• Dagospia

    AMERICA FATTA A MAGLIE - ROMNEY SCHIFA TRUMP (DOPO AVERNE INCASSATO L'ENDORSEMENT) E LA NIPOTE LO MASSACRA - ''POCAHONTAS'' WARREN PREPARA LA CANDIDATURA E IL PRESIDENTE SUGGERISCE ''CHIEDETE AL SUO PSICHIATRA'' - JILL ABRAMSON, EX DIRETTRICE DEL ''NEW YORK TIMES'', IN UN LIBRO SOSTIENE CHE IL GIORNALE INCORAGGIA I GIOVANI CRONISTI A CALUNNIARE IL PRESIDENTE E CHE SI E' GIOCATO LA CREDIBILITÀ. MICA MALE...


     
    Guarda la fotogallery

    Maria Giovanna Maglie per Dagospia

     

    ROMNEY TRUMP 1 ROMNEY TRUMP 1

    Ai propalatori di odio e di false notizie Trump si era rivolto augurando loro Buon Anno, ed ora arriva una sonora conferma di questo clima, e del ruolo dei media nel propalare l’odio e le false notizie, nel libro di un ex direttore del New York Times, “Mercanti di verità, il business delle notizie e la battaglia per i fatti”, che non solo spiega che l'indirizzo editoriale è quello di preparare materiale contro il presidente, ma che ormai viene fatto a spese di qualunque verità dei fatti.

     

    Al clima avvelenato naturalmente contribuisce il proseguire dello shutdown, la chiusura delle attività e degli esercizi federali perché sulla finanziaria non è stato raggiunto un accordo visto che i democratici si rifiutano di finanziare il muro di confine con Messico, per completare il quale occorrono almeno 5 miliardi di dollari. È un braccio di ferro, che si proietta sui prossimi due anni di governo con i democratici in maggioranza alla Camera e i repubblicani al Senato, ma che soprattutto delinea lo scontro della prossima campagna elettorale presidenziale, che sarà in buona parte centrata  sul problema dell'immigrazione, perché tutto il mondo è paese ormai.

     

    ronna romney mcdaniel ronna romney mcdaniel

    Comincia presto la campagna presidenziale, anzi è cominciata già, perché per esempio la democratica Elizabeth Warren ha già costituito il suo comitato esplorativo, che vuol dire una struttura che verifica le possibilità di farcela, e a lei in una intervista a Fox News, Trump ha riservato un commento al vetriolo. “Se avrà possibilità di sfidarmi e vincere nel 2020?. Non lo so, chiedetelo al suo psichiatra”.

     

    Potrebbe andare da uno psichiatra anche Mitt Romney, appena eletto senatore dello Utah con l'appoggio e l'endorsement volentieri accettati del presidente, e che ora torna a dare interviste ipercritiche su Trump, non fosse che Romney è fino in fondo il rappresentante dei moderati del partito repubblicano che non tollerano la nuova linea e il nuovo stile, o per i Trumpiani duri e puri è un Rino, Republican in name only, un finto repubblicano.

    TRUMP E ROMNEY TRUMP E ROMNEY

     

    Buon 2019 dagli States in guerra  politica, senza dimenticare che dal punto di vista economico stanno una favola, l'Europa se lo sogna il 3% di disoccupazione e I salari più alti degli ultimi 30 anni, con i part-time trasformati in full time, eccetera eccetera.  In due anni Donald Trump ha eliminato 1500 miliardi di dollari di tasse e investito 1500 miliardi di dollari in infrastrutture. A voi la deduzione.

     

    Intanto Jill Abramson, giornalista veterana che è stata a capo del giornale dal 2011 al 2014, sostiene che il Times incoraggia i giovani giornalisti a calunniare il presidente e che l’iniziativa contribuisce a eroderne la credibilità .

