• Dagospia

    QUANTI SEGRETI SI PORTA NELLA TOMBA L'ORCO DELLE ARDENNE? È MORTO IN CELLA MICHEL FOURNIRET, UNO DEI PEGGIORI SERIAL KILLER FRANCESI: FRA IL 1987 E IL 2003 HA RAPITO, VIOLENTATO E UCCISO ALMENO OTTO RAGAZZE - LA COMPAGNA MONIQUE OLIVIER, CONDANNATA ANCHE LEI ALL'ERGASTOLO, LO AIUTAVA A SCEGLIERE LE VITTIME E A SEPPELLIRLE - LA MAGIONE DEGLI ORRORI COMPRATA CON DELL'ORO RUBATO, IL TRUCCO DEL CANE PERSO PER ABBORDARE LE RAGAZZINE...


     
    Guarda la fotogallery

    Diana Alfieri per “il Giornale

     

    michel fourniret e le sue vittime michel fourniret e le sue vittime

    La sua vicenda agli inizi degli anni 2000 sconvolse la Francia e il Belgio. Stava scontando due ergastoli per l'omicidio di otto giovani donne, ma doveva essere processato per altri due delitti di cui aveva ammesso la responsabilità.

     

    foto di michel fourniret foto di michel fourniret

    Michel Fourniret, uno dei maggiori serial killer francesi, detto «l'orco delle Ardenne», è morto in ospedale. La sua salute era da tempo deteriorata, soffriva di Alzheimer e aveva problemi cardiaci e prima del decesso era stato posto in coma farmacologico per problemi respiratori. Si porta molti segreti nella tomba.

     

    michel fourniret e la moglie michel fourniret e la moglie

    Fra il 1987 e il 2003, Fourniret aveva rapito, violentato e ucciso almeno otto ragazze in Francia e Belgio con l'aiuto della sua compagna Monique Olivier, che lo aiutava a scegliere e a catturare le vittime. Anche lei è stata condannata all'ergastolo perché ritenuta responsabile di uno degli omicidi e complice in altri tre.

     

    michel fourniret michel fourniret

    La coppia era stata arrestata in Belgio nel giugno 2003 quando una delle sue vittime, una ragazza di 13 anni, riuscì a fuggire dal camioncino dove era stata rinchiusa e ad avvertire la polizia.

     

    michel fourniret e la moglie michel fourniret e la moglie

    Fourniret, ricordava ieri Le Parisien, era stato condannato in passato due volte per molestie sessuali. Nel 2014 l'uomo aveva confessato l'uccisione di altre adolescenti, la più giovane di soli 12 anni, tra il 1987 e il 2001.

     

    michel fourniret michel fourniret

    Durante la seconda carcerazione, nel 1984, aveva iniziato a corrispondere con la Olivier, una donna separata madre di due bambini. I due avevano iniziato a convivere nel 1987, quando lui era stato scarcerato.

     

    la casa di michel fourniret la casa di michel fourniret

    L'anno successivo il compagno di cella di Fourniret gli chiese aiuto per recuperare un bottino in lingotto d'oro sepolto in un cimitero a Fontenay-en-Parisis, vicino Parigi, ma poi l'«orco» si tenne tutto il denaro, uccidendo la compagna del suo amico.

     

    le foto delle vittime le foto delle vittime

    Con i soldi si comprò una magione a Satou nelle Ardenne, che gli servì come base per i suoi delitti. Le dinamiche dei suoi crimini erano sempre le stesse, per attirare le giovani vittime ricorreva a degli inganni.

     

    le foto di michel fourniret e della moglie le foto di michel fourniret e della moglie

    Le avvicinava con la scusa di aver perso un cane e chiedeva loro aiuto per cercarlo, poi le catturava e le segregava per stuprarle, seviziarle e ucciderle. Con la complicità della compagna, che lo aiutava anche a seppellirle.

     

    michel fourniret 1 michel fourniret 1

    In uno dei processi, nel 2008, Fourniret aveva chiesto clemenza per sua moglie, sostenendo che non sarebbe mai stata capace di fare del male. Negli anni poi è stata la donna, che era legata al marito da un rapporto di soggezione psicologica, ad aiutare gli inquirenti a fare luce sui numerosi delitti, ai quali nel 2020 si è aggiunta la confessione dell'ennesimo terribile crimine: il rapimento e l'uccisione di una bambina di 9 anni che era scomparsa nel 2003.

    una delle vittime una delle vittime monique olivier e michel fourniret monique olivier e michel fourniret

    Guarda la fotogallery


    Con Acea Energia puoi vincere la nuova Fiat 500 Passion Cabrio 100% elettrica. Partecipa al Concorso "Una vincita che farà ECO". Scopri di più!

    ultime notizie