• Dagospia

    PORTE ABERTIS – NELLA TRATTATIVA TRA I BENETTON E LA CORDATA GUIDATA DA CDP IRROMPE FLORENTINO PEREZ, PATRON DEL REAL MADRID E SOCIO DEI BENETTON NEL GRUPPO SPAGNOLO ABERTIS: “STUDIAMO LA POSSIBILITÀ DI FORMARE UN GRANDE GRUPPO EUROPEO” - LA MOSSA ARRIVA ALLA VIGILIA DEL CDA CHE DEVE INIZIARE AD ESAMINARE L’OFFERTA DI CDP E DEI SUOI PARTNER. I BENETTON ORMAI SONO CONVINTI, SONO I FONDI CHE ALZANO L’ASTICELLA (PER GUADAGNARE DI PIÙ). TANT’È CHE IL PRESIDENTE DELLA HOLDING LAGHI STA CERCANDO INVESTITORI ISTITUZIONALI PER RAFFORZARE IL FRONE DEL SÌ…


     
    Guarda la fotogallery

    Teodoro Chiarelli e Francesco Spini per "la Stampa"

     

    FLORENTINO PEREZ - ACS FLORENTINO PEREZ - ACS

    Toccherà a un cda di Atlantia convocato per domani fare una prima disamina dell' offerta «definitiva» di Cassa Depositi e Prestiti e dei fondi Macquarie e Blackstone per Autostrade per l' Italia.

     

    ponte morandi ponte morandi

    Proprio mentre arriva una nuova manifestazione di interesse del presidente del gruppo spagnolo Acs, Florentino Perez. Il quale, per inciso, è anche socio di Atlantia nel gruppo autostradale Abertis e ha a disposizione una liquidità di quasi 5 miliardi di euro da investire. Nessuna offerta ufficiale, per ora. Ma l' affermazione è piuttosto esplicita: «Ci metteremo intorno a un tavolo con i nostri soci di Abertis per studiare la possibilità di formare un grande gruppo autostradale europeo».

     

    CARLO BERTAZZO CARLO BERTAZZO

    Una mossa che giunge alla vigilia del cda di Atlantia, convocato per domani, che farà solo una prima disamina dell' offerta di Cdp&Co: troppo poco il tempo a disposizione del presidente Fabio Cerchiai, dell' ad Carlo Bertazzo e dello stuolo di consulenti legali e finanziari per esaminare nel dettaglio le 110 pagine della proposta.

     

    fabrizio palermo foto di bacco (3) fabrizio palermo foto di bacco (3)

    Inevitabile proseguire la discussione in un secondo cda che arriverà a ridosso dell' assemblea di bilancio della holding infrastrutturale, controllata al 30% dalla famiglia Benetton, e convocata per il 28 aprile. Ma non sarà quella l' assemblea a cui il cda di Atlantia sottoporrà l' offerta di Cdp e dei suoi partner.

     

    fabio cerchiai fabio cerchiai

    Mancano i tempi tecnici per inserirla nell' ordine del giorno. Occorrerà una nuova assemblea che verrà convocata probabilmente nella prima quindicina di maggio. E qui nascono i problemi.

     

    crollo ponte morandi crollo ponte morandi

    Dal punto di vista del prezzo, l' offerta di Cdp e dei fondi si conferma a 9,1 miliardi. Su questo la discussione non si è mai riaperta. Nella proposta sono state invece riconsiderate le garanzie che Atlantia deve dare per i possibili indennizzi cui Aspi sarà chiamata, in primis relativi al crollo del Ponte Morandi a Genova. La cifra originaria, che era pari a 1,5 miliardi, ne esce sostanzialmente dimezzata: la manleva richiesta per i due «indemnity basket» è pari a un totale di 870 milioni.

    AUTOSTRADE PER L ITALIA AUTOSTRADE PER L ITALIA

     

    La prima garanzia richiesta passa da 700 a 430 milioni, mentre quella relativa alla causa con il ministero dell' Ambiente per la Variante di valico scende da 810 a 440 milioni. Tanto basta, secondo Edizione, finanziaria della famiglia Benetton decisa a chiudere la partita.

    enrico giovannini enrico giovannini

     

    Al punto che, secondo indiscrezioni, il presidente Enrico Laghi starebbe cercando attivamente investitori istituzionali con cui rafforzare, dentro Atlantia, il fronte del sì all' offerta di Cdp e fondi, un fronte di cui fa già parte Fondazione Crt. Ma che potrebbe non essere sufficiente.

     

    ENRICO LAGHI ENRICO LAGHI

    Questo soprattutto nel caso - nodo ancora non sciolto - non basti un' assemblea ordinaria, ma serva una straordinaria. Nella prima, si approva a maggioranza semplice, nella seconda servono i due terzi dei consensi. In questo guazzabuglio, il neo ministro delle Infrastrutture, Enrico Giovannini, non sembra dare molte aperture ad Atlantia. Giovannini ha inviato una lettera alla holding controllata dai Benetton sul dossier Aspi, invitando la società a rispettare l' accordo preso col governo precedente e che prevede il passaggio di Aspi in mano pubblica con la vendita a Cdp. Anche se sulla questione pende la minaccia di intervento dell' Unione Europea.

    florentino perez florentino perez ENRICO LAGHI ENRICO LAGHI LA DEMOLIZIONE CONTROLLATA DEL PONTE MORANDI LA DEMOLIZIONE CONTROLLATA DEL PONTE MORANDI camion basko ponte morandi camion basko ponte morandi ENRICO LAGHI 2 ENRICO LAGHI 2

    Guarda la fotogallery
    ultime notizie