• Dagospia

    CON LE TASSE CHE IL FISCO ITALIANO PERDE A CAUSA DEI PARADISI FISCALI CI PAGAVAMO UN ANNO DI STIPENDIO A 380 MILA INFERMIERI! - SECONDO IL RAPPORTO 2020 DI TAX JUSTICE NETWORK, ALL'ITALIA VENGONO SFILATI OGNI ANNO A 12,3 MILIARDI DI DOLLARI - TRA I PRIMI DIECI PAESI RESPONSABILI DELL'EMORRAGIA FISCALE, CI SONO OLANDA, USA, LUSSEMBURGO, GERMANIA E FRANCIA - MA CI SONO ANCHE GLI EMIRATI ARABI, DESTINAZIONE DELLA FAMIGERATA "LISTA DUBAI"


     
    Guarda la fotogallery

    Gianluca Paolucci per "la Stampa"

     

    tasse ai milionari tasse ai milionari

    Oltre 12,3 miliardi di dollari all'anno. Ogni anno, tutti gli anni. È quanto il fisco italiano perde ogni anno a causa della «concorrenza» dei paesi a fiscalità privilegiata. Il calcolo è contenuto nel rapporto 2020 di Tax Justice Network, organizzazione inglese che si batte da quasi 20 anni contro paradisi fiscali ed elusione transnazionale. Il dato è riferito al 2019 e, in tempi di Covid, l'organizzazione britannica si occupa anche di fornire un metro di paragone adeguato: con quei soldi il sistema sanitario avrebbe potuto assumere e pagare per un anno 379.380 infermieri.

     

    tasse ai ricchi tasse ai ricchi

    La cifra calcolata da Tax Justice Network per il nostro paese è pari ad appena il 2% del totale delle entrate fiscali del 2019 ma, ricorda lo stesso rapporto, le risorse perse corrispondono al 9% della spesa per la sanità e poco meno del 15% di quella per scuola ed eduzione. Cifra tanto più impressionante se si considera che riguarda in gran parte attività pienamente legali, sostanzialmente frutto della cosiddetta «ottimizzazione fiscale».

     

    milena gabanelli e le tasse in italia 1 milena gabanelli e le tasse in italia 1

    La maggior parte delle risorse perse - poco meno di 9 miliardi - sono generate da multinazionali o società di capitali, mentre circa 4 miliardi è riferibile a persone fisiche. Non è una sorpresa che la maggior parte di questi soldi vengono persi grazie alla concorrenza fiscale dei partner dell'Unione europea: tra i primi 10 paesi responsabili dei dell'emorragia fiscale, ben sei fanno parte della Ue e uno - la Gran Bretagna ne faceva parte fino al 1° febbraio del 2020.

     

    tasse tasse

    Al primo posto c'è l'Olanda, responsabile da sola - sempre secondo i calcoli dell'organizzazione britannica - del 16% dei mancati incassi fiscali. A seguire Usa, Lussemburgo, Germania e Francia. Nella classifica non sfigurano neppure gli Emirati Arabi, ovvero la destinazione della famigerata «Lista Dubai» citata dal direttore dell'Agenzia delle Entrate, Enrico Maria Ruffini, in una intervista a questo giornale. È al nono posto e da solo pesa per il 3% del totale.

     

    tasse tasse

    Sulla lista, acquistata dalla Germania e da questa ceduta anche all'Italia, sono al lavoro gli uomini dell'Agenzia e della Guardia di finanza. Una parte importante degli accertamenti riguarderà l'individuazione di quali tra i soggetti presenti nella lista sono perseguibili e quanti invece hanno seguito comportamenti perfettamente legittimi. Il precedente della Lista Falciani - un elenco di presunti evasori sul quale hanno lavorato le autorità fiscali di vari paesi, ma il cui utilizzo in Italia è stato negato da una serie di pronunciamenti della Cassazione - non spaventa gli investigatori. E l'eventuale emersione di reati potrebbe far finire le singole posizioni nelle mani della magistratura.

     

    TASSE ARABIA SAUDITA1 TASSE ARABIA SAUDITA1

    Una delle falle del sistema è proprio la perseguibilità dei fenomeni complessivi. I dati dei Laundromat - il riciclaggio di denaro da parte di cittadini russi prevalentemente verso paesi europei - ha dato origine anche in Italia «a una serie di accertamenti da parte della magistratura su singole posizioni da parte di varie procure, ma manca una ricostruzione del fenomeno complessivo e dunque di eventuali illeciti resi possbili da falle del sistema», spiega un investigatore.

    Guarda la fotogallery


    ultime notizie