• Dagospia

    IL DRIVE-THROUGH DEL SESSO – A COLONIA INVECE DI PERDERE TEMPO A PENSARE COME ELIMINARE LA PROSTITUZIONE, SI SONO INVENTATI LUOGHI DOVE CLIENTI E LUCCIOLE POSSONO INCONTRARSI: UNA SORTA DI PARCHEGGIO DOVE GLI UOMINI SI POSSONO SOLLAZZARE E LE SIGNORINE HANNO LA POSSIBILITÀ DI RIFOCILLARSI E PREMERE UN PULSANTE IN CASO DI EMERGENZA – E SE AD AMSTERDAM SI DISCUTERÀ A BREVE SULLE SORTI DEL QUARTIERE A LUCI ROSSE, IN NUOVA ZELANDA…


     
    Guarda la fotogallery

    Da "www.theguardian.com"

     

    un cartello esposto  nel quartiere a luci rosse di amsterdam. fotografia horacio villalobos 6 un cartello esposto  nel quartiere a luci rosse di amsterdam. fotografia horacio villalobos 6

    Nicole Schulze aveva 24 anni e un debito di € 40.000 (£ 36,6616) quando decise di diventare una prostituta. Era il 2004 e viveva a Colonia. Due anni prima la prostituzione era stata legalizzata in tutta la Germania e la città di Colonia si è rapidamente distinta: ha reso la prostituzione una parte importante della sua politica urbana.

     

    i parcheggi di colonia per le prostitute 2 i parcheggi di colonia per le prostitute 2

    Per i lavoratori come Schulze, questa decisione ha creato un insieme unico di condizioni. La città ha pensato che se doveva esiste la prostituzione, doveva esserci uno spazio sicuro e pulito. È stato deciso che la prostituzione sarebbe stata consentita solo in alcune zone della città. E al fine di incoraggiare sia le prostitute che i loro clienti a rispettare questa regola, in una delle aree consentite della città sono state costruite delle strutture per il sesso .

     

    prostitute nelle roulotte a eifelwall, colonia prostitute nelle roulotte a eifelwall, colonia

    Situato ai margini della città, il risultato è una specie di sex drive-through. I clienti percorrono una strada a senso unico, in una zona di circa due acri in cui le prostitute possono offrire i loro servizi. Una volta caricata, la prostituta accompagna il cliente in un parcheggio semi-privato. Per motivi di sicurezza, ogni spazio consente alle prostitute di fuggire facilmente se necessario – il posto auto è progettato in modo che la porta del conducente non possa essere aperta, ma quella del passeggero possa essere fatto facilmente. C’è anche un pulsante di emergenza per chiedere aiuto. Gli assistenti sociali sono presenti sul posto e offrono uno spazio per riposare, stare al caldo e accedere ai servizi igienici.

    prostitute ad amsterdam 2 prostitute ad amsterdam 2

     

    Schulze afferma di credere che la struttura funzioni bene. «Penso che ogni città dovrebbe avere uno spazio sicuro per le prostitute per lavorare, riposare. Dovrebbe esserci in ogni città perché la prostituzione è ovunque».

     

    L'atteggiamento secondo cui se la prostituzione è inevitabile dovrebbe essere sicura si è diffusa in tutta la città. «Anche nei quartieri in cui le donne sono in strada, c'è un bagno, una doccia, luoghi dove andare se hai bisogno di aiuto» afferma Schulze, ora avvocato presso un'associazione professionale di prostitute in Germania.

    prostituzione  prostituzione 

     

    L'idea si sta lentamente diffondendo. A Berlino, i funzionari stanno prendendo in considerazione una proposta di installazione di strutture in stile Colonia per le prostitute e i loro clienti in quello che oggi è il principale quartiere a luci rosse della città, a sud del parco Tiergarten. «È una questione di necessità» afferma Stephan von Dassel, sindaco del distretto di Mitte.

     

    GERMANIA - LE CABINE DOVE LE PROSTITUTE POSSONO INCONTRARE I CLIENTI GERMANIA - LE CABINE DOVE LE PROSTITUTE POSSONO INCONTRARE I CLIENTI

    Per anni ha lottato per bilanciare i diritti delle prostitute con i desideri della comunità. I residenti si lamentano spesso delle persone che fanno sesso nei parchi, dei preservativi usati disseminati sui marciapiedi e delle prostitute che defecano nei cespugli. «La gente del quartiere viene da me e mi dice 'Come puoi accettarlo? Devi fare qualcosa”», continua von Dassel.

