• Dagospia

    È FINALMENTE INIZIATA LA GUERRA DI GRILLO A CONTE! - IL COMITATO DI GARANZIA (PER CUI SONO STATI ELETTI DI MAIO, FICO E RAGGI) HA UN SOLO E GRANDE POTERE: SFIDUCIARE IL CAPO POLITICO. E A PRESIEDERLO GUARDA IL CASO SARANNO PROPRIO LE TRE VESTALI DI BEPPEMAO CHE QUESTA ESTATE HANNO IMPEDITO A CONTE E CASALINO DI SPACCARE IL PARTITO - È STATO L'ELEVATO A VOLERE QUESTO COMITATO E SARÀ SEMPRE LUI A SERVIRE IL CONTO ALL’EX PREMIER DOPO IL DISASTRO DELLE COMUNALI...


     
    Guarda la fotogallery

    Emanuele Buzzi per il "Corriere della Sera"

     

    GIUSEPPE CONTE E BEPPE GRILLO A MARINA DI BIBBONA GIUSEPPE CONTE E BEPPE GRILLO A MARINA DI BIBBONA

    Era tanto attesa nel Movimento ed è finita nel modo più scontato con l'elezione di Virginia Raggi, Luigi Di Maio e Roberto Fico come membri del comitato di garanzia e Riccardo Fraccaro come nuovo esponente del collegio dei probiviri. Sono 30.073 i militanti pentastellati che hanno votato su Skyvote su circa 115 mila aventi diritto, ossia poco più di uno su quattro. Si potevano esprimere massimo due preferenze: una per genere e il risultato suona come un plebiscito al femminile per la sindaca di Roma che incassa 22.289 preferenze, il doppio di Fico (11.949) e Di Maio (11.748).

     

    fico grillo di maio fico grillo di maio

    Primo degli esclusi Andrea Liberati con 3.727 voti, seguito da Carla Ruocco (3.474) e Tiziana Beghin (3.112). Nel ballottaggio per un posto tra i probiviri la spunta Fraccaro su Grazia Di Bari con 21.097 voti contro 8.976. Una votazione fondamentale, quella per definire il comitato di garanzia, per due motivi: apre la nuova fase contiana del Movimento delineando subito degli equilibri più chiari, con un organo che si ritaglia le vesti di un vero arbitro nelle contese del Movimento (ha anche il potere di chiedere la sfiducia per Conte e Grillo) e in secondo luogo permette di far partire l'iter per le nomine politiche interne, che saranno dopo le Amministrative.

     

    virginia raggi foto di bacco (4) virginia raggi foto di bacco (4)

    Solo allora si vedranno le strategie dei malpancisti (una ventina), ma per adesso i venti di addii sono solo evocati. Di Maio, Fico e Raggi - che prendono il posto di Vito Crimi, Roberta Lombardi e Giancarlo Cancelleri che si sono dimessi a inizio agosto - staranno in carica per quattro anni e dovranno adoperarsi da subito per stilare i regolamenti necessari per l'elezione del comitato nazionale. Per quanto riguarda il collegio dei probiviri l'ex sottosegretario Fraccaro torna a occupare la carica che aveva lasciato nel 2019 per incompatibilità con il suo ruolo nell'esecutivo.

    VITO CRIMI E ROBERTA LOMBARDI VITO CRIMI E ROBERTA LOMBARDI

     

    Ora il collegio rimasto inattivo da giugno dopo l'addio di Raffaella Andreola (che è in corsa alle Comunali nel trevigiano, con una lista che si richiama a Casaleggio) può tornare a esaminare i dossier arretrati e comminare eventuali sanzioni. La «macchina» dei probiviri rischia però di bloccarsi presto: in un paio di mesi scadrà il mandato e Beppe Grillo dovrà decidere cosa fare (c'è chi ipotizza anche un voto di riconferma dei membri).

     

    riccardo fraccaro riccardo fraccaro

    Intanto ieri Conte ha ribadito nel corso di un intervento a Castelfidardo (Ancona) l'appoggio del M5S all'esecutivo. «Stiamo qui a sostenere il governo, ci siamo assunti questa responsabilità e la porteremo avanti». Qualche ora più tardi a Piazzapulita su La7 torna sulla caduta del governo giallorosso: «C'è stato un tentativo di remare contro che si è sviluppato dentro la compagine di governo. È chiaro che questo governo non stesse bene a tutti, anche a gruppi che possono far sentire la propria voce».

    Guarda la fotogallery


    Caldaia: perché è il momento giusto per cambiarla

    ultime notizie