• Dagospia

    SARETE TUTTI FELICI DI SAPERE CHE MENTRE NOI AFFOGHIAMO, L'ECONOMIA CINESE DECOLLA COME NON MAI - DEPURATA DAL VIRUS CHE HA DONATO AL MONDO (8 MILIONI DI MORTI), SI VANTA ANCHE DEL FATTO CHE QUEST'ANNO E IN QUELLI A VENIRE RAPPRESENTERÀ ALMENO IL 30% DELLA CRESCITA ECONOMICA MONDIALE. MA NON SOLO: I NOSTRI SUSSIDI PUBBLICI CONTINUANO A PAGARE MERCI PRODOTTE IN CINA, QUINDI PIÙ STIAMO FERMI E PIÙ LORO SI ARRICCHISCONO, AGGRAVANDO IL DIVARIO


     
    Guarda la fotogallery

     

    Dalla rassegna stampa di ''Epr Comunicazione''

     

    Poiché la maggior parte del mondo è ancora alle prese con la pandemia del coronavirus, la Cina sta dimostrando ancora una volta che un rapido rimbalzo economico è possibile quando il virus viene portato saldamente sotto controllo.

    L'economia cinese è cresciuta del 4,9 per cento nel trimestre luglio-settembre rispetto agli stessi mesi dell'anno scorso, ha annunciato lunedì l'Ufficio Nazionale di Statistica del Paese. La robusta performance riporta la Cina quasi al ritmo di crescita del 6 per cento circa che aveva registrato prima della pandemia – scrive il NYT.

    xi jinping xi jinping

     

    Molte delle principali economie mondiali sono uscite rapidamente dalle profondità di una contrazione la scorsa primavera, quando le chiusure hanno causato un forte calo della produzione. Ma la Cina è la prima a registrare una crescita che supera in modo significativo il punto in cui si trovava in questo periodo dell'anno scorso. Anche gli Stati Uniti e le altre nazioni dovrebbero registrare un'impennata nel terzo trimestre, ma sono ancora indietro o stanno solo recuperando i livelli precedenti alla pandemia.

    Il vantaggio della Cina potrebbe ampliarsi ulteriormente nei mesi a venire. Non ha quasi nessuna trasmissione locale del virus, mentre gli Stati Uniti e l'Europa devono affrontare un'altra ondata di casi in accelerazione.

     

    La vigorosa espansione dell'economia cinese significa che è destinata a dominare la crescita globale - rappresentando almeno il 30% della crescita economica mondiale quest'anno e negli anni a venire, ha detto Justin Lin Yifu, consigliere di gabinetto e decano onorario della Scuola nazionale di sviluppo dell'Università di Pechino, in una recente conferenza stampa del governo a Pechino.

    Le aziende cinesi rappresentano una quota maggiore delle esportazioni mondiali, producono elettronica di consumo, attrezzature per la protezione personale e altri beni molto richiesti durante la pandemia. Allo stesso tempo, la Cina sta ora acquistando più minerale di ferro dal Brasile, più mais e carne di maiale dagli Stati Uniti e più olio di palma dalla Malesia. Questo ha in parte invertito la tendenza al ribasso dei prezzi delle materie prime della scorsa primavera e ha attenuato l'impatto della pandemia su alcune industrie.

     

    xi jinping trinca xi jinping trinca

    Tuttavia, la ripresa della Cina ha fatto meno per aiutare il resto del mondo che in passato, perché le sue importazioni non sono aumentate quasi quanto le sue esportazioni. Questo modello ha creato posti di lavoro in Cina, ma ha posto un freno alla crescita altrove.

    La ripresa economica della Cina dipende da mesi anche da enormi investimenti in autostrade, linee ferroviarie ad alta velocità e altre infrastrutture. E nelle ultime settimane il Paese ha visto l'inizio della ripresa dei consumi interni.

    I ricchi e le persone che vivono nelle province costiere orientate all'esportazione sono stati i primi a ricominciare a spendere denaro. Ma l'attività sta riprendendo anche in luoghi come Wuhan, la città della Cina centrale dove è nato il nuovo coronavirus.

     

    "Hai dovuto fare la fila per entrare in molti ristoranti di Wuhan, e per i ristoranti di Wuhan che sono popolari su internet, l'attesa è di due o tre ore", ha detto Lei Yanqiu, una residente di Wuhan.

    George Zhong, residente a Chengdu, la capitale della provincia del Sichuan nella Cina occidentale, ha detto di aver fatto viaggi in tre province negli ultimi due mesi e di aver fatto attivamente shopping quando era a casa. "Spendo non meno che negli anni precedenti", ha detto il signor Zhong.

    La crescita economica della Cina negli ultimi tre mesi è stata leggermente inferiore alle previsioni degli economisti, dal 5,2 al 5,5 per cento. Ma la performance è stata ancora abbastanza forte da far sì che i mercati azionari di Shanghai, Shenzhen e Hong Kong siano cresciuti nelle prime contrattazioni di lunedì.

     

    La crescente ripresa del Paese si è manifestata anche nelle statistiche economiche solo per il mese di settembre, anch'esse pubblicate lunedì. Le vendite al dettaglio sono salite del 3,3% il mese scorso rispetto a un anno fa, mentre la produzione industriale è aumentata del 6,9%.

