che incitavano all' odio contro di lei ci sono stati episodi di minacce, verbali, scritte e anche fisiche, intemperanze di soggetti che l' avvicinavano e le facevano minacce».

    CAROLA RACKETE CAROLA RACKETE

    Guarda la fotogallery
    ultime notizie