• Dagospia

    I TORY PRENDONO BORIS PER LE CORNA – ALTRO CHE “GLOBAL BRITAIN”: JOHNSON RICEVE JOE BIDEN AL G7 IN CORNOVAGLIA MA IL CLIMA NEL SUO PARTITO NON È DEI MIGLIORI. I CONSERVATORI SONO MOLTO INCAZZATI PER IL TAGLIO AI FONDI PER GLI AIUTI INTERNAZIONALI. E POI C’È LA QUESTIONE IRLANDA DEL NORD DA RISOLVERE CON L’EUROPA: LE TENSIONI TRA LONDRA E BRUXELLES SONO AI MASSIMI STORICI. E BIDEN HA ORIGINI IRLANDESI…


     
    Guarda la fotogallery

     

     

    Biden e Johnson lanciano la nuova Carta Atlantica ++

    joe biden e boris johnson con le consorti joe biden e boris johnson con le consorti

    (ANSA) - WASHINGTON, 10 GIU - Il presidente americano Joe Biden e il premier britannico Boris Johnson sono pronti ad annunciare nel coso del loro meeting in Cornovaglia "una nuova Carta Atlantica" per rafforzare la "special relation" tra Stati Uniti e Regno Unito. L'incontro si svolge alla vigilia del vertice del G7.

     

    La Carta Atlantica è la dichiarazione sottoscritta il 14 agosto del 1941 dal presidente americano Franklin Delano Roosevelt e dal premier britannico Winston Churchill a bordo della nave da guerra Prince of Wales ed è l'atto diplomatico che gettava le basi per il futuro ordine mondiale una volta terminata la Seconda guerra, fondato sulla cooperazione tra le grandi potenze alleate.

     

    Johnson riceve Biden, in corso faccia a faccia

    manifestanti di extinction rebellion al g7 in cornovaglia manifestanti di extinction rebellion al g7 in cornovaglia

    (ANSA) - WASHINGTON, 10 GIU - In corso in Cornovaglia, nella località di Carbis Bay, il faccia a faccia tra Joe Biden e Boris Johnson. Biden è arrivato con la first lady Jill ed è stato accolto dal premier britannico e da sua moglie Carrie. I quattro hanno goduto della vista sulla Baia di St.Ives per poi avviarsi verso l'edificio in cui si svolge il bilaterale.

     

    La Gran Bretagna globale di Johnson parte male

    Articolo di “El Pais” - dalla rassegna stampa di “Epr Comunicazione”

     

    BREXIT DAVID FROST MICHEL BARNIER BREXIT DAVID FROST MICHEL BARNIER

    Boris Johnson – leggiamo su El Pais - ha iniziato ad applicare il manuale di istruzioni della Brexit e a molti britannici non piace la figura che lo specchio sta mostrando loro. Il taglio dallo 0,7% allo 0,5% degli aiuti internazionali allo sviluppo, in contrasto con l'obbligo imposto dalla legge del 2015, ha provocato una protesta senza precedenti tra molti conservatori.

     

    La scusa è la pandemia e l'enorme spesa pubblica interna che è stata necessaria per alleviare i suoi effetti. La conseguenza: quando il vertice del G7 inizierà in Cornovaglia questo venerdì, il Regno Unito sarà l'unica economia ricca a tagliare gli aiuti esteri. La Gran Bretagna globale che Johnson ha promesso dopo aver lasciato l'UE sarà quindi, agli occhi di molti critici, un paese più egoista e con meno influenza internazionale.

    BORIS JOHNSON URSULA VON DER LEYEN BORIS JOHNSON URSULA VON DER LEYEN

     

    "Non è moralmente difendibile alleggerire il nostro carico finanziario a spese di alcune delle persone più povere e vulnerabili del mondo", ha detto l'ex primo ministro conservatore John Major. Gli ultimi cinque capi di governo prima di Johnson - lo stesso Major, Tony Blair, Gordon Brown, David Cameron e Theresa May - hanno unito le loro voci contro una decisione che vedono come un colpo irreversibile all'immagine del Regno Unito.