     

    ronna e scott romney fratello di mitt ronna e scott romney fratello di mitt

    “Mercanti di Verità”, si chiama così il libro nel quale la Abramson ha parole molto dure per il suo successore, Dean Baquet, sostenendo che ormai i media sono diventati il vero partito di opposizione, che ci sono pagine interamente dedicate alla campagna contro Trump, che così come fa il New York Times fa il Washington Post, quindi che i due colossi della cosiddetta informazione pulita e neutrale, dei fatti separati dalle opinioni, in realtà ormai manipolano titoli e analisi“.

     

    Insiste sullo split generazionale, spiegando che lo staff più giovane è tutto arruolato per assalire senza limiti la presidenza, ma che il senso di allarme per tempi di emergenza che richiedono procedure di emergenza ha contagiato un po' tutto lo staff dei giornalisti ricompensati peraltro dagli abbonamenti online che sarebbero saliti da 600mila a 2 milioni perché il pubblico più sfacciatamente Liberal adora storie anche inventate sui Trump.

    mark thompson e arthur sulzberger i boss del new york times mark thompson e arthur sulzberger i boss del new york times

     

    Della signora Abramson si dirà nei prossimi giorni che ha scritto un libro di vendetta, perché l'editore e proprietario da lei accusato di misoginia e maschilismo, Sulzberger, l'ha licenziata qualche anno fa, resta il fatto che le sue parole sono rese più autorevoli dal fatto che è stata a lungo capo del bureau di Washington e capo corrispondente di Wall Street.

     

    A dire la verità, il Washington Post ha messo a segno un buon colpo grazie a un editoriale critico della presidenza in modo veramente aspro, e firmato da Mitt Romney, già candidato alla presidenza per i repubblicani nel 2012 contro Barack Obama e sonoramente sconfitto, poi protagonista di violente polemiche con Donald Trump durante la campagna elettorale e dopo, nel 2016. Ora è stato eletto senatore dello Utah  al termine di una campagna faticosa anche grazie all'appoggio del presidente, che lo aveva o sembrava averlo perdonato.

    jill abramson DEAN BAQUET BILL KELLER jill abramson DEAN BAQUET BILL KELLER

     

    Trump ha risposto piccato all’editoriale critico, figuratevi se si teneva le accuse, ma soprattutto ha polemizzato con Mitt Romney Ronna McDaniel, che e’ la presidente del Cimitato Nazionale Repubblicano, ma che da nubile fa di cognome Romney, essendo la nipote di Mitt. Non c'è andata leggera.

     

    "POTUS is attacked and obstructed by the MSM media and Democrats 24/7. For an incoming Republican freshman senator to attack @realdonaldtrump as their first act feeds into what the Democrats and media want and is disappointing and unproductive"

     

    Jill Abramson del New York Times Andrea Ceccherini e Gerard Baker del Wall St Journal Jill Abramson del New York Times Andrea Ceccherini e Gerard Baker del Wall St Journal

    Il presidente è attaccato e ostacolato dai principali media e dai democratici 24 ore al giorno. Che un Senatore repubblicano appena eletto attacchi Donald Trump come sua prima azione rientra in quel che i democratici e i media vogliono, ed è tanto deludente quanto non produttivo.

     

    Tenete conto che di solito il presidente del Comitato Nazionale non interviene nelle polemiche politiche se non in piena campagna elettorale, è che quello è suo zio. Ma che cosa ha detto Romney? Che Trump sarà probabilmente rieletto nel 2020 ma che dopo 2 anni di presidenza è evidente che non è assurto né ci riuscirà alla dignità del suo ufficio.

     

    Un po' il tipo di orazioni funebri che sono toccate al vecchio Bush da morto, ma che gli avversari certo non gli riservavano quando era vivo, del tipo lui sì che rappresentava la nobiltà e la dignità della presidenza. Peccato che non sia stato rieletto, uno dei pochi casi nella storia della nazione.

    elizabeth warren in senato elizabeth warren in senato

    Diciamoci la verità, e’ come dice sua nipote, Mitt Romney poteva evitarsi una brutta figura da rosicone.

    elizabeth warren alla convention democratica elizabeth warren alla convention democratica

    Guarda la fotogallery
    ultime notizie