• Dagospia

    LA PRIMA PROPOSTA CONCRETA DI CALENDA: UNA MENSILITÀ IN PIÙ PER I LAVORATORI, COMPLETAMENTE DETASSATA E DECONTRIBUITA CHE GLI IMPRENDITORI POSSONO RECUPERARE CON UN CREDITO DI IMPOSTA AL 50% - “QUESTO CONSENTIREBBE A CHI HA UNO STIPENDIO DI 1.300 EURO DI PRENDERE UNA EXTRA MENSILITÀ DECONTRIBUITA E DETASSATA DI 2.000 EURO OGNI ANNO. LO STATO  METTE IL 50% E L'ALTRO 50% CE LO METTONO GLI IMPRENDITORI” - LA SFIDA A BERLUSCONI: “FACCIAMO UN BEL CONFRONTO TV DOVE VUOLE LUI. ANCHE A CASA SUA. ANCHE SU RETE4. ANCHE MODERATO DA MINZOLINI”


     
    Guarda la fotogallery

    Estratto dell’articolo di A. Gen. per “il Messaggero”

     

    ENRICO LETTA CARLO CALENDA ENRICO LETTA CARLO CALENDA

    […] Come è «logico e di buonsenso», secondo Calenda, sostenere i lavoratori in difficoltà a causa dell'inflazione. E poco importa che questo sia un tema caro alla sinistra. Da qui il lancio della prima proposta elettorale: «Una mensilità in più completamente detassata e decontribuita che gli imprenditori possono recuperare con un credito di imposta al 50%. Questo consentirebbe ad una persona che ha uno stipendio di 1.300 euro di prendere una extra mensilità decontribuita e detassata di 2.000 euro ogni anno e lo aiuterebbe ad annullare gli effetti dell'inflazione sul carovita. È una cosa che molti imprenditori stanno facendo però tutto sulle spalle loro».

    carlo calenda 3 carlo calenda 3

     

    Spiegazione ulteriore: «Lo Stato deve mettere il 50% di questa mensilità in più. Facciamo un patto, leviamo tutte le tasse e i contributi su quella mensilità e l'altro 50% ce lo mettono gli imprenditori. Così noi riusciamo a recuperare totalmente il potere d'acquisto con un'operazione che sta nei conti pubblici. Quest' anno abbiamo un extra gettito dell'Iva derivante dall'inflazione».

     

    MARIASTELLA GELMINI - CARLO CALENDA - MARA CARFAGNA MARIASTELLA GELMINI - CARLO CALENDA - MARA CARFAGNA

    «Questa è una proposta concreta», chiosa il leader di Azione, «quando invece sentite le decine di miliardi di euro che vengono promessi... Ecco, quelle non sono proposte concrete». Chiaro il riferimento a Silvio Berlusconi e Calenda, impegnato com' è a «strappare i voti a Forza Italia, farà del Cavaliere il suo bersaglio quotidiano.

    Non a caso il leader di Azione già sfida il Cavaliere: «Facciamo un bel confronto televisivo. Dove vuole lui. Anche a casa sua. Anche su Rete4. Anche moderato da Minzolini. Aspetto fiducioso per dimostrare che ciò che dice Berlusconi non è vero».

    Guarda la fotogallery


    ultime notizie