• Dagospia

    "LA NOSTRA ARMA È LA VOCE, LE NOSTRE MUNIZIONI SONO I TESTI" – IL FENOMENO DELLA "TRAP DE CRIA", L’HIP HOP NATO NELLE FAVELAS DI RIO: LE CANZONI PARLANO DI CRIMINALI ARMATI, DELLE PERIFERIE, DEI SOGNI DI CAMBIARE VITA - I POLITICI BRASILIANI SI SCAGLIANO CONTRO I CANTANTI PER LA GLORIFICAZIONE DELLA DROGA E LE ARMI MOSTRATE NEI VIDEO, MA LORO SI DIFENDONO: “PARLIAMO DI CIÒ CHE VEDIAMO…” - VIDEO


     
    Guarda la fotogallery

     

     

     

     

    DAGOTRADUZIONE DA Felipe Diana e David Biller per www.apnews.com

     

    vitor oliveira trap de cria vitor oliveira trap de cria

     

    RIO DE JANEIRO (AP) - In primo luogo, Vitor Oliveira ha venduto il piano terra dell’edificio in mattoni che ha costruito vicino alla cima della tentacolare favela a Rio de Janeiro. Poi ha venduto uno dei due appartamenti al secondo piano. Poi la sua macchina.

     

    Tutto per la musica - il trap de cria - un nuovo tipo di hip hop che evoca la vita delle gang nelle favelas di Rio.

     

    Oliveira, 31 anni, ha investito i proventi nella costruzione di un minuscolo studio di registrazione e di una sala di montaggio in un appartamento all’ultimo piano dell'edificio. Torna lì dal suo lavoro - guidando il suo motociclo taxi su e giù per la Rocinha, una delle più grandi favelas dell'America Latina - per lavorare a 18 tracce e ai video di accompagnamento.

     

    favelas brasile favelas brasile

    Trap de cria (traduzione approssimativa: "trap nostrana") è il nuovo suono di questa e di altre favelas e rimane in gran parte sconosciuto al di fuori di esse. Caratterizzato da un flusso lirico su tamburi sintetizzati, è una ramificazione della trap di Atlanta e parla delle lotte quotidiane dei quartieri malfamati.

     

    La maggior parte di questi rapper non sono veri gangster, anche se i loro milioni di spettatori di YouTube non potrebbero mai immaginarlo dai loro video, che li mostrano ostentare pistole nei quartieri della classe operaia dominati dai trafficanti di droga.

     

    La spavalderia della trap a volte appare innocua, mentre altre volte glorifica la vita nel crimine. Gli artisti sono cresciuti accanto a ragazzi che sono diventati vedette, corridori e la mano armata delle bande. Alcuni sono ancora amici.

    marco borges trap de cria marco borges trap de cria

     

    "La nostra arma è la nostra voce, le nostre munizioni sono i nostri testi", ha detto Filipe Toledo, che rappa come Lidinho 22, mentre infila un caricatore dentro una pistola softair di plastica. Poi ha punta l'arma verso la telecamera. "Boom."

     

    Non tutti sono fan. L'anno scorso, la polizia di Rio ha avviato un'indagine su un video di Marcos Borges e Ivens Santos, 22enni che rappavano con i nomi di MbNaVoz e Dom Melodia. La polizia sta esaminando come sono riusciti a ottenere i SUV e se sono state usate armi vere. Nel frattempo la clip è stata vista oltre 4 milioni di volte.

     

    La polizia civile brasiliana ha affermato che Borges e Santos sono accusati di incitamento alla criminalità e associazione per traffico di droga e potrebbero essere incriminati per trasporto illegale di armi da fuoco se fosse confermato che erano vere.

     

    “La libertà di espressione ha un limite e il limite è quando viene commesso un crimine. Pensiamo che sia stato commesso un crimine ", ha detto il detective della polizia Allan Duarte al canale televisivo SBT. "Non possiamo lasciare che i bambini idolatrino queste persone che portano armi e praticano crimini".

    trap de cria trap de cria

     

    Borges all’apparenza sembra una persona minacciosa: ha un Uzi tatuato sul collo. Ma respinge le critiche. 

