• Dagospia

    NONOSTANTE CRISI E DIFFICOLTÀ, MILAN-JUVE HA SEMPRE IL SOLITO FASCINO - DOMENICA A SAN SIRO SI SFIDANO DUE SQUADRE CHE NON SORRIDONO: I ROSSONERI CROLLATI PER UN ERRORE ARBITRALE CONTRO LO SPEZIA, ALLEGRI STABILMENTE FUORI DALLA ZONA CHAMPIONS - EPPURE RESTA UNA PARTITISSIMA, VISTI I PRECEDENTI: LA FINALE DI CHAMPIONS, L'ACROBAZIA DI DEL PIERO, IL 6-1 DI LIPPI A SACCHI - ARBITRERÀ ORSATO...


     
    Guarda la fotogallery

    Antonio Barillà per "La Stampa"

     

    moise kean contro il milan 2 moise kean contro il milan 2

    Il Milan è lassù, a -2 dalla vetta, eppure triste per il sorpasso mancato e l'occasionissima buttata via con lo Spezia. La Juve è in ripresa, però fatica a sorridere: bivacca ancora fuori dall'area Champions e l'Inter capolista è lontana, ha 9 punti in più e una gara in meno.

     

    Fa nulla, il fascino della partitissima che si giocherà domenica rimane intatto. Lo custodiscono la voglia rossonera di ripartire e la determinazione bianconera di dare continuità alla scalata, ma in fondo nessuna posizione, nessuno stato d'animo potrebbe graffiarlo: è insito nella sfida stessa, nelle pagine di un romanzo lunghissimo, in una rivalità che affonda radici in un calcio di fango, palloni bitorzoluti e traverse fatte di funi.

     

    JUVENTUS MILAN JUVENTUS MILAN

    Il primo incontro ufficiale risale al 28 aprile 1901, semifinale del campionato federale in piazza d'Armi a Torino, vittoria del Milan che batterà poi il Genoa strappandole per la prima volta lo scudetto, i calciatori della Juventus vestiti ancora di rosa.

     

    Le due squadre s'erano già incrociate in amichevole, la prima volta il 22 aprile del 1900 allo stadio Trotter di Milano, ma l'epopea comincia con la doppietta di Negretti e il gol di Kilpin che inaugurano una saga di reti, emozioni e pure veleni.

     

    MILAN JUVE 1 A 6 NEL 1997 MILAN JUVE 1 A 6 NEL 1997

    Da allora, 205 gare in Serie A, nessuna sfida ha avuto così tante repliche, e il rewind impasta duelli sportivi e alleanze societarie, magie ed errori capaci di lasciare tracce profonde sull'albo d'oro del campionato italiano. Nel 1950, a Torino, sotto la neve, nella prima partita che la tv trasmette in via sperimentale, il Milan di Gren, Nordhal e Liedholm, rifila un clamoroso 7-1 alla Juve capolista, portandosi a un solo punticino, però il sorpasso resterà un'illusione cancellata dallo scudetto bianconero.

     

    MILAN JUVE 1 A 6 NEL 1997 MILAN JUVE 1 A 6 NEL 1997

    Nel 1971 parti invertite, 4-1 della Juventus a San Siro, Bettega segna di tacco e Nereo Rocco si toglie letteralmente il cappello, ma la vera rivincita nel punteggio arriva forse nel 1997 quando la Juve di Lippi, sempre in trasferta, divora (6-1) il Milan di Sacchi.

     

    È l'alba dell'era Berlusconi, la rivalità sportiva si inasprisce ma l'alleanza economica diventa più stretta, le squadre scalano i vertici e le società condividono il progetto di un calcio che resti romantico ma abbracci il business.

     

    MILAN JUVENTUS FINALE DI CHAMPIONS 2003 MILAN JUVENTUS FINALE DI CHAMPIONS 2003

    L'apoteosi è la finale di Champions League a Manchester, l'Italia sul tetto d'Europa, Ancelotti contro Lippi, una sfida lunga 120' e il sogno affidato ai calci di rigore: Dida e Buffon sono protagonisti, ma Gigi ipnotizza solo Kaladze e Seedorf, il brasiliano intercetta invece i tiri di Trezeguet, Zalayeta e Montero, così quando Shevchenko scaraventa in gol dal dischetto il Milan agguanta la coppa.

     

    LA ROVESCIATA ASSIST DI DEL PIERO PER TREZEGUET CONTRO IL MILAN LA ROVESCIATA ASSIST DI DEL PIERO PER TREZEGUET CONTRO IL MILAN

     

    Anni formidabili, cicli sovrapposti, contese dure, fotofinish. Nel 2005 la Juve allunga le mani sul titolo, poi revocato, imponendosi a San Siro per 1-0: il gol è di Trezeguet ma resta negli occhi il meraviglioso assist in acrobazia di Del Piero.

     

    Il Milan vince il titolo nel 2011, dopo anni di dominio interista, l'anno dopo si impone però la Juve che inaugura la fiaba dei nove scudetti: decisivo il pari di San Siro che scatena infinite polemiche per via d'un gol fantasma di Muntari, l'arbitro ingannato dalla respinta di Buffon avvenuta in realtà oltre la linea.

     

    I rossoneri sono già in vantaggio, metterebbero in ghiaccio i tre punti, all'abbaglio segue invece il pareggio di Matri che peserà moltissimo sul verdetto finale: «Poteva cambiare la storia» sospira ancora oggi Adriano Galliani.

     

    MILAN JUVE CHIESA MILAN JUVE CHIESA

    Quell'anno, sulla panchina rossonera sedeva Allegri, adesso tornato a Torino per ricostruire la Juve, e in attacco brillava Ibrahimovic, di nuovo rossonero dopo i gol segnati a Parigi, Manchester e Los Angeles, tappe di una carriera decollata in bianconero dopo la culla dell'Ajax: testimonianze di incroci sentimentali, di storie personali che si intrecciano alla Storia, altri spunti per una classica senza tempo.

    juve milan juve milan

    juve milan juve milan

    Guarda la fotogallery


    ultime notizie