• Dagospia

    PER EVITARE L’ESCALATION DELLA GUERRA IN UCRAINA, È IN CORSO UN NEGOZIATO IN CUI IL PRINCIPALE MEDIATORE TRA MOSCA E KIEV È ERDOGAN - IL PRESIDENTE TURCO, ABILISSIMO NEL GIOCARE SU PIÙ TAVOLI, HA DALLA SUA LA CAPACITÀ DI ESSERE “FLESSIBILE”: LA TURCHIA È NELLA NATO MA NON HA APPLICATO LE SANZIONI ALLA RUSSIA DECISE DALL’OCCIDENTE; HA VENDUTO I PREZIOSISSIMI DRONI BAYRAKTAR ALL’UCRAINA MA ANCHE LA CITTADINANZA A MOLTI OLIGARCHI RUSSI, CHE AD ANKARA E A ISTANBUL HANNO TROVATO RIPARO - DIETRO LE QUINTE SI MUOVE ANCHE IL VATICANO, TRAMITE MONSIGNOR PAROLIN…


     
    Guarda la fotogallery

    Dagonews

     

    RECEP TAYYIP ERDOGAN VLADIMIR PUTIN RECEP TAYYIP ERDOGAN VLADIMIR PUTIN

    Per evitare l’escalation della guerra in Ucraina, è in corso un negoziato in cui il principale mediatore tra Mosca e Kiev è Erdogan. Il presidente turco, abilissimo nel giocare su più tavoli, ha dalla sua la capacità di essere “flessibile”: la Turchia è nella Nato ma non ha applicato le sanzioni alla Russia decide dall’Occidente; ha venduto i preziosissimi droni Bayraktar all’Ucraina ma anche la cittadinanza a molti oligarchi russi, che ad Ankara e a Istanbul hanno trovato riparo (spostando lì le loro ricchezze). Dietro le quinte opera anche il Vaticano con il Segretario di Stato, Monsignor Parolin, che ha anche incontrato all’Onu il ministro degli Esteri russo, Lavrov. L’obiettivo è evitare che il conflitto possa sfuggiare di mano, soprattutto dopo la minaccia atomica di Putin.

     

    SERGEY LAVROV PIETRO PAROLIN SERGEY LAVROV PIETRO PAROLIN SERGEY LAVROV PIETRO PAROLIN SERGEY LAVROV PIETRO PAROLIN

    Guarda la fotogallery


    ultime notizie