     

    "Dobbiamo rappresentare ciò che viviamo", ha detto in un'intervista, mentre fumava marijuana. “Non possiamo cantare di una donna che cammina sul marciapiede di Copacabana o fa skateboard se non lo vivo. Esco di casa e vedo cose da pazzi tutto il tempo. Capisci? È così nella favela. "

     

    Borges ha detto di aver organizzato le riprese lo stesso giorno di una corsa illegale su strada e che i partecipanti hanno prestato loro delle auto. Ha detto di aver usato pistole softair e aggiunge che fare altrimenti sarebbe stato da idioti.

    filipe toledo v 2 filipe toledo v 2

     

    L'Associated Press ha controllato le pistole usate per i video musicali ed erano tutte softair, compresi i fucili che Borges e Santos brandivano per le riprese dell'11 aprile. Nella clip si vedevano anche mazzette di banconote false.

     

    Secondo il censimento del 2010, le gang controllano molte favelas, che ospitano 1,7 milioni di persone nella regione metropolitana di Rio. I servizi sono limitati, così come le possibilità di uscire dalla favela.

     

    "Nessuno vuole sentire che i bambini stanno morendo, i giovani stanno morendo, che non ci hanno dato nessuna opportunità", ha detto Thaina Denicia, 23 anni, ex spogliarellista che rappa sotto il nome Thai Flow.

     

    Denicia non esibisce pistole nei suoi video, né giudica coloro che lo fanno; suo padre era un trafficante ed è cresciuta con la criminalità dentro casa. Vuole diffondere la musica del suo gruppo, Complexo do Alemao, e aprire una finestra sulle favelas a coloro che non sanno niente di come sono le loro vite.

    thai flow trap de cria thai flow trap de cria

     

    "Parlo dei personaggi creati dal crimine, della società, di dove possiamo andare e di chi possiamo essere", ha aggiunto.

     

    Ma l'anno scorso, quando un rapper ha insultato il consigliere comunale Gabriel Monteiro, l'ex ufficiale di polizia militare ha detto ai suoi 6 milioni di follower sui social media che i "presunti artisti" glorificano il crimine e degradano la società decente. A febbraio, un legislatore statale ha denunciato l'influenza negativa della trap locale, condividendo un video musicale di motociclisti che brandiscono fucili.

     

    "È questa la cultura che desideri per i tuoi figli?" ha chiesto su Instagram. Questa non è la prima musica nata dalle comunità prevalentemente nere e birazziali di Rio a suscitare interesse e sdegno. Un secolo fa, la polizia ha arrestato musicisti di samba perché suonavano il pandeiro, un tamburo a mano.

     

    filipe toledo trap de cria filipe toledo trap de cria

    Negli anni '90, i musicisti funk e hip-hop hanno avuto problemi. Non avendo i mezzi per registrare video, i musicisti si sono intrattenuti in massicci "balli funk" nelle favelas, ha detto Janaina Medeiros, una giornalista autrice del libro "Rio Funk: Crime or Culture?" Man mano che i CD di "funk proibito" che facevano riferimento alle bande divennero popolari, le autorità presero di mira i balli.

     

    "L'intero movimento è visto come un'incarnazione malvagia, come un grande virus che avrebbe contaminato la società, glorificato il crimine e rapito le brave ragazze dalle loro famiglie", ha detto Medeiros.

     

    Il funk era la colonna sonora dell'adolescenza di Vitor Oliveira quando iniziò a creare la sua musica. Con la trap nostrana, ha scoperto un genere più aperto all'espressione di sé e ne è rimasto conquistato.

    vitor oliveira trap de cria 2 vitor oliveira trap de cria 2

     

    A meno di 30 metri dal suo studio, la cocaina e la marijuana vengono vendute da giovani uomini che vanno in giro con fucili semi-automatici. Oliveira dice di aver fatto commissioni occasionali per la banda, ma solo quando era alla disperata ricerca di denaro.

     

     

    Favela di Rio di notte Favela di Rio di notte

    Usando il nome MC Piloto, ha registrato 10 tracce e due video per il suo progetto di 18 canzoni.

     

    “Pensi che (lo stato) non si preoccuperà di vedere un uomo di colore fare bene in questa vita? Dannazione. Cercherà di farmi inciampare”, ha detto. "Ma sono pronto a saltare giù."

    Guarda la fotogallery
    ultime notizie