     

    prostitute prostitute

    Una soluzione proposta, che sarà discussa in parlamento in autunno, è quella di costruire strutture dove le prostitute e i loro clienti possano incontrarsi. Ma Von Dassel teme che ciò porterà a una maggiore attività negli spazi pubblici. Vuole che la città consideri questioni più ampie relative alla prostituzione, come il traffico di esseri umani, l'abuso di droghe e la violenza.

     

    prostituzione 5 prostituzione 5

    Ad Amsterdam, che ospita forse il quartiere a luci rosse più famoso del mondo, la prima sindaca donna della città, Femke Halsema, ha annunciato un piano per ripensare il modo in cui la prostituzione deve essere “ospitata”. Ha suggerito quattro nuovi scenari: tende chiuse sulle 330 vetrine consentite; un numero ridotto di vetrine; segregare la prostituzione ai margini della città; o aprire più vetrine.

     

    prostituzione 3 prostituzione 3

    Amsterdam ha un altro problema: oltre al sovraffollamento e alla criminalità, le prostitute in vetrina sono sempre più soggette a folle di passanti con gli smartphone. «È diventato un evento turistico» afferma Sebastiaan Meijer, portavoce di Halsema.

     

    Gli scenari possibili saranno discussi dal consiglio comunale con il contributo pubblico di residenti, prostitute e imprenditori e un voto è previsto entro la fine dell'anno. «Forse c’è una quinta strada che non abbiamo ancora viso» ha detto Meijer. Alcune prostitute rimangono scettiche sul fatto che questi nuovi sforzi per migliorare le infrastrutture pubbliche stiano prendendo in considerazione le loro esigenze.

    prostituta 3 prostituta 3

     

    "Ora la giustificazione riguarda il fatto che le prostitute non vengono rispettate dai turisti - Luca Stevenson del Comitato internazionale per i diritti delle prostitute in Europa, che rappresenta circa 100 gruppi di prostitute in 30 paesi - Spesso le finalità di queste proposte sono limitare lo spazio occupato dalle prostitute in città. Penso che ci sia molta ipocrisia. Riteniamo che le esigenze delle prostitute debbano essere considerate una priorità dalle città e dai governi piuttosto che concentrarsi sul potenziale fastidio».

     

    prostituta 2 prostituta 2

    Alcuni guardano al modello della Nuova Zelanda, dove la prostituzione è stata depenalizzata nel 2003. Catherine Healy è la coordinatrice nazionale del New Zealand Prostitutes' Collective, un gruppo di supporto che lei e altre prostitute hanno fondato alla fine degli anni '80. Dice che le organizzazioni che rappresentano le prostitute sono quasi sempre al tavolo dei negoziati quando vengono prese in considerazione nuove politiche.

     

    i parcheggi di colonia per le prostitute 1 i parcheggi di colonia per le prostitute 1

    Ciò ha contribuito a rendere più facile per il suo gruppo di comunità per prostitute vicino ad aree dove le donne lavorano in strada. Il collettivo ora gestisce cinque centri che offrono accesso a docce, cibo, informazioni, servizi sanitari e luoghi di riposo. Il sistema non è perfetto, dice Healy, ma la Nuova Zelanda è gradualmente diventata un luogo in cui le esigenze delle sexworker sono diventate argomenti di dialogo.

    prostitute ad amsterdam 1 prostitute ad amsterdam 1 prostitute proposta  prostitute proposta  prostituta 1 prostituta 1 prostituzione 1 prostituzione 1 prostituzione 10 prostituzione 10 prostituzione 11 prostituzione 11 prostituzione 12 prostituzione 12 prostituzione 13 prostituzione 13 prostituzione 14 prostituzione 14 prostituzione 15 prostituzione 15 prostituzione 16 prostituzione 16 prostituzione 18 prostituzione 18 prostituzione 19 prostituzione 19

     

    prostituzione 17 prostituzione 17 prostituzione 2 prostituzione 2 prostituzione 3 prostituzione 3 prostituzione 4 prostituzione 4 prostituzione 5 prostituzione 5 prostituzione 6 prostituzione 6 prostituzione 7 prostituzione 7 prostituzione 8 prostituzione 8 prostitute proposta legge veneto prostitute proposta legge veneto

    Guarda la fotogallery
    ultime notizie