• Dagospia

    C'E' RUMORE OLTRE IL SOLE! - LA NASA HA INTERCETTATO UNO STRANO RONZIO NELL'ELIOPAUSA, LA ZONA DELL'UNIVERSO OLTRE IL NOSTRO SISTEMA SOLARE - A RILEVARE IL BRUSIO, LA NAVICELLA SPAZIALE VOYAGER 1, IN ORBITA DA 44 ANNI, E ORMAI ARRIVATA A DISTANZE STRAORDINARIE: E' A 22 MILIARDI DI CHILOMETRI DA NOI, E CONTINUA AD ALLONTANARSI - I RISULTATI SUGGERISCONO CHE IL GAS INTERSTELLARE NASCONDA DI PIU' DI QUANTO SCOPERTO FINORA - VIDEO


     
    Guarda la fotogallery

    Dagotraduzione dall'Independent

     

    Voyager 1 Voyager 1

    La navicella spaziale Voyager 1, lanciata nello spazio 44 anni fa e ancora in giro per l'eliopausa, sta captando uno strano ronzio al di fuori del nostro sistema solare. La sonda, una delle prime ad aver esplorato il sistema solare esterno, sta ora viaggiando attraverso il materiale rarefatto costituito da gas e polvere che si trova tra le stelle nella galassia (anche detto «mezzo interstellare») oltre la zona d'influenza del nostro Sole.  

     

    «È molto debole e monotono, perché si trova in una larghezza di banda di frequenza stretta», ha detto Stella Koch Ocker, una studentessa di dottorato in astronomia della Cornell, che ha riconosciuto il rumore. «Stiamo rilevando il debole e persistente ronzio del gas interstellare».

     

    Voyager 1 Voyager 1

    I risultati suggeriscono che il gas interstellare nasconde molto di più di quanto scoperto finora. I ricercatori non sanno con certezza quale attività possa causare il rumore, ma suggeriscono che potrebbe essere il risultato di «oscillazioni di plasma eccitate termicamente».

     

    I ricercatori sperano di utilizzare Voyager per capire come il mezzo interstellare interagisce con il confine del sistema solare e come quel confine - noto come eliopausa - è modellato dal più ampio ambiente interstellare.

     

    Deep Space Network Deep Space Network

    Voyager 1 è ora straordinariamente distante da noi - si trova a 14 miliardi di miglia dalla Terra e si allontana continuamente - e può restituire solo una quantità limitata di informazioni. I ricercatori ricevono circa 160 bit al secondo dal veicolo spaziale, molto meno rispetto ai 21 kilobit che poteva fornire quando è partito la prima volta.

     

    Questi dati vengono trasmessi alla Terra attraverso il Deep Space Network, un insieme di strutture sparse in tutto il mondo che raccoglie informazioni dai veicoli spaziali in giro per il sistema solare e oltre.

     

    Voyager 1_3 Voyager 1_3

    Si prevede che Voyager continuerà ad analizzare il mezzo interstellare per i prossimi anni e i ricercatori sperano che parte di quel lavoro consentirà loro di continuare a monitorare la densità dello spazio oltre il nostro sistema solare. Nel documento pubblicato di recente, i ricercatori suggeriscono anche che le future missioni instellari potrebbero fornire ulteriori dettagli su quel ronzio di plasma.

     

    «Non abbiamo mai avuto la possibilità di valutarlo. Ora sappiamo che non abbiamo bisogno di un evento fortuito legato al sole per misurare il plasma interstellare», ha detto Shami Chatterjee, uno scienziato della Cornell University.

     

    Deep Space Network Deep Space Network

    «Indipendentemente da ciò che sta facendo il sole, la Voyager restituisce i dettagli. L'imbarcazione ci sta dicendo: "Ecco la densità in cui sto nuotando in questo momento. Ed eccolo adesso. Ed eccolo adesso. Ed eccolo qui ora". Voyager è piuttosto distante e lo farà continuamente».

     

    Un documento che descrive i risultati, «Onde di plasma persistenti nello spazio interstellare rilevate dal Voyager 1», è stato pubblicato su Nature Astronomy.

    Guarda la fotogallery


    Con Acea Energia puoi vincere la nuova Fiat 500 Passion Cabrio 100% elettrica. Partecipa al Concorso "Una vincita che farà ECO". Scopri di più!

    ultime notizie