• Dagospia

    PENE DELL'INFERNO - SE PENSATE ANCORA CHE PRENDERE IL COVID SIA UNA PASSEGGIATA, SAPPIATE CHE È STATO REGISTRATO IL PRIMO CASO IN ASSOLUTO DI UN UOMO CHE HA SOFFERTO DOLORI LANCINANTI ALL'AUGELLO DOPO UN'INFEZIONE DA CORONAVIRUS CONSIDERATA "LIEVE" - TUTTA COLPA DI UN COAGULO DI SANGUE NELLA VENA DEL PENE, CHE DURANE L'EREZIONE PROVOCAVA LE FITTE - CI SONO VOLUTI DUE MESI DI TRATTAMENTO ANTICOAGULANTE PRIMA CHE IL PAZIENTE RIACQUISTASSE LA NORMALE FUNZIONE DEL SUO ARNESE...


     
    Guarda la fotogallery

    Dagotraduzione

    Seyed Morteza Bagheri e Zhale Tabrizi per www.onlinelibrary.wiley.com

     

    Sebbene il COVID-19 sia noto principalmente per i suoi sintomi respiratori, può avere manifestazioni extrapolmonari come l'ipercoagulabilità del sangue che può causare trombosi sia nel sistema arterioso che venoso. La trombosi della vena profonda del pene dorsale è molto rara e il motivo più comune sono i disturbi della coagulazione.

     

    dolori al pene per colpa del covid 4 dolori al pene per colpa del covid 4

    Il sintomo comune osservato è il dolore al pene soprattutto durante l'erezione e viene diagnosticato con una valutazione ecografica della vena. È necessario distinguere la trombosi venosa dorsale peniena profonda dalla trombosi venosa dorsale peniena superficiale poiché necessita di un trattamento anticoagulante.

     

    In un contagiato dal coronavirus si è verificato un caso unico di trombosi venosa dorsale del pene profonda. Si tratta di uomo sposato di 41 anni. Secondo la valutazione medica, il dolore si estendeva alle regioni perineale e inguinale ed è stato segnalato che era più acuto durante l'erezione.

     

    dolori al pene per colpa del covid 3 dolori al pene per colpa del covid 3

    Il paziente è stato indirizzato dall'urologo per la valutazione ecografica del pene e dei testicoli. Il dolore era iniziato 3 giorni prima dell'esame urologo, dopo la sua prima erezione completa per il rapporto, dopo il test positivo da COVID-19.

     

    L'uomo ha negato qualsiasi trauma al pene, precedente tumore pelvico o chirurgia pelvica. Non ha usato farmaci vasocostrittori. Aveva sintomi lievi di infezione da COVID-19 tra cui dolore muscolare, febbre, tosse e affaticamento. Aveva ricevuto un trattamento conservativo e non aveva assunto anticoagulanti, antivirali e corticosteroidi.

     

    dolori al pene per colpa del covid 1 dolori al pene per colpa del covid 1

    La sua storia medica non ha mostrato alcuna altra malattia significativa e alcun fattore di rischio per malattie cardiovascolari. Inoltre non aveva precedenti di trombosi venosa profonda. All'esame obiettivo del pene e dei testicoli, non è stato rilevato alcun reperto patologico come alterazioni del tessuto cutaneo, scolorimento, edema,

     

    La valutazione ecografica ha mostrato una trombosi della vena peniena dorsale profonda mentre la vena peniena dorsale superficiale, le vene iliache e la vena cava inferiore erano intatte.

     

    coronavirus coronavirus

    Immediatamente dopo la diagnosi ecografica di trombosi venosa dorsale peniena profonda, è partito un trattamento con Rivaroxaban con la dose di 15 mg due volte al giorno.

     

    Due mesi dopo l'inizio del trattamento, i sintomi del paziente erano completamente scomparsi e non aveva più dolore al pene durante l'erezione e disturbi sessuali.

     

    Approssimativamente, il 20-50% dei pazienti ospedalizzati con infezione da COVID-19 presenta test di coagulazione anormali che possono causare trombosi e occlusione microvascolare.

     

    La ricerca nella letteratura non ha mostrato alcun caso simile pubblicato in precedenza di trombosi venosa dorsale del pene profonda a seguito di infezione da COVID-19 e il nostro paziente è il primo caso segnalato.

    Guarda la fotogallery


    ultime notizie