• Dagospia

    “CHIEDERÒ PER LA LEGA ALCUNI MINISTERI COME QUELLO PER LA FAMIGLIA E LA NATALITÀ” – L’AUDIO RUBATO A SALVINI RIVELA GLI APPETITI DEL "CAPITONE" – ECCO IL MOTIVO PER CUI VUOLE IL MINISTERO DELLA FAMIGLIA. L’IPOTESI ALESSANDRA LOCATELLI – INTANTO RIPARTE LA TARANTELLA CON GIORGETTI CHE PUNGE SALVINI: “NON È STATO UN ERRORE SOSTENERE IL GOVERNO” – VIDEO


     
    Guarda la fotogallery

     

     

    Da corriere.it

    MATTEO SALVINI MATTEO SALVINI

     

    Salvini scende nell’arena. E annuncia: «Per quanto mi riguarda chiederò per la Lega alcuni ministeri come quello per la Famiglia e la Natalità, perché bisogna tornare a mettere al mondo figli senza tanti problemi». Il segretario leghista parla a Saronno, in provincia di Varese, in un incontro a porte chiuse, prima tappa del “tour di ascolto” del partito dopo il poco soddisfacente risultato elettorale. Ma un audio viene subito diffuso.

     

    La conferma della richiesta leghista arriva dal capogruppo al Senato Massimiliano Romeo: «Con questo governo si spera di concretizzare i progetti che in Parlamento abbiamo più volte sostenuto, cercando di seguire l’esempio delle politiche del Trentino Alto Adige, la Regione che ha l’indice di natalità più alto».

     

    MATTEO SALVINI BACIA IL PROSCIUTTO MATTEO SALVINI BACIA IL PROSCIUTTO

     

    Il tema del ministero per la Famiglia, per la Lega, non è affatto nuovo. Fu ministro nel governo Conte 1 il vice segretario di Salvini, Lorenzo Fontana, fu ministra per breve tempo Alessandra Locatelli, che oggi fa l’assessora in Lombardia con la stessa delega. Proprio lei potrebbe essere il nuovo ministro. In realtà, ad oggi ricopre lo stesso incarico in Consiglio dei ministri Erika Stefani. Che però potrebbe diventare la responsabile degli Affari regionali per dare un impulso alle Autonomie regionali, uno dei punti forti del programma leghista. Ma nella Lega circola il nome, come possibile ministro all’Innovazione, di un altro assessore lombardo: Stefano Bolognini. La voce è riemersa con forza ieri, dopo che Matteo Salvini ha incontrato il presidente di Arexpo (la società che gestisce le aree dove si svolse Expo 2015) Igor De Biasio. E ha parlato delle aree come di quelle in cui potrebbe sorgere proprio il ministero all’Innovazione.

    alessandra locatelli alessandra locatelli

     

     

    Nell’incontro di Saronno, Salvini dà sempre la stessa spiegazione del risultato elettorale: «Abbiamo pagato il sostegno al governo Draghi». Simmetricamente, Giorgia Meloni e i Fratelli d’Italia sono diventati il primo partito perché «stare all’opposizione è ovviamente più facile».

     

    Prende la parola Giancarlo Giorgetti: «Salvini mi smentirà, ma non è stato un errore sostenere il governo. I congressi si faranno, tutti. Lo ha promesso Salvini stesso proprio là, nel cuore della Lombardia, dove l’aria di fronda soffia più forte. Francesco Speroni gli chiede se i leghisti possano sostenere l’iniziativa di Umberto Bossi e Salvini pare non abbia nulla da obiettare: «Se Umberto Bossi fa il comitato del nord è giusto che si faccia il comitato del nord».

    GIANCARLO GIORGETTI E MATTEO SALVINI GIANCARLO GIORGETTI E MATTEO SALVINI

     

    Guarda la fotogallery


    ultime notizie