• Dagospia

    DI MAIO IN PEGGIO – GLI ITALIANI BLOCCATI IN GRAN BRETAGNA DENUNCERANNO DI MAIO DOPO ESSERE RIMASTI PRIGIONIERI OLTREMANICA - LA RABBIA DI UN’ITALIANA CHE AVEVA SPESO 400 STERLINE IN TAMPONI INSIEME AL MARITO E AL FIGLIO DI UN MESE CHE VOLEVA REGISTRARE IN ITALIA: “SIAMO NELLA STESSA SITUAZIONE DI QUATTRO GIORNI FA. AMBASCIATA E CONSOLATO NON SANNO NIENTE. SI CONTINUA A VOCIFERARE CHE ABBIAMO FIRMATO PER FARCI RIMPATRIARE, MA DI UFFICIALE NON C'È NIENTE…”


     
    Guarda la fotogallery

    Carlo Tarallo per “la Verità”

     

    turisti aeroporto turisti aeroporto

    «Stiamo cercando un avvocato che ci rappresenti e faremo una denuncia collettiva»: Maria Podda è una delle migliaia di nostri connazionali bloccati in Gran Bretagna da quando, domenica pomeriggio, il governo italiano ha bloccato i collegamenti aerei a causa della variante inglese del coronavirus. Maria è cittadina italiana, gestisce un salone di bellezza a Londra, suo marito è nostro connazionale e vive nella capitale dell' Inghilterra da 14 anni.

     

    La coppia ha un neonato di un mese, i genitori volevano registrarlo in Italia. Domenica pomeriggio erano sul punto di imbarcarsi quando è arrivata la comunicazione del blocco. Avevano già fatto il tampone, privatamente, ben due volte: 400 sterline la spesa affrontata per non avere intoppi al momento dell' ultimo controllo prima di salire sull' aereo. Non è bastato. Da quattro lunghi giorni, insieme ad altre migliaia di connazionali, Maria non riesce ad avere uno straccio di informazione.

     

    LUIGI DI MAIO RE SOLE LUIGI DI MAIO RE SOLE

    Annuncia alla Verità l' intenzione di denunciare le autorità italiane, e racconta: «Siamo nella stessa situazione di quattro giorni fa, nessuno ci dice nulla. Ambasciata e consolato non sanno niente. Si continua a vociferare che abbiamo firmato per farci rimpatriare», aggiunge Maria, «ma di ufficiale non c' è niente. Siamo tornati al consolato italiano proprio oggi (ieri, ndr) e visto che il foglio di viaggio per mio figlio era scaduto perché durava solo 5 giorni, mi hanno fatto il passaporto d' urgenza per permettermi di partire in caso riaprano i voli, ma non hanno la minima idea neanche loro di quando si sbloccherà questa situazione. Lo Stato non ha comunicato nulla».

     

    TAMPONI A FIUMICINO TAMPONI A FIUMICINO

    Già, lo Stato. Lo Stato italiano, capace di abbandonare migliaia di connazionali nel Regno Unito, gente che lavora, gente che voleva tornare in Italia per le feste o, come nel caso di Maria, per registrare qui un nuovo cittadino italiano, suo figlio. Amarezza, delusione, sconforto. Solitudine. Ieri il governo italiano, con un' ordinanza firmata dai ministri degli Esteri Luigi Di Maio, della Salute Roberto Speranza e dei Trasporti Paola De Micheli, ha autorizzato l' ingresso in Italia dal Regno Unito di coloro che hanno la residenza anagrafica nel nostro Paese o hanno un motivo di assoluta necessità comprovato mediante autocertificazione. Gli altri dovranno rassegnarsi: non si parte, niente da fare, neanche con i tamponi negativi alla mano. Nulla.

    tamponi aeroporti 8 tamponi aeroporti 8

     

    La Farnesina, guidata da Luigi Di Maio, non riesce a sbrogliare la matassa mentre ieri mattina i primi cittadini francesi provenienti dall' Inghilterra sono rientrati in patria, in nave, mostrando un tampone negativo. Detto brutalmente: la variante «inglese» del Covid è già arrivata in Italia, ma i nostri connazionali sono ancora bloccati in Gran Bretagna.

     

    Ieri mattina i parlamentari della Lega Eugenio Zoffili, Luca Toccalini, Paolo Formentini, Alessandro GiglioVigna, Simone Billi, Vito Comencini, Erik Pretto, Carlo Piastra, Jacopo Morrone, Elena Murelli, Cristina Patelli sono entrati all' interno della Farnesina cercando invano di essere ricevuti dal ministro Di Maio. I deputati leghisti hanno chiesto «certezze e una soluzione immediata per i nostri connazionali bloccati in Gran Bretagna a causa dello stop dei collegamenti imposto dal governo italiano che ancora non ha mosso un dito per risolvere questa situazione assurda. Il 23 dicembre, con la situazione delicata che tutti conosciamo e con i nostri connazionali bloccati in Gran Bretagna, al ministero degli Esteri non c' è nessuno del governo. Né il ministro Di Maio, né il viceministro e neanche un sottosegretario.

    tamponi aeroporti 1 tamponi aeroporti 1

     

    La Lega», hanno aggiunto i parlamentari del Carroccio, «vuole una risposta immediata per i nostri connazionali. Ci auguriamo che per Natale possano tornare a casa e non tra qualche giorno, come sembra invece voglia fare questo governo».

    «Gli Italiani rimasti bloccati nel Regno Unito dopo lo stop dei voli? Stiamo contattando personalmente», ha spiegato il leader della Lega, Matteo Salvini, «una per una le centinaia di famiglie che hanno dei lavoratori lontani da casa. Di Maio ha perso anche troppo tempo. Speriamo che facciano qualcosa perché siamo al 23 dicembre. Non c' è gente che era lì per vacanza, ma per lavoro».

     

    tamponi aeroporti 3 tamponi aeroporti 3

    «Sono centinaia», ha scritto in una nota la deputata di Forza Italia Deborah Bergamini, «gli italiani ancora bloccati in Gran Bretagna, dopo lo stop dei voli annunciato di punto in bianco dal ministro Speranza. Il governo sapeva da settembre di questa variante inglese e come al solito si è fatto trovare impreparato dimostrando un' intollerabile approssimazione nella gestione della crisi. Nonostante le rassicurazioni di queste ore, infatti, per i nostri connazionali, che hanno dovuto sostenere anche le spese per il tampone oltre a quella del volo, al momento non è ancora possibile fare rientro in Italia per le festività. Il governo si adoperi almeno per garantire il loro rientro aiutandoli a capire come fare», ha aggiunto la Bergamini, «perché il silenzio della Farnesina è inaccettabile».

    area tamponi a fiumicino 4 area tamponi a fiumicino 4 tamponi aeroporti 14 tamponi aeroporti 14

    Guarda la fotogallery
    ultime notizie