    Determinata a mantenere la trasmissione locale del virus a un livello pari o vicino allo zero, la Cina ha fatto ricorso a un monitoraggio completo della popolazione tramite cellulare, a blocchi settimanali dei quartieri e delle città e a costosi test di massa in risposta anche alle più piccole epidemie.

    xi jinping se la ride xi jinping se la ride

     

    Il rimbalzo della Cina presenta anche alcuni punti deboli, in particolare un aumento del debito complessivo di un importo pari a un terzo della produzione complessiva dell'economia. Gran parte del debito supplementare è costituito da prestiti contratti dai governi locali e dalle imprese statali per pagare le nuove infrastrutture, oppure da mutui contratti da famiglie e aziende per pagare appartamenti e nuovi edifici.

    Il governo è consapevole del rischio di lasciare che il debito si accumuli rapidamente. Ma l'accumulo di nuovo credito danneggerebbe l'attività immobiliare, un settore che rappresenta fino a un quarto dell'economia.

     

    Un altro rischio per la ripresa della Cina è la sua forte dipendenza dalle esportazioni. L'impennata delle esportazioni negli ultimi tre mesi, insieme ai prezzi più bassi delle importazioni di materie prime, ha rappresentato una parte considerevole della crescita economica. Le esportazioni rappresentano ancora oltre il 17 per cento dell'economia cinese, più del doppio della quota che rappresentano nell'economia americana.

    I leader cinesi riconoscono che le esportazioni del Paese sono sempre più vulnerabili alle tensioni geopolitiche, tra cui le mosse dell'amministrazione Trump per allentare le relazioni commerciali tra Stati Uniti e Cina. I cambiamenti nella domanda globale potrebbero anche minacciare le esportazioni, in quanto la pandemia colpisce le economie d'oltreoceano.

     

    CINA XI JINPING ECONOMIA CINESE CORONAVIRUS COVID PANDEMIA CINA XI JINPING ECONOMIA CINESE CORONAVIRUS COVID PANDEMIA

    Xi Jinping, il leader cinese, ha sempre più enfatizzato l'autosufficienza, una strategia che richiede l'espansione del settore dei servizi e l'innovazione nel settore manifatturiero, oltre a consentire ai residenti di spendere di più.

    L'approccio di Pechino per aiutare i cinesi comuni durante il rallentamento è stato quello di fornire alle aziende sconti fiscali e grandi prestiti da parte delle banche statali, in modo che le imprese non abbiano bisogno di licenziare i lavoratori. Ma alcuni economisti sostengono che Pechino dovrebbe invece distribuire tagliandi o assegni per assistere più direttamente i cittadini più poveri del Paese.

     

    Milioni di lavoratori immigrati cinesi hanno sopportato almeno un mese o due di disoccupazione in primavera, perché le fabbriche sono state lente a riaprire dopo l'epidemia. I giovani cinesi si sono ritrovati a mettere da parte i loro risparmi per mangiare.

    Ma gli economisti del governo cinese sono diffidenti nel fornire pagamenti diretti ai consumatori. Dicono che le priorità del governo sono la crescita guidata dagli investimenti e le misure per migliorare la produttività e la qualità della vita, come lo scavo di nuovi sistemi fognari o l'aggiunta di ascensori a tre milioni di vecchie torri di appartamenti che ne sono sprovvisti.

    fabbriche di vestiti cinesi fabbriche di vestiti cinesi

     

    "Abbiamo visto molti suggerimenti per aumentare i consumi, ma il punto cruciale è arricchire le persone prima di tutto", ha detto Yao Jingyuan, un ex capo economista dell'Ufficio Nazionale di Statistica che ora è un ricercatore politico per il governo.

    I governi occidentali hanno sperimentato gli assegni di disoccupazione extra-large, pagamenti una tantum e persino pasti sovvenzionati nei ristoranti. Questi pagamenti sono stati mirati ad aiutare le famiglie a mantenere un tenore di vita minimo durante la pandemia - che a sua volta ha alimentato la domanda di importazioni dalla Cina.

     

    fabbrica cinese degli iPhone 2 fabbrica cinese degli iPhone 2

    L'ampliamento del surplus commerciale - in cui l'aumento delle esportazioni ha superato la crescita delle importazioni - ha rappresentato 0,6 punti percentuali della crescita economica del 4,9 per cento, ha detto un funzionario lunedì. Il resto è dovuto ai consumi e agli investimenti in Cina.

    "Nel complesso, l'economia cinese è stata trainata principalmente dalla domanda interna", ha detto Liu Aihua, portavoce dell'Ufficio Nazionale di Statistica, in una conferenza stampa a Pechino.

    Ma Michael Pettis, professore di finanza all'Università di Pechino, ha detto che, poiché le persone in altri Paesi, sostenute da sussidi governativi, continuano a rivolgersi alla Cina per i prodotti durante la pandemia, "vedremo una recrudescenza del conflitto commerciale, e non solo USA-Cina, ma globale".

    Guarda la fotogallery
    ultime notizie