• Dagospia

    UN TRONCO PER AMICO - GLI ALBERI HANNO MOLTO DA INSEGNARCI: MAESTRI DI RESILIENZA, SOPPORTANO PERIODI DIFFICILI OGNI INVERNO MA RIFIORISCONO IN PRIMAVERA. SONO GENEROSI E DI CERTO SANNO INVECCHIARE BENE - ECCO PERCHE', SECONDO ALCUNI PSICOTERAPEUTI, ABBIAMO BISOGNO DI ABBRACCIARNE UNO, COME FOSSE UN VERO AMICO E...


     
    Guarda la fotogallery

    Dagotraduzione dal Wall Street Journal

     

    Alberi Alberi

    Gli alberi hanno molto da insegnarci. Sanno un paio di cose sulla sopravvivenza negli anni difficili e sul prosperare durante quelli buoni: possono mostrarci l'importanza di avere una visione a lungo termine. Sono maestri nella resilienza, sopportano periodi di maggese ogni inverno e rifioriscono ogni primavera. Sono generosi: condividono i nutrienti con altri alberi e piante e a noi forniscono aria pulita e ombra. Di certo sanno invecchiare bene.

     

    E gli alberi provocano stupore, quella risposta emotiva a qualcosa di vasto che si espande e sfida il modo in cui vediamo il mondo. È l'antidoto perfetto per il modo in cui ci sentiamo in questo momento: un percorso verso la guarigione. La ricerca mostra che lo stupore riduce lo stress, l'ansia e l'infiammazione. Può calmare le nostre chiacchiere mentali disattivando la rete di modalità predefinita del nostro cervello, l'area che è attiva quando non stiamo facendo nulla e che può essere assorbita dalla preoccupazione e dalla riflessione, secondo Dacher Keltner, professore di psicologia all'Università della California, Berkeley e direttore di facoltà del Greater Good Science Center dell'università, che studia con soggezione. Può migliorare le nostre relazioni, facendoci sentire più supportati e più propensi ad aiutare gli altri, più compassionevoli e meno avidi.

     

    Alberi 5 Alberi 5

    Un po' di soggezione fa molto: il Dr. Keltner consiglia da otto a 10 minuti al giorno, anche se dice che provare soggezione anche una volta alla settimana è sufficiente per iniziare a raccogliere benefici. E la ricerca mostra che la nostra capacità di soggezione si accumula nel tempo. Ogni esperienza che abbiamo ci rende più propensi a notare ulteriori opportunità di stupore intorno a noi.

     

    Ecco perché hai bisogno di un amico albero. Perché non è sempre possibile trovare una montagna, una spiaggia o un tramonto nelle vicinanze, tanto meno fare il bagno in una foresta (anche se tutto ciò suscita stupore). Ma puoi quasi sempre trovare almeno un albero da qualche parte vicino. E gli alberi offrono diversi modi per provare stupore. Puoi apprezzare le loro foglie, corteccia o rami contro il cielo; guarda le creature che ospitano; contemplare la loro esistenza. Quando sei amico di un albero, torni più e più volte, costruendo la tua capacità di stupore e aumentando i benefici.

     

    Alberi 4 Alberi 4

    Suzanne Simard ha un amico albero (Beh, due per l'esattezza). Rinomata ecologista e scienziata degli alberi, ha dedicato la sua vita allo studio di vaste reti di alberi, mappando come sono interconnessi e come hanno bisogno l'uno dell'altro per sopravvivere. Eppure ha ancora dei preferiti.

     

    Quasi ogni giorno, la dottoressa Simard fa un'escursione di due ore su per la montagna dietro casa sua a Nelson, nella Columbia Britannica. In alto sul sentiero, si ferma a un abete Douglas alto più di 100 piedi, con rami che pendono a terra, accarezzandone la corteccia e chiedendo: «Ciao, come stai?». Ma l'albero più vicino al suo cuore è più in basso lungo il sentiero: una ponderosa alta quasi altrettanto. La dottoressa Simard saluta anche questo albero e talvolta si appoggia a un punto piatto sulla sua corteccia, inalando il suo profumo. (Ha odore di vaniglia, perché produce vanillina, dice).