     

    joe biden e boris johnson con le consorti 3 joe biden e boris johnson con le consorti 3

    Accanto a loro, tutti i partiti dell'opposizione, le principali associazioni umanitarie e persino una dozzina di deputati democratici statunitensi, hanno chiesto a Joe Biden di pronunciarsi contro questi tagli, proprio quando Washington sta aumentando considerevolmente la sua dotazione di bilancio.

    John Major John Major

     

    Un gruppo di dissidenti del partito conservatore, guidati dall'ex ministro dello sviluppo internazionale Andrew Mitchell, ha forzato un dibattito alla Camera dei Comuni martedì sulla presunta illegalità della decisione. Hanno contato sulla complicità dello speaker del Parlamento britannico, Lindsay Hole, il primo ad essere indignato dai tentativi del governo di impedire ai parlamentari di affrontare la questione. Era un "dibattito d'emergenza", e il governo ha impedito un voto finale, ma la maggior parte degli interventi sono stati un punto dolente per il liberale e internazionalista Johnson, che si vanta di difendere le cause giuste.

    joe biden e boris johnson con le consorti 2 joe biden e boris johnson con le consorti 2

     

    "Ho partecipato a un'elezione in cui il manifesto del mio partito si impegnava a rispettare con orgoglio l'impegno dello 0,7%", ha detto l'ex primo ministro May con una notevole irritazione sul volto. "Non siamo ascoltati nel resto del mondo non perché siamo il Regno Unito, ma per le nostre azioni, e per come mettiamo in pratica i nostri principi. Il danno alla nostra reputazione derivante da questa mossa ci renderà più deboli quando si tratterà di sostenere qualsiasi causa".

     

    John Major John Major

    L'aiuto allo sviluppo britannico all'estero rimarrà uno dei più alti tra le nazioni sviluppate, ma il taglio previsto di circa 5,2 miliardi di euro significa una drastica riduzione della somma spesa per la scolarizzazione delle ragazze, la purificazione dell'acqua e la lotta alla tratta degli schiavi in paesi come Somalia, Siria, Yemen e Afghanistan.

     

     La scomparsa di un dipartimento specifico per lo Sviluppo Internazionale, l'integrazione del suo bilancio in quello del Ministero degli Affari Esteri, e l'aumento degli aiuti per le vaccinazioni internazionali, ha drenato risorse per altri progetti che richiedono la stessa o maggiore urgenza.

     

    In attesa dei tribunali

    joe biden e boris johnson con le consorti joe biden e boris johnson con le consorti

    Il governo Johnson dice che la sua decisione è temporanea e che tornerà allo 0,7% non appena l'economia lo permetterà. La legge sull'obiettivo dell'aiuto internazionale, approvata nel 2015, prevede nel suo testo un'eccezione: "circostanze economiche, e in particolare un cambiamento sostanziale del prodotto interno lordo".

     

    Ma è un'eccezione giuridicamente discutibile, poiché si riferisce alla possibilità che l'obiettivo non possa essere raggiunto, non al fatto che sia deliberatamente cambiato. Inoltre, Downing Street ha resistito anche all'impegno di invertire la misura l'anno prossimo, anche se la Banca d'Inghilterra ha annunciato - e il governo Johnson ci conta - che l'economia tornerà a una forte crescita nella seconda metà del 2021. Tutto fa pensare che i tribunali britannici avranno l'ultima parola.

     

    g7 in cornovaglia g7 in cornovaglia

    Al di là della testardaggine del ministro delle finanze Rishi Sunak per equilibrare i conti, c'è una ragione politica per cui Johnson persiste nei suoi sforzi. Gli elettori tradizionalmente di sinistra nel cosiddetto "muro rosso" dell'Inghilterra settentrionale, gli stessi elettori che hanno sostenuto la Brexit e che ora si sono spostati nelle file di un partito conservatore molto più nazionalista e populista, sostengono la decisione. Secondo l'ultimo sondaggio YouGov, il 54% del pubblico, contro il 28%, crede che "il governo ha ragione a tagliare gli aiuti esteri".

    david davis david davis

     

    "Questa decisione è immorale per il mondo e molto sconveniente per il Regno Unito" (David Davis, deputato conservatore)

     

