• Dagospia

    "CON FINCANTIERI NESSUNA LITE. C'È VOLONTÀ DI COOPERAZIONE E DAL PUNTO DI VISTA OPERATIVO COLLABORIAMO BENISSIMO" - ALESSANDRO PROFUMO TENDE LA MANO A GIUSEPPE BONO E POI FLIRTA CON IL CONSORZIO FRANCO-TEDESCO KNDS PER LA CESSIONE DI OTO MELARA: "LA NAZIONALITÀ DELL'ACQUIRENTE NON È IL CRITERIO UNICO PER SCEGLIERE. PER NOI ESSERE PARTE DEL PROGRAMMA "EUROPEAN MAIN BATTLE TANK" (IL CARRO ARMATO EUROPEO DEL FUTURO) O IL PREFERRED SUPPLIER PER L'ELETTRONICA PER LA DIFESA RAPPRESENTA UNA OPPORTUNITÀ…"


     
    Guarda la fotogallery

    Alessandro Profumo Alessandro Profumo

    Da "il Giornale"

     

    Leonardo guarda a Knds come «potenziale partner interessante» per le opportunità di collaborazione su progetti della difesa europei che si aprirerebbero cedendo al gruppo franco tedesco, in tutto o in parte, l'area dei sistemi di difesa, dalla produzione di cannoni della ex Oto Melara ai siluri della ex Wass.

     

    oto melara oto melara

    Cauto l'ad Alessandro Profumo che - in audizione sul dossier di fronte alle commissioni Difesa e Attività produttive della Camera - ha sottolineato i criteri che avranno peso nel valutare le offerte («molte componenti strategiche e una componente economica»). A una domanda sulla presunta litigiosità nei rapporti con Fincantieri, altro potenziale acquirente, ha risposto: «Nessuna lite. C'è volontà di cooperazione e con Fincantieri dal punto di vista operativo collaboriamo benissimo».

     

    oto melara oto melara

    Ma è chiaro nel ribadire che la nazionalità dell'acquirente «non è il criterio unico per scegliere», e su eventuali rischi o opportunità dell'operazione dice: «Per noi essere potenzialmente parte del programma "European Main Battle Tank" (il carro armato europeo del futuro) o il preferred supplier per l'elettronica per la difesa per uno dei potenziali offerenti rappresenta certamente una opportunità che giudico interessante per il Paese». Knds, ha concluso, non è un competitor di Leonardo per l'elettronica da difesa sui mezzi blindati e aprirebbe al gruppo nuovi spazi di mercato.

    Giuseppe Bono Giuseppe Bono siluro wass siluro wass knds knds

    Guarda la fotogallery


    ultime notizie