     

    Alberi 3 Alberi 3

    «Questi alberi sono lì da così tanto tempo, che vivono insieme pacificamente mentre il mondo è impazzito. Sono solidi. Prevedibili. Sono solo in soggezione nei loro confronti», afferma Simard, professore di ecologia forestale presso l'Università della British Columbia e autrice del nuovo libro "Finding the Mother Tree: Discovering the Wisdom of the Forest". «È un momento significativo e mi sento subito meglio».

     

    È stato mio padre a insegnarmi a fare amicizia con gli alberi. Ho scritto a casa dal campo per dirgli che ero solo. Mi ha risposto e mi ha consigliato di visitare lo stand dei sicomori in riva al lago. «Vai a parlare con loro», ha scritto. «Sono buoni amici e manterranno i tuoi segreti!».

     

    Alberi 2 Alberi 2

    Ma come, esattamente, fai amicizia con un albero? Inizia scegliendone uno. Non deve essere stupendo o grandioso; è più importante che sia accessibile, afferma Patricia Hasbach, psicoterapeuta a Eugene, Oregon, specializzata in ecoterapia, che incorpora la natura nel processo di guarigione. Una volta trovato il tuo albero, siediti accanto ad esso. Fai alcuni respiri profondi e nota cosa attira la tua attenzione. Usa tutti e cinque i sensi.

     

    Torna a visitare regolarmente il tuo albero. «Questo favorisce un senso di appartenenza a qualcosa di più grande di te stesso», afferma Hasbach, co-direttore del programma di certificazione di ecopsicologia al Lewis & Clark College di Portland, Oregon, e co-editore di "Rediscovery of the Selvaggio.” E assicurati di ringraziare il tuo albero: dì qualche parola, dagli una carezza, raccogli i rifiuti. «La relazione è basata sulla reciprocità», dice Hasbach. «E quella connessione fa parte dello stupore».

     

    Alberi 8 Alberi 8

    Lisa Gabriele ha scoperto il suo albero lo scorso gennaio mentre camminava lungo il lago St. Clair a Belle River, in Ontario, dove possiede una casa. Ha visto un albero sulla spiaggia e gli ha fatto una foto. Poi è tornata il giorno dopo e ne ha preso un altro. È rimasta sbalordita nel vedere spuntare un ramo che non aveva notato prima. «Guardare un albero invernale che era vivo e in movimento mi ha riempito il cuore», dice.

     

    La signora Gabriele ha iniziato a chiamare il suo albero «albero della spiaggia» e a visitarlo ogni pochi giorni, postando regolarmente foto su Instagram. Sperava di ispirare gli altri a scegliere un albero speciale.

     

    Un giorno è apparso un tavolo da picnic e ora il suo albero ha altri visitatori. Per prima cosa, un uomo sedeva rannicchiato al tavolo, fissando il lago. Poi una famiglia ha riso e mangiato sotto alla sua ombra. La signora Gabriele ha iniziato a divertirsi nel vedere altre persone interagire con il suo albero. «Ma non vedo l'ora di tornare indietro e rivedere il mio albero da sola», dice.

     

    Alberi 7 Alberi 7

    Lo scorso inverno, l'artista di Chicago Lincoln Schatz ha trascorso due settimane a fotografare alberi nei parchi della città, inquadrando i loro rami scuri e spogli contro il cielo luminoso. La temperatura si aggirava intorno allo zero. Doveva guadare la neve alta fino agli stinchi. Le batterie della sua macchina fotografica si sono esaurite per il freddo. Eppure il signor Schatz si è sentito sollevato, dopo un anno di isolamento e tristezza. «Quegli alberi erano ancora più austeri e freddi di me, e stavano per tornare», dice. «Questo mi ha dato un enorme conforto che anche noi torneremo. E lo cavalcheremo insieme».

     

    Alberi 6 Alberi 6

    Il signor Schatz ha diversi alberi nel suo giardino che considera amici: due pioppi che ha piantato quando si è trasferito a casa sua 10 anni fa (lui e sua moglie si sono sposati ad Aspen, in Colorado) e un ginkgo - "Ginkie" per la sua famiglia. Lo aiutano a scandire il passare del tempo. Torna anche regolarmente a visitare uno dei pioppi che ha fotografato lo scorso inverno che secondo lui dovrebbe avere circa 150 anni.

     

    «Questi alberi mi fanno sentire connesso a qualcosa di molto più grande di me stesso, e questa è una sensazione trascendente», afferma il signor Schatz. «Se potessero parlarmi, credo che direbbero: “Andrà tutto bene”».

    Guarda la fotogallery


    ultime notizie