    Il problema di questi sondaggi, tuttavia, sta nella semplicità della loro domanda. Questo è stato spiegato paradossalmente dal deputato conservatore David Davis, uno dei più accaniti sostenitori dell'uscita del Regno Unito dall'UE che però in questa occasione si è alleato con i dissidenti: "Naturalmente preferiscono che i soldi siano spesi nelle scuole britanniche piuttosto che in quelle di un altro paese", ha detto Davis. "Ma quando si mette sul tavolo la vera domanda, è allora che viene fuori l'onestà britannica. Quando si chiede se vogliono che i bambini muoiano a causa dell'acqua contaminata, il 76% risponde di no. Questa decisione è immorale per il mondo. Questa decisione è immorale per il mondo e molto sconveniente per il Regno Unito".

     

    boris johnson joe biden boris johnson joe biden

    Dopo più di un anno di Pandemia e di confinamento forzato, durante il quale Johnson è stato a malapena in grado di fare qualcosa se non proclamare in discorsi e gesti la sua visione di un nuovo Regno Unito "libero dalle catene dell'UE" e aperto al mondo, la sua migliore occasione per distinguersi doveva arrivare questo fine settimana.

     

    Il summit del G7 in Cornovaglia, iniziato venerdì, è stato il primo incontro faccia a faccia dei leader delle nazioni più ricche del mondo. E la prima visita in Europa del nuovo presidente degli Stati Uniti, Joe Biden.

    boris johnson joe biden boris johnson joe biden

     

    Il suo messaggio di solidarietà globale, il suo rinnovato sforzo per combattere il cambiamento climatico, il suo tentativo di estendere i vaccini ad ogni continente, sono stati preceduti da un enorme schiaffo del Parlamento, che ha accusato il primo ministro di mostrare il lato più brutto della Gran Bretagna globale che la Brexit avrebbe portato con sé.

     

    Uno schiaffo per l'Irlanda del Nord

    A Joe Biden non è mai piaciuta la Brexit. Ma al di là di questa realtà ormai irreversibile, il presidente americano, che ha radici irlandesi, considera essenziale mantenere il protocollo dell'Irlanda del Nord che ha portato con sé l'accordo di ritiro del Regno Unito dall'UE. È la garanzia, secondo Washington, di preservare la pace raggiunta nella regione con gli accordi del Venerdì Santo.

     

    jill biden e carrie symonds jill biden e carrie symonds

    Biden arriva sul suolo britannico questa settimana proprio mentre le tensioni tra Londra e Bruxelles sulla questione sono ai massimi storici. David Frost, il negoziatore di Johnson per gli affari europei, e il vicepresidente della Commissione europea Maros Sefcovic si sono incontrati mercoledì nella capitale britannica per cercare di disinnescare una situazione molto delicata. Frost chiede più flessibilità all'UE per rivedere un protocollo che ha imposto seri ostacoli burocratici al commercio tra l'Irlanda del Nord e la Gran Bretagna.

    jill biden al g7 in cornovaglia con la scritta love sulla giacca jill biden al g7 in cornovaglia con la scritta love sulla giacca

     

    E questo ha infiammato l'umore delle forze unioniste nella regione. Sefcovic ha avvertito sulle pagine del Daily Telegraph che "se il Regno Unito intraprenderà ulteriori azioni unilaterali nelle prossime settimane [il governo Johnson ha deciso di ignorare i controlli concordati], l'UE non esiterà a reagire rapidamente e fermamente".

     

    In passato, il team di Biden ha già affermato che il mancato rispetto da parte di Londra dei suoi impegni sull'Irlanda del Nord sarebbe un ostacolo molto serio alla conclusione di un accordo commerciale tra gli Stati Uniti e il Regno Unito. Proprio l'obiettivo principale fissato dal governo conservatore per dimostrare che l'avventura della Brexit era valsa la pena.

    g7 in cornovaglia g7 in cornovaglia boris johnson joe biden boris johnson joe biden joe biden boris johnson joe biden boris johnson carrie symonds e jill biden con wilfred johnson carrie symonds e jill biden con wilfred johnson

    Guarda la fotogallery


    Con Acea Energia puoi vincere la nuova Fiat 500 Passion Cabrio 100% elettrica. Partecipa al Concorso "Una vincita che farà ECO". Scopri di più!

    ultime notizie